The winner is…

Tempo di lettura: 2 minuti

Estratto il vincitore del concorso che ha messo in palio uno stem ammortizzato ShockStop by Redshift Sports.

Vi dico subito il nome: Matteo Lucchini.

Caro Matteo complimenti perché ti arriverà a casa un bel kit completo, visto che oltre l’attacco la Redshift Sports ha messo gentilmente a disposizione anche gli shim per manubri sia da 25,4 che da 26 mm.

Adesso qualche numero.

Le mail ricevute sono state 1182, meno degli effettivi iscritti al blog. Di queste ne ho dovute eliminare 57 per violazione delle (poche) regole o per errore nella risposte. Mi è dispiaciuto perché le domande erano banali e le regole davvero minime. Ma senza indicare l’indirizzo mail con cui si è iscritti o il nick usato non avevo altra scelta.

Ringrazio la Redshift Sports che è stata così gentile per aver avuto questa bella idea e per aver sostenuto una iniziativa unica tra blog e siti in lingua italiana. Alla fine credo ci abbiano guadagnati tutti tranne me.

E’ stato un bel vantaggio per i lettori che hanno potuto concorrere a zero spese; è stato un buon ritorno di immagine e di visibilità per l’azienda visto che grazie alla formula scelta l’articolo con il test dell’attacco manubrio è sempre tra i più letti; ci perdo io in accessi perché con l’iscrizione ti arriva l’articolo completo via mail e quindi in tanti preferiscono leggere da lì invece di connettersi al blog. Però va bene così, mi ha fatto piacere mettere in piedi questo concorso.

Ne farò un altro? Forse. Non è semplicissimo da gestire e soprattutto nei primi giorni, quando la media di mail era alta, star lì a verificare l’iscrizione di ognuno richiedeva tempo, spulciando pagine e pagine della lista iscritti.

Resta comunque una simpatica iniziativa, a casa ho diverso materiale che dopo i test mi è stato lasciato e potrebbe essere una idea metterlo in palio. Senza supporto ufficiale della azienda, solo come mia personale attività, anche perché si tratterebbe di oggetti usati. Ho qualcosa di nuovo (alcune aziende per sicurezza hanno inviato più esemplari) e forse sarebbe meglio. Ma devo prima parlarne con i produttori, potrebbero non vedere di buon occhio la cosa perché si potrebbe fraintendere un loro coinvolgimento diretto in un concorso: che, come ogni cosa in Italia, richiede una pletora di permessi e autorizzazioni per poter essere svolto.

Chiudo con tre note di servizio: la prima per il vincitore Matteo al quale chiedo di mettersi in contatto con me perché all’indirizzo mail indicato è attivo un risponditore automatico; la seconda è per tutti voi e sono le mie scuse per l’assenza di nuove pubblicazioni in questo torrido agosto. Avevo chiuso tutti i test in programma e volevo dedicarmi a qualche pedalata serena e lavorare ad alcuni articoli sulla tecnica di pedalata, la scelta della taglia, assetto in sella e così via. L’incidente di qualche settimana fa mi ha tolto possibilità e voglia di pedalare (le immagini che pubblico sul mio account Instagram sono di repertorio) e non riesco a sgombrare la mente per poter scrivere. In sella ci son tornato ma per giri brevi, giusto una sgambata per verificare i progressi. Che stentano ad arrivare, non c’è niente di rotto ma le botte si sentono ancora e un muscolo effettivamente si è stirato e fa piuttosto male. Passerà.

Infine preannuncio che a breve cancellerò il forum. Oltre a una incompatibilità tecnica che causa una quantità di problemi nella gestione del blog, la possibilità di iscrizione al blog (che è cosa del tutto diversa da un forum come ne conosciamo tanti in rete) mi sta esponendo a continui tentativi di intrusione. La priorità è il blog, il forum era un esperimento ma richiede un livello di controllo tale, oltre al tempo perso per cercare di farlo funzionare su questa piattaforma, che tenerlo sta diventando uno stress.

Godetevi le ferie, la famiglia, la bici, quello che volete.

Buone pedalate.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

COMMENTS

Commenta anche tu!