Anteprime

Tempo di lettura: 4 minuti

Eccoci qui con una rapida presentazione di ciò che troverete sul blog nelle prossime settimane. I più smaliziati tra voi sanno che pubblicare un articolo su ciò che verrà è vecchio trucco del giornalismo periodico; lo scopo è mantenere viva l’attenzione e invogliare i lettori. Ma sono sicuro mi perdonerete questo escamotage. Avete infatti notato il forte impulso che ho dato alla sezione test e avete compreso che non sono uno di quelli che compra una cosa e corre a scrivere una recensione su un forum. Lavoro con materiale fornito dalle aziende: solo nell’ultima settimana il corriere ha depositato pacchi per un valore di mercato di circa 1300 euro. Provate a immaginare se dovessi pagare ciò che provo, leggereste un articolo ogni sei mesi…

Ma c’è una contropartita; le aziende mi appoggiano se offro qualcosa in cambio. Che nel mio caso non sono test fasulli o addomesticati ma articoli ben scritti, oggettivi pur col limite mio di lasciarmi prendere dalla passione, e una buona visibilità. Di fatto siete voi che mi leggete a consentirmi tutto questo: senza le vostre visite non potrei offrire sul piatto della bilancia le decine di migliaia di pagine sfogliate ogni mese. Quindi vedete che come è mia abitudine tutto si svolge alla luce del sole, non nascondo nulla. E non vi nascondo nemmeno le difficoltà. Ieri mattina ero libero, avrei voluto salire in sella ad Elessar e pedalare spensierato. Invece sono stato dalle sei del mattino sino a mezzogiorno, e con una coda intorno alla mezzanotte, a scambiare mail e telefonate (gli orari balordi si spiegano col fuso orario con cui devo fare i conti) con aziende e distributori per organizzare il calendario delle pubblicazioni. Calendario che al solito mio non rispetterò, non ci riesco mai, ma almeno ci provo.

Vediamo allora se riesco a stuzzicare la vostra curiosità.

Come anticipato nel test delle Michelin Power All season, a questo copertoncino seguiranno quelli delle versioni Endurance e Competition. Al momento sono a buon punto con le Endurance, forse il modello più equilibrato ma credetemi, le Competition sono qualcosa di incredibile per essere un copertoncino; però ho bisogno di ulteriori dati oggettivi. Ho pensato per questo di unire due test e sfrutterò un Sigma Rox 11 messomi a disposizione dalla casa madre. Se solo sapessi accenderlo…

Mentre scrivo il corriere sta venendo a consegnarmi il portapacchi che Alfonso Cantafora ha creato e vende tramite la sua BacMilano; ieri invece l’omino delle consegne è passato a lasciarmi un simpatico casco “richiudibile”, il Closca Fuga.

Parlando di caschi richiudibili preannuncio, seppure con molto anticipo, il test anche di un altro casco, però pieghevole: il Fend, la cui distribuzione partirà a giugno e sarò il primo in Europa a ricevere la versione definitiva.

Si sono allungati i tempi per i pedali Mks; ma dovete comprendere che non è come quando compri in negozio online, dove paghi e in 24h spediscono. Le aziende hanno i loro tempi, documenti da compilare, esenzioni da ottenere, distributori nazionali a cui appoggiarsi e possono passare settimane, a volte mesi tra l’ok e la consegna.

Dopo aver saggiato la bontà dei prodotti Noene ho deciso di ampliare e mi è stata recapitata l’intera gamma, o quasi, di solette. Compreso un modello assai interessante sulla carta, che sfrutta una ulteriore tecnologia per favorire il defaticamento. Sarà efficace? Lo scopriremo.

Il mese prossimo, ma spero anche più in là causa ingolfamento di test, arriverà il sistema Aero proposto da Redshift, la stessa azienda che ha creato l’attacco manubrio ammortizzato che tanto è piaciuto a me e a voi.

In ordine sparso leggeremo di una sella prodotta da Gyes, dei modaioli parafanghi in alluminio proposti da Contec, senza tralasciare componenti più tecnici come per esempio i freni caliper long reach Grand Cru o una piega Nitto che non richiede un mutuo per portarsela a casa. E’ possibile che mi decida anche a presentarvi alcuni dei componenti e accessori usati per la seconda Elessar oltre ai freni, perché richieste in tal senso me le avete fatte.

Test di bici non so, continua a frenarmi la mia remora a prendermi la responsabilità di oggetti così costosi, soprattutto ora che cade l’anniversario della sottrazione della mia prima Elessar. Vero che in questi mesi ho maneggiato materiale per migliaia di euro ma una cosa è “spalmare” il valore su più oggetti, altra mettersi in sella a 4/5000 euro di bici con l’ansia che qualcosa affidato a me possa essermi sottratto. So che non dovrebbe essere un problema mio, ma io sono anzitutto un appassionato, e mi sento coinvolto.

Cercherò, compatibilmente col tempo a disposizione, di terminare un articolo con alcuni consigli (tanti consigli in realtà…) per chi vuole acquistare un usato. Molte le vostre mail con richieste in tal genere e sempre mi trovo costretto a rispondere che senza vedere di persona un parere non posso fornirlo. Però posso rendere voi autonomi, indicando cosa e come guardarlo; o almeno credo di poterlo fare.

Se solo capissi come riuscirci dal punto di viste tecnico vorrei riuscire a creare un tabella o foglio di calcolo o come accidenti si chiama dove inserite le vostre misure e avere una idea di massima delle quote del telaio e attacco manubrio che possono fare al caso vostro. In linea di massima, perché nulla sostituisce un esame dal vivo. E a parte la difficoltà tecnica (per me, manco so cos’è un foglio di calcolo…) devo tener conto del fatto che potrebbe essere controproducente per voi: se i dati inseriti sono sbagliati, se cioè la misurazione antropometrica è fatta male, anche il risultato finale sarà sbagliato. E poi con chi ve la prendete?

Con così tanto su cui lavorare (i test ho detto spesso chiedono una quantità di tempo infinita) è accantonata per ora l’idea di girare alcuni video tecnici, che prenderebbero in esame le fasi di montaggio e manutenzione di una bici stradale in senso lato. Dovrete continuare a farvi bastare quanto già pubblicato sotto forma di articoli, e certo le informazioni non mancano, e attendere tempi migliori per qualcosa che sarebbe sì utile ma pur sempre come complemento a quanto c’è già. Creare i video richiede giorni di lavoro e una logistica per cui non sono ancora attrezzato né ho tempo, ora, per metterla a punto. Però siccome è idea che mi frulla da tempo, prima o poi come sempre una soluzione la trovo.

Vi basta come anteprima? Mi perdonate questo piccolo trucchetto? Su, siate generosi… 😀

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

COMMENTS

  • GIAN GIACOMO PITTALUGA

    Oltre che bravo e rigoroso sei anche simpatico ….. che volere di più ….. ??

    • Elessarbicycle

      Eh no, simpatico a me non lo dice nessuno! Mesi, anzi anni a costruirmi la fama di cerbero intrattabile e spocchioso e tu me la vuoi demolire così? No no…

      Fabio

Commenta anche tu!