Sigma Rox 12

Come è fatto

Tempo di lettura: 11 minuti

 

Come è fatto

Forma austera eppure familiare; forse per via dei tre pulsanti in basso, del tutto simili a quelli di tanti smartphone.

Sul retro il sistema di aggancio a baionetta.

Il profilo anteriore è dominato dal logo aziendale a tutta lunghezza; il profilo posteriore è equamente diviso tra lo sportellino di accesso alla presa di ricarica Micro Usb e il vano di inserimento di schede di memoria MicroSd;  per ampliare la memoria fino a un massimo di 128 Gb, oltre quella interna ovviamente che è di poco superiore ai 6Gb.

Ecco i vani in dettaglio.

Una volta in carica la cornice del pulsante centrale si illumina di rosso; a carica terminata cambia in verde.

 

Oltre ai tre pulsanti frontale ne abbiamo altri tre sui lati. Vedremo nel prossimo paragrafo a cosa servono, per ora limitiamoci alle differenti viste che ci fanno apprezzare le proporzioni.

Le dimensioni sono paragonabili a quelle di un piccolo smartphone, come forse adesso non ne producono più. Eccovele in dettaglio.

Queste quelle in millimetri; la diagonale dello schermo è 3″e qui, forse, si sarebbe potuto osare di più. 

Anche perché questo Rox 12 fornisce una bella mole di informazioni durante la marcia, con schermate ampiamente personalizzabili. Come vedremo nel prossimo paragrafo.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

Commenta anche tu!