[Officina] Come scoprire se il forcellino cambio è danneggiato

Tempo di lettura: < 1 minuti

A volte c’è un problema alla trasmissione che proprio non riusciamo a risolvere.

La catena saltella, non vuole saperne di restare sul pignone assegnato e noi lì, a verificare tensione cavo, finecorsa, usura di pignoni e catena ma niente, la soluzione non arriva.

Perché stiamo accusando degli innocenti.

Spesso il colpevole è il forcellino cambio che si è leggermente storto.

Soprattutto se i problemi si presentano in zona mediana della cassetta pignoni.

Cos’è il forcellino cambio? E’ li dove è avvitato il cambio.

Telai in acciaio lo hanno in un sol pezzo con la fusione del forcellino ruota, telai in acciaio a perno passante (anche alcuni per QR) e tutti i telai in alluminio e carbonio di buona fattura lo hanno removibile.

Una linguetta avvitata al telaio, in materiale più tenero di quest’ultimo: così in caso di impatto cede lui e non il telaio o il cambio.

Si è storto? Nessun problema, è disponibile come ricambio (a volte faticoso da reperire con modelli più anziani) e la bici torna in forma.

Basta poco a rovinare un forcellino cambio. Non serve una caduta o una impatto; basta un trasporto poco attento (quante me ne hanno portate di bici acquistate online con il forcellino piegato), anche la compressione nel bagagliaio dell’auto, con la valigia della consorte a premere (infatti mia moglie mi raggiunge col treno…) perché questa piccola parte della nostra bici si deformi.

Quel tanto che basta a rendere la trasmissione ballerina, quel poco che basta per non farsi notare a occhio nudo.

Si, perché se il danno è evidente, nessun problema; se è minimo, è difficile notarlo.

A meno che si usi un utensile apposito.

Funziona con lo stesso principio del centraruote, solo che qui è la ruota a fare da riferimento.

Lo si avvita al posto del cambio e si controlla.

Come? 

Nel video in basso lo potete vedere in azione.

Buona visione


Tutti gli articoli della sezione Tecnica e Officina


COMMENTS

  • <cite class="fn">Alberto</cite>

    Ciao Fabio,
    quindi quando il riscontro non è in battuta costante e il forcellino è integrato,
    bisogna raddrizzarlo piegandolo con attenzione con lo strumento?

  • <cite class="fn">Alberto</cite>

    Ciao Fabio,
    ho acquistato subito la dima per il riscontro, il cerchione era calibrato perfettamente, stavo iniziando con
    estrema cautela a modificare l’angolazione del forcellino integrato, quando
    mi sono accorto di non aver montato le regolazioni micrometriche dei forcellini…
    ho avvitato i riscontri e posto la ruota sulla mezzeria perfetta del telaio, risolvendo il problema.
    Distrazione!
    Saluti
    Alberto

Rispondi a Alberto Annulla risposta