Ergotec: reggisella ammortizzato SP 05 e sella Relax

Tempo di lettura: 6 minuti

In prova due componenti votati al comfort: un reggisella ammortizzato e una sella con imbottitura in gel. Ambedue proposti dalla tedesca Ergotec, azienda che ha fatto della ricerca delle più svariate soluzioni per mettere a proprio agio il ciclista la sua bandiera.

Ha un ampio catalogo con prodotti davvero particolari, come per esempio diversi manubri regolabili in ampiezza e quindi angolazione. Ma anche attacchi manubrio e reggisella con diverse possibilità di regolazione, sempre alla ricerca della migliore posizione di pedalata. Trovate tutto nella pagina dedicata ai diversi prodotti.

Non solo: prevede un programma chiamato Safety Level che testa i singoli prodotti e li suddivide poi per tipologia di bici e fasce di peso dell’utenza finale, assicurando così sempre il componente esatto in ogni condizione. Per mia esperienza è l’unica azienda ad avere un simile laboratorio.

E’ stato naturale quindi per me rivolgermi a loro per chiedere un reggisella ammortizzato in prova, a cui si è aggiunta la sella e ringrazio Ergotec per la disponibilità.

Iniziamo a fare conoscenza con questi due componenti, partendo dal reggisella.

COMMENTS

  • michele

    Direi che per me è ok nel senso gradisco queste modifiche. Ho letto l articolo con lo smartphone credo sia la stessa cosa da PC. La formattazione è perfetta. L unica cosa non riesci a fare un unica pagina anziché 7 pagine? Cliccando sui vari punti il cursore può andare automaticamente all’ inizio del paragrafo corrispondente. Parliamo di inezie… Va bene così. Ciao

  • Ivano

    Ciao, per me va bene così , si legge che é un piacere. Bravo

  • Ciao ai pedalatori. Sono un ciclista scarso che spesso sta in sella – a volte – molte ore per portare a termine percorsi che altri terminano in più breve tempo. Ho provato diverse selle e diversi fondelli (e diverse posizioni sulla bici) e ho trovato un buon compromesso di comodità sulla mia MTB con la quale faccio tour di più giorni con anche 10 ore in sella. Ho dovuto faticare ma alla fine sto “abbastanza” bene. Mi piace anche la bici da strada e per questo ho una biciclettina-ina-ina (Triban 520) da 3 anni, scelta per le sue geometrie “comode” e per provare la strada (in mtb vado da 20 anni) senza spendere troppo all’inizio. Pur usando stessa sella della MTB, stessi fondelli di buona qualità, pur cercando posizione ottimale niente da fare: dopo 3 ore ne scendo come se mi avessero menato e con le parti sopra sella doloranti. Spesso la sera “gironzolo” nel blog per rileggere vecchi articoli (per leggerli li ho letti tutti) e ho ritrovato il test di questa sella che avevo dimenticato. Detto fatto, presa. Ovviamente ho ordinato la Relax M e mi hanno consegnato la Relax L ma questo lo davo per scontato! Poco male alla fine. La monto sulla mia biciclettina-ina-ina da strada (definirla da corsa sarebbe buffo, specialmente con me sopra) e mi faccio un giro di poco superiore ai 100 km verso i castelli romani (vivo a Ostia). Dopo 5 ore in sella (più veloce non ce la faccio purtroppo!!!!) devo dire che è veramente COMODA! Mi faceva male la schiena, il collo e i polsi ma ciò che poggio sulla sella no! Per cui, secondo la mia personale esperienza e pur sapendo tutti quanto sia individuale la risposta a questi accessori, devo dire che la Relax L ha funzionato benissimo e non vedo l’ora di “esportarla” anche sulla MTB!
    (e poi costa dù spicci…). 🙂
    GRAZIE Fabbio (2b)

    • Elessarbicycle

      Ciao Adriano, ogni tanto prendo in considerazione l’idea di cancellare gli articoli troppo vecchi, lo spazio del database sta terminando e qualcosa servirebbe sacrificare.
      Poi arriva un commento come il tuo, per un test di quasi tre anni fa che però, sembra, ti è stato assai utile.
      E quindi dovrò attingere al contocorrente e comprare altro spazio. E vabbè.

      😀 😀

      Fabio

  • Claudio

    Ho letto questa recensione molto volentieri,spiegazioni molto semplici da capire,complimenti veramente.

  • Francesco

    Grazie Fabio per il chiaro articolo e per il servizio.

    Ho appena acquistato questo reggisella, ma ho notato subito che la molla non lavorava. Ho pensato fosse troppo compressa e ho diminuito la tensione arrivando fino a toccare l’anello seeger. A questo si comprime, tuttavia non in modo fluido e solo se “cado” sulla sella: cioè se mi adagio normalmente non vedo nessuna compressione. Come dicevo solo una forte pressione lo fa comprimere ma in modo scattoso, quasi ci fosse un forte attrito statico a impedirne la discesa.
    Si tratta di un pezzo difettoso? Oppure rigidità iniziale? O anche necessità di grasso?

    Grazie

    Francesco

    • Elessarbicycle

      Ciao Francesco, una certa rigidità inziale c’è. E’ dovuta al montaggio per interferenza dei cuscinetti.
      Puoi velocizzare la resa svitando e riavvitando le brugole delle biellette, questo gli toglie parecchia tensione di montaggio.
      Comunque per la piena funzionalità servono un paio d’ore di utilizzo.
      Ricorda che la tensione corretta della molla è quando salendo in sella il reggisella si comprime per circa 5mm

      Fabio

      • Francesco

        Grazie Fabio della celere risposta.
        Credo però che per errore tu stia parlando dell’altro modello Ergotec da te testato. Io mi riferivo al modello SP 5.0 senza biellette.

        Grazie ancora

        • Elessarbicycle

          Ciao Francesco, devi perdonarmi ma da telefono non vedo il titolo completo dell’articolo (apro da pannello amministratore, non gli articoli) e pensavo fosse l’ultimo test pubblicato.

          Ok, ora capito. Questo è reggisella a molla, senza leveraggi. All’interno c’è una boccola piena che funge da battuta per la molla. Ha una piccola scanalatura se non ricordo male (passati troppi anni da questo test), a volte si sposta o necessita di una buona lubrificazione.
          Di solito il problema è li.
          Fammi sapere, aprirlo è facile

          Fabio

  • Francesco

    Ciao Fabio,
    ho optato per tentare inizialmente con la strada più immediata: cioè usarlo. A quanto pare in effetti esigeva qualche ora di peso delle terga in sella per cominciare a fare il suo lavoro! Ora pare funzionare a dovere.

    Grazie ancora,
    Un caro saluto

    Francesco

Commenta anche tu!