Si ricomincia

Tempo di lettura: 2 minuti

Vacanze del blog già finite.

In realtà nemmeno iniziate, solo una brevissima pausa che sono riuscito ad accorciare ancor più di quanto credessi.

Già, perché da alcuni giorni sono al lavoro su un nuovo test, uno di quelli che nascono per caso, non pianificati con largo anticipo come mi è solito.

E di insolito, almeno per questo blog, c’è stato anche “l’approvvigionamento” del materiale da sottoporre a recensione.

Ogni mese ricevo almeno una decina di mail di aziende e store online vari che mi propongono questo o quel test.

Rispondo a tutti perché mai lascio corrispondenza inevasa; ma in questo caso, poiché lo scopo è indurli alla rinuncia senza apparire inutilmente spocchioso (o almeno più di quanto lo sia già…) pongo una tale quantità di condizioni che riesco sempre a farli desistere.

Finché non capita l’imprevisto, l’eccezione; sotto forma di chi replica che quello che cerca è esattamente un blog come questo, con tutte le astruse condizioni annesse.

Anzi, proprio perché apprezzano le astruse condizioni.

A questo punto non ho altra soluzione che accettare a mia volta. 

E così è andata all’inizio di questo mese, quando dopo aver chiarito che libertà di giudizio, indipendenza nella gestione del lavoro e unica stella polare il dovere di informare con onestà i lettori sono per me imprescindibili, per la prima volta ho accettato il supporto di uno store europeo nella fornitura del materiale da testare.

Materiale che, anche qui è stata accolta la mia impostazione, dovevo essere io a scegliere e per il quale non avrei pubblicato un link diretto all’acquisto ma solo quello alla homepage del negozio.

Di fatto, meno di quanto concedo quando sono gli uffici stampa o le agenzie di comunicazione che curano i rapporti con la stampa per conto delle aziende a inviarmi materiale da recensire. Perché, lo avete visto, se l’azienda ha un proprio store ufficiale, il link a fine articolo lo trovate quasi sempre.

Quindi eccomi qui a pedalare con un nuove set di gomme gravel, proposte da azienda produttrice nostrana che ancora è assente da queste pagine e che mi intrigavano da tempo.

Il tempo medio di lavorazione di un test è tra le quattro e le cinque settimane, quindi entro la prima metà di settembre lo troverete online.

Non è l’unica cosa su cui sto lavorando.

Dopo tante margherite sfogliate nella scelta del telaio da gravel che mi serve per gli articoli autunnali e una richiesta non andata a buon fine perché prima di novembre o dicembre non sarebbe stato possibile inviarmi quanto richiesto (quindi troppo in là per i miei tempi) ho deciso di acquistare io, da privato.

Una spesa che in questo momento mi sarei evitato, vi confesso.

Ma necessaria; e il fatto di aver deciso per l’acquisto mi libera da qualunque impellenza o necessità di rispettare una ulteriore tabella di pubblicazione: è mio, ne faccio quello che voglio, pure segarlo in due se mi aggrada.

Ok, non arriverei a tanto, ma su telai forniti dalle aziende devi rispettare loro eventuali accordi commerciali, per cui, ad esempio, una tale marca di componenti non puoi usarla.

Telaio mio, monto quello che voglio.

Quale ho scelto alla fine lo scoprirete; per ora, finché non è da me, mantengo il riserbo.

Nulla di eccezionale, ho scelto in base agli standard di montaggio a me necessari e con una colorazione che mi permettesse chiare fotografie, soprattutto in fase di montaggio. E a un costo relativamente basso, ho budget assai limitato.

Dubito sarà consegnato prima della fine di questo torrido agosto. Quando arriverà, scopriremo insieme come è fatto.

Nel frattempo c’è ancora altro da organizzare anche se a ritmo più blando.

Del resto mai ho pubblicato ad agosto se non chiacchiere in libertà, come queste; fermo del tutto no ma nemmeno l’impegno frenetico a cui sono costretto durante l’anno.

Certo, le temperature non invogliano, stamattina alle 6 già registravo 26 gradi; alle 8 sfioravo i 30. Per me che soffro il caldo, trovare la voglia di barattare la piscina o la spiaggia con i pedali non è proprio facile. 

Ma alla fine torno sempre alla solita questione: mica sono obbligato, lo faccio per piacere mio e, spero, anche vostro.

Quindi va bene così, si ricomincia e spero di riuscire a proporre un autunno interessante.

Buone pedalate.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

COMMENTS

  • Paolo Mori

    Forse anche solo per considerazioni estetiche i Gravel Grinder non mi attirano molto, ma sapendo che non sei riuscito a far desistere la Challenge dal farteli provare sono curioso di leggere il test… magari sono pure buoni. Come dicono i giovini sull’internet: challenge accepted 😀

    • Elessarbicycle

      Ciao Paolo, in realtà non è stata Challenge a propormi il test ma uno store specializzato nella commercializzazione di gomme (e altro) per bici.
      Sono stato io a scegliere marca e modello dal vasto catalogo, praticamente ci sono tutti i produttori.
      Scelto i grinder proprio perché se ne parla tanto e io, si sa, devo toccare con mano per avere certezze.
      Per ora sono ancora ai test su asfalto, con queste temperature andare a sfidare ogni sorta di insetto xxxxl che brulica sui miei sentieri non è cosa. E, anticipo, su asfalto hanno mostrato qualche crepa. Vedremo la prossima settimana quando inizieranno a saggiare la terra…

      Fabio

      • Paolo Mori

        Vedremo… comunque ho già praticamente deciso cosa andrà a sostituire i Gravelking SK quando (o forse dovrei dire “se”) saranno pronte le ruote con cerchi da 27.5 per la Rove. Ci sono in giro troppe opinioni positive per ignorare ancora i Compass/Renè Herse, anche se non sono proprio regalati 😀

        • Elessarbicycle

          Beh, Compass è un livello assai alto, non resterai deluso.
          Purtroppo mi è difficile metterci le mani su per un test, dinamiche varie tra azienda e distributori rendono complicato sviluppare un test.
          Ma prima o poi…

          Fabio

Commenta anche tu!