Pompe da officina Pro Bike Gear Competition e Performance XL

Tempo di lettura: 4 minuti

Test di un utensile indispensabile: la pompa da officina o pavimento che dir si voglia.

Due pompe in questo caso: una classica, di quelle con base di appoggio, lungo serbatoio e manubrio da impugnare; l’altra che trae in inganno, sembra una pompa da telaio, di quelle da portare con sé durante le uscite (e comunque è trasportabile) ma potrebbe costituire una valida alternativa alla pompa classica.

Ambedue proposte da Pro Bike Gear, azienda del gruppo Shimano. 

Come ho già avuto modo di raccontarvi, ho ricevuto diversi attrezzi da questo marchio.

Per un blog impostato come il mio, la recensione degli attrezzi ha senso.

C’è una ampia sezione officina, con la descrizione di molte operazioni. Ci sono diversi articoli su come creare la propria officina.

Provare sul campo qualità e funzionamento degli utensili, almeno quelli indispensabili, è uno dei tanti progetti che avevo in mente; non tutti riescono a vedere la luce, questo si e ne sono contento.

L’argomento utensili per bici è vastissimo. 

Quanti e quali scegliere dipende però da alcuni fattori, che significa poter ridurre il campo d’azione.

Prima chiusa da inondare è la voglia di curare personalmente la propria bici.

Seconda chiusa è fino a che livello di cura e manutenzione vogliamo spingerci.

Terza chiusa è tipo di bici, nel senso di cosa è montato sopra.

La risposta a questi dubbi fa la differenza tra l’immettersi nell’ampio fiume della meccanica o limitarsi al placido navigare per canali.

Però esistono alcuni attrezzi che chiunque deve possedere, navigatore avventuroso o meno: una buona pompa da officina in casa e minipompa, minitool e leve per copertoni da portare con sé durante le uscite.

Perché rispettare la corretta pressione di esercizio significa sicurezza e piacere di guida.

Ogni copertoncino ha un range di pressione, non esiste un valore univoco per ogni ciclista.

Mantenendosi rigorosamente entro questo range e aiutandosi con le tabelle dei produttori (almeno di quelli che le forniscono) e la propria esperienza ogni ciclista troverà la giusta pressione per quella gomma. 

Un copertoncino a pressione troppo altra non è un copertoncino che scorre meglio.

Un copertoncino a pressione troppo bassa non è un copertoncino più confortevole.

In tutte e due i casi abbiamo una bici che lavora male.

Quindi serve usare la corretta pressione, serve avere una buona pompa, serve che questa abbia il manometro.

Così ho deciso di recensire due pompe da officina, una come detto di foggia classica, l’altra somiglia a quelle da telaio.

La volta prossima conosceremo una minipompa da telaio e un minitool.

Anche stavolta c’è un video a corredo di questa recensione.

E’ lungo, lo so. Ho preferito però non velocizzare le parti relative alle pompe in azione. Ho voluto lasciare in tempo reale il funzionamento, così ci si può rendere conto dell’effettivo lavoro.

Una scelta in controtendenza rispetto alle regole che, mi dicono, fissano entro i 4/5 minuti massimo la durata tollerabile di un video.

Beh, alla fine è come con gli articoli: se uno è interessato, il tempo lo spende volentieri. E comunque, c’è sempre l’avanzamento veloce 😀

Come quando scorrete queste pagine, saltando le parti che non vi interessano.

Non saltate però la prossima, vediamo come sono fatte le pompe in prova.

Commenta anche tu!