Accorciare tubi idraulici freni a disco Shimano

Tempo di lettura: 3 minuti

Gli impianti freno idraulici per Mtb/trekking sono forniti quasi sempre preassemblati. 

E’ una bella comodità perché semplifica il montaggio: colleghi le pinze ai supporti, infili le leve al manubrio, qualche fermo al telaio e hai finito. Alla portata di chiunque.

Però succede che i tubi idraulici siano troppo lunghi per la nostra bici. Le misure più comuni sono 1000 mm per l’anteriore e 1700 mm per il posteriore. E’ davvero tanto.

Lunghezza giustificata dal fatto che un tubo lo puoi sempre accorciare, mai allungarlo. Quindi è facile capire qual’è l’opzione migliore.

Ed è altrettanto facile ridurre quei tubi alla giusta lunghezza per noi.

Che non è sola necessità estetica: un tubo troppo lungo e sporgente è assai pericoloso.

Nessuna ansia da spurgo, nessun mal di testa da ricerche in rete, nessuna necessità di attrezzature particolari.

Serve poco: una buona tronchese, una chiave da 8, una pinza e un martello. 

Il resto è di solito compreso nella confezione dei freni e sono una oliva, uno spinotto e un piccolo ma essenziale tool che permette di serrare in sicurezza il tubo idraulico senza danneggiarlo.

Come vedremo non è operazione difficile. Circa un minuto di lavoro, massimo due.

Ma qualche attenzione serve se si vuole ottenere un buon risultato.

La prima e più importante è: MAI TIRARE LA LEVA FRENO A TUBO STACCATO

La seconda è prendere bene la misura del taglio; una guaina meccanica possiamo anche accorciarla per gradi, provando e riprovando finché non otteniamo la resa che vogliamo. Con un tubo idraulico no, più ci “giochiamo”, più sale il rischio di far danni. 

Se si seguono queste due regole e i consigli che leggeremo nei prossimi paragrafi ne verrà fuori un lavoro pulito senza che sia necessario spurgare l’impianto.

Come mai visto che taglieremo un tubo contenente olio e avvitato alla pompa? Perché se non tocchiamo la leva tutto resterà in pressione e poi, come detto, è roba di un minuto.

Quindi partiamo; per prima cosa assicuriamoci di avere tutto il necessario.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

COMMENTS

  • Ciao, non capisco dalle foto una cosa: l’oliva verrà compressa (e quindi farà da guarnizione) quando avviterò il tubo sulla pinza.
    dalle foto vedo che batto lo spinotto nel cavo con l’oliva lungo il tubo (diciamo 10 cm sotto) e successivamente avvitando il tubo spingerò l’oliva verso la pinza e, dilatata dallo spinotto nel tubo e spinta dalla vite si deformerà e farà tenuta.
    Ho compreso bene?
    grazie come sempre Fabio.

    • Elessarbicycle

      Ciao Adriano, l’oliva nuova scorre tranquillamente sul tubo e anche sullo spinotto; uno (io) la metto subito e poi batto lo spinotto altrimenti me la dimentico…
      Scherzi a parte, l’oliva è compressa dai due lati una volta inserito il tubo nella pompa: da un lato batte all’interno della vite cava, dall’altro incontrerà una piccola parete interna alla pompa. Avvitando si schiaccia tra i due “ostacoli”.
      Lo spinotto è ininfluente in fase di compressione e infatti nell’immagine dell’oliva smontata si vede fare capolino un pezzetto di tubo che qualcuno potrebbe scambiare per un o-ring.
      Spero di aver risolto il tuo dubbio. Non essendo bici mia e non volendo eseguire poi spurgo, mi sono limitato al lavoro di taglio. Fotografare gli interni significava smontare tutto e svuotare impianto, operazioni inutili ai fini del solo accorciamento tubi.
      Più in là vedremo tutte le operazioni relative ai comandi idraulici strada, sempre Shimano, dove servirà taglio, immissione olio,eliminazione bolle d’aria ecc, ma lì sarà con materiale nella mia effettiva disponibilità,quindi sarò libero di fare come credo.
      Quando ricavo un articolo sfruttando una bici che passa da qui, non mia, mi limito all’operazione e basta.
      Fabio

  • Adriano

    Super chiaro! GRAZIE ancora.

  • Lorenzo

    Ciao Fabio articolo sempre esauriente e dovizio di particolari. Volevo chiederti una cosa: sulla mia LR ci ho tolto il flat bar (ho capito che non lo digerisco nemmeno io) con uno da corsa, per adesso sto usando dei trp meccanici ma vorrei passare a degli idraulici, prendendo le leve shimano st-rs405 che sono le uniche 2x10vel. ossia le moltipliche che monto (le 11 vel. ancora non mi convincono), le posso collegare a delle pinze idrauliche che ho già in mio possesso? (Tektro auriga) o ci sono problemi di compatibilità? Grazie come sempre.
    Lorenzo

    • Elessarbicycle

      Ciao Lorenzo, più che l’innesto del tubo idraulico alle leve il problema è il rapporto di torchio. Non credo che corrisponda, che la pompa cioè abbia la corretta pressione per gestire queste pinze.
      Con gli idraulici è sempre più complessa la compatibilità rispetto ai meccanici, ogni pinza è studiata per quelle leve e conviene sempre attenersi alle compatibilità.

      Fabio

Commenta anche tu!