[Test] Selle Italia Model X Green Comfort+ Superflow

Come mettere la sella

Tempo di lettura: 7 minuti

Come mettere la sella “in bolla”

Mettere la sella in bolla, lo sappiamo, fa riferimento alla bolla della livella che poggiamo sulla sella per ricavare il parallelismo col suolo.

Una operazione tutto sommato semplice, un amico ad aiutare per tenere la bici ruote a terra, altrimenti non avresti il parallelismo, una o due viti su cui agire a seconda della tipologia di reggisella e il gioco è fatto.

Con la doverosa premessa che la messa in bolla è cosa diversa sia dall’altezza sella che dal suo avanzamento.

Beh, da qualche anno questa semplicità si è complicata, e perdonate la brutta costruzione retorica.

Perché? Perché le selle non sono più sempre e solo piatte da una estremità all’altra.

Nasi corposi che puntano verso il basso, zone finali che curvano nette verso l’alto, trovare dove mettere la nostra livella e soprattutto capire quale zona della sella debba essere in bolla può diventare complicato.

Come potrebbe essere nel caso di questa Selle Italia Model X Comfort+ SuperFlow, che con la forma Waved ha curve in abbondanza.

Potrebbe, ma non è.

Come principio generale la zona da mettere in bolla è quella del BRP, ossia l’acronimo che indica il Biomechanical Reference Point, quello che chiamiamo anche centro anatomico della sella.

Nel caso di questo modello (e altri della casa), corrisponde alla zona dove la sella raggiunge i 70mm di larghezza.

Serve un calibro? No, Selle Italia ha la buona abitudine di riportare un segno grafico, di solito sotto lo scafo, con l’indicazione del BRP.

Quindi basta usare una livella piccina, piazzarla in corrispondenza del BRP e abbiamo la zona dove ricavare la bolla.

Non trovate in commercio livelle come questa in foto, me le costruisco io ricavandone da livelle normali. Ne ho di diversa foggia e dimensioni, così da coprire ogni esigenza. Paranoico, ok…

Ma il BRP è importante anche per altre due misure: altezza sella e suo avanzamento.

Infatti il primo si misura dal centro del movimento centrale fino al BRP, il secondo dal centro dell’asse manubrio e sempre fino al BRP.

Ovviamente se la bolla è uguale per tutti, o è parallela al suolo o non lo è, altezza e avanzamento sono soggettivi e ogni ciclista dovrà applicare le sue misure, magari con l’aiuto di un vero specialista e non del solito biomeccanico improvvisato che usa solo un software e piazza tutti in sella come fossero atleti del World Tour.

Ricordando che il posizionamento è un processo graduale e soggettivo. Graduale perché serve allenare il corpo alla posizione, soggettivo perché se pure esistessero due ciclisti con identiche quote antropometriche è certo userebbero due assetti diversi.

Ma senza dilungarmi in altre chiacchiere, vediamo come mettere in bolla questa Model X Comfort+, con anche un breve accenno ai punti di riferimento per regolare altezza e avanzamento.

E adesso, pedaliamo.

COMMENTS

  • <cite class="fn">alfaluna</cite>

    Ottimo test come sempre, mi fai venir voglia di provarla visto il peggioramento della mia forma fisica (culo e mal di schiena si fanno sentire sempre più)

Commenta anche tu!