Lunedì senza prove su strada

Tempo di lettura: 3 minuti

Oggi è il primo lunedì dopo molti mesi in cui non trovate pubblicata una nuova prova su strada. Da tempo ho scelto l’inizio settimana come giorno preferito per la messa online delle recensioni, ed è diventata per tanti di voi una abitudine: spero piacevole.

Ma questo lo salto e lo farò anche con quelli successivi. Mi sono riservato solo un test da svolgere in questa pausa estiva però non so dirvi quando lo leggerete perché il materiale non è stato ancora consegnato.

E confesso di non avere alcuna fretta.

Esco in bici, vado a zonzo o mi faccio prendere dalla scimmia. Senza notes, senza assilli, foto da fare e appunti da registrare. Ne sentivo il bisogno.

Ancora per alcuni giorni però, perché questa pausa volge alla fine.

Devo iniziare a lavorare su diversi fronti e uno di questi è ovviamente il blog. Un lavoro che non si tradurrà in articoli da comporre per tenervi compagnia sotto l’ombrellone ma nella organizzazione di ciò che farò in autunno.

Triste dirlo adesso quando in tanti ancora aspettano di andare in vacanza ma settembre è molto vicino. Quattro o cinque settimane sono un tempo assai breve quando curi una pubblicazione come questa, soprattutto se decidi di provare nuove strade. O ripercorrerne di vecchie.

Ho diversi progetti in mente, quali seguirò e quali si concretizzeranno non lo so ancora.

Per adesso l’unica certezza è che cercherò di dare nuova linfa alla sezione Officina, trascurata a causa dei troppi test che ho gestito e che mi hanno portato via tutto il tempo che avevo da dedicare al blog.

Nuovi argomenti dovrebbero arrivare ma il condizionale è d’obbligo. Sono articoli che richiedono anzitutto la bici adatta, anzi la bici montata coi componenti adatti per ricavarne un articolo. Prima, tra le mie e quelle che uscivano dalla microfficina, il materiale non mancava.

Ma da tempo la microfficina ha ridotto l’attività: in questi mesi del 2018 ho costruito appena quattro bici, di cui una sola potenzialmente interessante per un articolo ma non ho avuto il tempo di creare le immagini necessarie per poter ricavare poi qualche articolo.

Vecchi argomenti torneranno ma rimaneggiati. Un buon 70% degli articoli dedicati alla tecnica della bici li ho pubblicati quando il blog era nato da poco e girava su piattaforma gratuita. Che significava pochissimo spazio di archiviazione per le immagini (che quindi inserivo nei testi con parsimonia) e molti altri limiti all’impaginazione.

Aggiungiamo i limiti miei, perché non sono stato mai granché capace nell’usare in modo appropriato le infinite opzioni presenti nel pannello di amministrazione (ho impiegato mesi per capire come pubblicare un link cliccabile…) e perché come fotografo sono piuttosto scarso e così otteniamo articoli interessanti si, ma migliorabili almeno nella impaginazione.

Se rimaneggiare i testi già presenti o scriverli di nuovo non l’ho ancora deciso. So per esperienza che la prima opzione è quella che porta via più tempo, perché scrivere da zero è decisamente più veloce e pratico.

Cancellare i vecchi? Lasciarli lì, doppioni che potrebbero confondere? Non lo so, anche questo è da valutare.

Quello che so è che dovrò organizzarmi per riappropriarmi del tempo fagocitato dal blog altrimenti non potrò dedicarmi ad altri due progetti a cui penso da molti mesi. Quali non lo dico ancora, non fosse altro per la mia solita scaramanzia.

Un altro paio di idee mi frullano per la capoccia ma a frenarmi è la burocrazia.

La prima è la registrazione in Tribunale del blog, come testata giornalistica periodica. E’ oltre un anno che ci penso e ogni volta sorge una difficoltà nuova.

Sia io che questo blog abbiamo da tempo tutti i requisiti. Io sono giornalista iscritto regolarmente all’albo e il blog ha solo contenuti originali (nessun copia e incolla di cartelle stampa o, peggio, di articoli altrui) pubblicati con regolarità temporale. Quindi sono a posto.

Però ho la pubblicità, che non gestisco in prima persona lasciando Adsense e un software a occuparsi di tutto. Quindi devo aggiungere l’iscrizione all’Autorità Garante. Che di per sé è passaggio semplice. Il problema però è che poi avrei una quantità incredibile di scartoffie da riempire ogni tre mesi e questo mi frena.

Infine c’è il problema della partita IVA, perché ne ho già una ma è incompatibile e il suo “ampliamento” diciamo così ha messo in crisi più di un impiegato negli uffici preposti.

Niente è mai semplice in questo Paese.

La seconda è la creazione di un… Ah no, scusate: non posso dirlo ancora, anticiparlo porta sfortuna 😀

Ci sarebbe anche un terzo progetto in realtà, non legato al ciclismo ma che se accetterò mi porterà via tempo. E questo, giocoforza, si ripercuoterà qui. Ho lasciato buoni ricordi in tanti con cui ho lavorato, mi è stata offerta garanzia di totale indipendenza (requisito primario perché torni a scrivere per altri) ma francamente non so se tornerò in una redazione. Una giornata ha solo 24 ore, già mi alzo ogni mattina alle 4, al più tardi le 5 per riuscire a star dietro a ogni cosa e aggiungere altri impegni non mi entusiasma. Ci penserò.

Per ora mi godo ancora qualche giorno spensierato, cercando di tenervi compagnia con le mie chiacchiere sperando di non annoiarvi troppo.

Voi godetevi, sempre, buone pedalate.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

COMMENTS

  • sandro

    Bravo fabio, mi piace il tuo modo di scrivere e di progettare il futuro..
    Ti auguro tanto equilibrio . . Come in bici del resto

  • Qualunque sia l’evolversi del blog ti rinnovo i complimenti: è sempre bello seguire quanto realizzi!
    Certo in base ai gusti personali c’è chi prefirirà una linea e chi un’latra, ma su quello penso sia impossibile mettere tutti d’accordo.
    Ed hai tutte le ragioni per concederti delle belle pedalate senza pensieri ed impegni vari!!!
    Continua cosi!

Commenta anche tu!