Bicycle Line: giubbino BL 2.0 e calzamaglia Motive

Le conclusioni

Tempo di lettura: 7 minuti

Le conclusioni

Nella mia volontà di proporvi alcuni test di abbigliamento per l’autunno/inverno avevo selezionato quattro marchi, ognuno per un motivo specifico. Se poi alla fine vi trovate un articolo in meno è solo perché ho dovuto disdire il quarto test, non avrei avuto tempo a sufficienza per fare un buon lavoro. E tra proporre una recensione frettolosa e non pubblicare scelgo sempre per la seconda opzione.

A Bicycle Line il compito di portare alta la bandiera della comodità e dell’ottimo rapporto qualità prezzo. E ci è riuscita.

Non avevo focalizzato la mia attenzione su questa azienda a caso; non ho un loro completo tra i miei ma molti miei amici pedalatori si. Ne avevo quindi già toccato con mano la qualità, una occhiata ai listini mi ha confermato costi contenuti e anche l’ultima casella è stata occupata.

A qualcuno i circa 220 euro richiesti per portarsi a casa questo completo possono sembrar tanti; con un decimo di questa spesa si esce da una nota catena di abbigliamento sportivo con maglia e pantaloni. E’ lo stesso discorso che mi sento ripetere all’infinito con le bici: ma vale la pena spendere 2000 euro quando con 200 te ne porti a casa una lo stesso?

Beh, la qualità si paga, l’importante è pagarla il giusto. Una bici da 200 euro non avrà mai le stesse qualità di una che costa dieci volte tanto. Se poi la più cara valga effettivamente i suoi soldi o no è discorso diverso.

Con l’abbigliamento è la stessa cosa: pensare che un completo da pochi spiccioli abbia le stesse caratteristiche di un top di gamma è una sciocchezza.

Invece dobbiamo chiederci se le banconote da sacrificare sono giuste, troppe o poche in rapporto a ciò che riceviamo in cambio.

Alla fine di questo test posso dire che sono poche.

I materiali impiegati sono tutti di alta qualità, filati ideati per la pratica sportiva e pensati per proteggere da vento, freddo e (moderata) pioggia.

Tengono l’aria efficacemente fuori e sono al tempo stesso ben traspiranti; sudare in inverno inerpicandosi in cima e poi lanciarsi in discesa è una delle cose più pericolose che possiamo fare.

La finitura interna è piacevole sulla pelle e offre il giusto tepore. Con temperature esterna di circa 10 gradi non ho avvertito il bisogno di una maglia intima, mi è bastato il completo BL. Non sono arrivato a trovare la temperatura minima prevista per l’utilizzo e aspettarla avrebbe significato pubblicare questo test con l’anno nuovo; mi ci sono avvicinato però e pedalando con 7° (rilevato escludendo l’abbassamento dovuto al vento della corsa) è stato per me sufficiente uno smanicato intimo. Vero che io soffro il caldo e non il freddo, comunque la protezione c’è e questo conta.

Il taglio è sportivo senza eccessi, perdona anche chi non è esattamente sottile; la maggior parte di noi semplici pedalatori.

In sella la libertà di movimento è assoluta, ogni postura è accettata senza limitazioni.

Il fondello in foam non fa rimpiangere uno in gel a patto di mantenersi entro i limiti consigliati. Uno sforamento è possibile ma col passare delle ore la spugna cede e dopo la terza ora qualche leggero fastidio compare. Le quattro ore comunque restano secondo me tranquillamente alla sua portata.

L’impermeabilità è molto buona per il giubbetto, poco meno per la calzamaglia. Una ora di pioggia non forte è tollerata, superata questa soglia o con pioggia battente serve una mantellina, da solo il trattamento idrorepellente non ce la fa.

Le finiture sono tutte di ottimo livello; mi sono piaciute molto le cuciture, robuste e curate; avrei gradito qualche inserto rifrangente in più e l’aggiunta della mia cara e bistratta quarta tasca con cerniera.

Le tre tasche presenti sono comunque ampiamente sfruttabili e mi ha fatto piacere constare una capienza superiore alla media. E’ giusto così, in inverno portiamo con noi una mantellina e cibo in più (col freddo bisogna nutrirsi più spesso): insomma, il carico è sempre superiore che in estate e avere ampio spazio per riporre tutto è comodo.

La scelta delle taglie è buona e in grado di accontentare tutti.

La grafica è piacevole, sportiva ma non chiassosa e il fluo di questa versione aiuta nel rendersi visibili. Bicycle Line ha in catalogo anche guanti, calzini e copriscarpe, quindi coordinare il tutto è semplice.

Una occhiata al sito ufficiale Bicycle Line vale la pena darla, c’è molto.

Sono contento di essere riuscito a chiudere in tempo utile la sequenza dei test di abbigliamento. Che sono test difficili e richiedono molte ore oltre ad avere una oggettiva difficoltà per la creazione di immagini passabili. E più di ogni altra cosa c’è il timore di saltare qualcosa, non verificare con puntiglio tutti i dettagli e provare tutte le condizioni, fornendovi un cattivo lavoro. Pericolo credo scongiurato. Non resta che salire in sella in barba al clima.

Buone pedalate

COMMENTS

  • <cite class="fn">xtanatos</cite>

    Ottimo, grazie mille per aver testato un prodotto un pò fuori dai soliti marchi noti ma che sembra avere delle ottime caratteristiche.
    E’ singolare leggere 2 articoli che parlano della stessa ditta nel giro di breve tempo… buon marketing !!

  • <cite class="fn">xtanatos</cite>

    Mi riferivo a quello dell’azienda: fino a poco tempo fa non conoscevo e ora, nello stesso periodo, un articolo test sui prodotti (il tuo) e quello di un altro sito con un report di visita.
    🙂

    • <cite class="fn">Elessarbicycle</cite>

      Oibò, sono 30 anni che BL è sul mercato. Normale che anche altri ne parlino. Forse semplicemente la cosa ti ha colpito di più perché non la conoscevi. Fosse stata Campagnolo o altro nome più abituale nemmeno ci avresti fatto caso.

      Fabio

  • <cite class="fn">Giovanni</cite>

    Fabio,trovo veramente utile la tua recensione anche perchè di abbigliamento di qualità c’è sempre un gran bisogno anche perchè preferisco spendere qualcosa in più ma sapere di avere un capo che sia valido nel tempo e nell’uso.

    • <cite class="fn">Elessarbicycle</cite>

      Ciao Giovanni, saggio approccio il tuo. La qualità si paga, ovvio. Però esistono marchi che hanno qualità senza doverti svenare e io, nella scelta di cosa recensire, li cerco sempre.

      Fabio

Commenta anche tu!