Pedali Shimano PD-RS500

Le tacchette SPD-SL

Tempo di lettura: 5 minuti

Le tacchette SPD-SL

Resto convinto che se mamma Shimano non avesse deciso di usare il prefisso SPD anche per le loro tacchette stradali sarebbe stato meglio; sicuramente per me, non immaginate quante mail ricevo con la fatidica domanda “queste scarpe le danno compatibili SPD ma hanno tre fori e non due!” E io a spiegare la differenza, oltre a suggerire di informarsi meglio; prima.

Vabbè, nessuno mi ha obbligato a tenere questo blog, non mi lamento.

Andiamo alle tacchette.

Classifico.

…………………………………………………………………….

Le SM-SH10 hanno gommini rossi e libertà angolare di 0 gradi; praticamente il piede ha posizione fissa, non c’è possibilità di rotazione. Io le consiglio solo a chi pratica ciclismo a livello agonistico e ha una postura in sella perfetta. Sono le più tenaci in presa ma anche le meno veloci da sganciare. 

…………………………………………………………………….

Le SM-SH12 hanno gommini blu e libertà angolare di 2 gradi; praticamente il piede può spostarsi a trovare naturalmente la propria posizione ma è comunque libertà piuttosto limitata. Data la foggia in punta, evidente la differenza confrontando con le gialle più in basso, la mobilità della zona anteriore è ancor più ridotta. Offrono buona presa e non sono troppo lente da sganciare; vanno comunque posizionate con cura per evitare problemi alle ginocchia. 

…………………………………………………………………….

Le SM-SH11 hanno gommini gialli e libertà angolare di 6 gradi; praticamente un ampio arco concesso al piede di ruotare, sia avanti che dietro: sarà lui poi a trovare la sua naturale posizione, fermo restando che la collocazione delle tacchette sia quella giusta. Sono anche le più veloci da sganciare.

…………………………………………………………………….

Mi rendo conto che la descrizione potrebbe non bastare, difficile visualizzare.

Provo aggiungendo questa immagine che dovrebbe far comprendere meglio.

Ora dovrebbe essere più chiara la differenza nel “flottaggio”.

A parte la tacchetta rossa che è fissa, blu e gialla oltre al diverso raggio di movimento si distinguono tra loro anche nella possibilità rotazione di punta e zona posteriore.

Infatti mentre la gialla SM-SH11 gode di 6 gradi di spostamento su ambo i versanti, vediamo che la blu SM-SH12 ha movimento limitato in punta.

Questo perché cambia il pivot, il fulcro tra le due tacchette. Quello delle blu è più spostato in avanti, come mostra questa immagine in basso.

Ma questo, comprendo, non risponde alla domanda che vi sarete posti leggendo: che tacchette vanno bene per me?

E pure avete ragione.

In linea di massima la rossa io la consiglio solo a chi ha postura perfetta, ginocchia in ottime condizioni e segue uno scrupoloso allenamento. L’impossibilità per il piede di ruotare si ripercuote proprio sulle ginocchia e per noi amatori della domenica, magari con qualche decade sulle spalle, meglio guardare altro.

La blu è un ottimo compromesso tra tenacia e libertà. Vanno benissimo per chi pedala con grinta, si gioca le sue gran fondo, vuole sicurezza di tenuta nello sprint. 

La gialla è la tacchetta universale, quella perfetta per noi appassionati. Sportivi ma non agonisti, pedalatori ma i traguardi ce li creiamo noi e la volata è quella per non dover pagare la colazione a tutti.

Segnalo un utile accessorio: gli spessori SM-SH20 da frapporre tra suola e tacchetta.

Le gambe, lo sappiamo, non hanno identica lunghezza tra destra e sinistra, le pedivelle si. Per compensare la nostra asimmetria con la perfetta simmetria della bici, è possibile adottare questi spessori che distanziano da un minimo di 1 mm a un massimo di 5 mm.

Utili ma per essere usati correttamente serve qualcuno esperto che sappia mettervi in sella. Il fai da te è sconsigliato. Però è bello sapere che ci sono.

Ultimo optional disponibile, che segnalo per dovere di cronaca ma non è che scateni le mie fantasie, sono i catadiottri SM-PD65.

In alcuni Paesi sono obbligatori, anche da noi lo sarebbero. Vabbè.

Agganciamo e partiamo con la prova su strada.

COMMENTS

  • Ogni volta che un tuo articolo analizza e approfondisce un componente capisco sempre meglio la incolmabile differenza di necessità tra un amatore – più o meno evoluto – e un professionista; alcune caratteristiche sono praticamente inusabili, o quasi, senza una tecnica e fisicità adeguate al componente.
    Molto interessante!

Commenta anche tu!