Chrome Citizen Messenger bag

Le conclusioni

Tempo di lettura: 7 minuti

Le conclusioni

Difficile trovare un difetto in questa Chrome Citizen messenger. Alcuni ciclisti a cui l’ho fatta provare per avere le loro opinioni, hanno contestato il fatto non sia possibile agganciarla al portapacchi; come per esempio la borsa Vaude provata lo scorso inverno.

E’ obiezione irricevibile perché questa è una messenger, anzi è LA messenger: va in spalla, punto. Chi ha necessità di una borsa da portapacchi guarda altrove.

Comunque il fatto che tranne questo errore di prospettiva nessun ciclista abbia rilevato limiti o difetti la dice lunga sulla bontà della borsa. Accontentare un ciclista è sempre una impresa titanica.

Così mi ci metto io perché di una cosa ho sentito la mancanza: un piccolo contenitore, una tasca magari con cerniera o velcro per i piccoli oggetti, chessò le chiavi del lucchetto o il telefono.

Ovviamente esiste, Chrome ci ha pensato proponendo tra gli accessori la Access Pouch o la Phone pouch.

Diciamo quindi che l’avrei preferita di serie 😀

Anche perché la borsa ha un eccellente rapporto qualità prezzo; ma non è regalata e tanta qualità si paga.

Si paga il giusto, questo si; e forse pure qualcosa in meno perché la nostra Chrome Citizen messenger si vede che è fatta per durare e ci terrà compagnia a lungo.

Magari offrire in bundle borsa messenger e pouch potrebbe essere un ulteriore incentivo o simpatica iniziativa. Per quanto sia un giornalista resto un appassionato e mi immedesimo nel ciclista al momento dell’acquisto…

Ma al di là di queste valutazioni che esulano dalle risultanze del test resta il fatto che la colonna dei difetti sul mio notes è rimasta intonsa.

E dire che mi sono inventato persino l’idropulitrice per metterla in crisi e nisba, tutto perfetto.

Quindi con 140 dollari o una forbice tra i 130 e i 160 euro come prezzo medio rilevato in rete (escluse in ambedue i casi spedizioni ed eventuale dogana) ci si porta a casa una eccellente borsa e un mito del ciclismo urbano.

L’unica vera difficoltà è scegliere modello e misura. E qui entrano in gioco le esigenze personali; se invece di un test avessi dovuto decidere quale acquistare per me, cioè che misura prendere per trasportare ciò che di solito mi porto dietro, avrei optato per la Mini Metro. Perché, appunto, le mie esigenze di carico sono modeste: il notebook 15″ raramente, spesso sostituito dal tablet 10″; qualche cartelletta di documenti e fascicoli, notes, penne, lucchetto, chiavi e poco più.

E’ anche vero che poi quando hai spazio finisci col sfruttarlo; per esempio l’abbigliamento per la palestra, accappatoio incluso, entra comodamente. O la confezione da sei bottiglie di birra. Volendo, pure tutte e due 😀

Non vi ho nascosto sin dalle prime righe di questa recensione la mia passione per questo marchio e le loro messenger in particolare. E vi ho raccontato in questi ultimi mesi la mia volontà di selezionare con la solita cura cosa sottoporre a test ma, anche, di scegliere ciò che mi piace. Perché quando fai una cosa che ti piace il lavoro non ti pesa e se questo blog divenisse un peso finirei col chiuderlo e sarebbe, credo, un peccato.

Ma passione o meno, resta fermo il mio impegno alla massima obiettività, senza nascondere alcun limite e difetto.

Solo che in questa Chrome Citizen messenger non ne ho trovati…

Vi lascio qualche link

Chrome Industries USA

Citizen Messenger bag

Pro series access pouch

Phone pouch

Buone pedalate

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

COMMENTS

  • Io ho sempre il terrore del sudore con la roba sulla schiena…cosa che mi blocca di più nell’andata al lavoro

    • Elessarbicycle

      Oibò, qualunque cosa metti sulla schiena, zaino o borsa che sia, alla lunga scalda. Questa borsa meno di uno zaino ma per la sua forma più che altro; forma determinata da come è riempita. Per capirci, in questi giorni che sembra luglio ho usato mettere al centro una “pallina” di gommapiuma: praticamente mi teneva tre quarti della borsa staccata dalla schiena.
      Ma ovviamente non potevo indicare il caldo tra i difetti; è una borsa da indossare sulla schiena, punto. Se hai bici con portapacchi allora usa qualcosa di agganciabile, ma se non hai portapacchi la scelta si riduce.

      Fabio

      • si unica soluzione portapacchi…avendo una singlespeed (non so se la ricordi) per ora uso uno da tubo sella, non lo sopporto tanto, ma vorrei acquistarne uno anteriore che forse ho già individuato

        • Elessarbicycle

          Ehm, come dire, cioè, insomma…non mi ricordo proprio…
          Scusa, è un limite mio, pochissima memoria.
          Se non hai alcuna predisposizione per il portapacchi puoi montare un BacMilano. Fascette sopra e staffe per perno pieno sotto.
          Solo anteriore è carino ma lo devi caricare poco altrimenti la bici diventa antipatica da guidare

          Fabio

Commenta anche tu!