Serve una sequenza logica

Tempo di lettura: 1 minuti

Ho montato la Trek Checkpoint Alr con trasmissione Shimano Grx, ruote Shimano RS 370, sella Brooks, reggisella Redshift e tutto il resto che serve.

E ci sto girando per i test vari. Fin qui, freddo a parte, tutto bene.

Ma nel frattempo devo comporre gli articoli sul montaggio e qui mi sto arenando. Che mostrare? Con quale sequenza che abbia logica?

Vediamo; quando ho presentato il framekit Trek Checkpoint ALR vi ho raccontato il perché della scelta. E tra amenità varie a cui mai vi sottraggo, c’era l’indicazione della mia volontà di interpretare l’esperienza cliente. Cioè il ciclista che compra questo telaio e lo monta.

Facile.

Invece no.

Primo perché alcune operazioni relative alla trasmissione sono già ampiamente illustrate negli articoli dedicati al montaggio dell’Ultegra Di2, composti così anche per poter essere richiamati in futuri articoli. Però posso mai pubblicare le immagini di una operazione su un telaio diverso e con un componente differente se gli attori principali sono Checkpoint e GRX?

Ok, una pinza freno flat mount Shimano si monta uguale, che sia la DA o la Tiagra. Ma comunque si creerebbe una brutta commistione all’interno di un articolo, potrebbe generare confusione.

Secondo perché ogni telaio ha sue caratteristiche di montaggio; a parte gli standard, per esempio il passaggio cavi e la tecnica necessaria. Per questo ho evitato con il montaggio dell’Ultegra Di2 di mostrare come fare mentre qui, col Checkpoint, qualche parola vorrei spenderla.

Ok, e come impagino? Un articolo solo sul passaggio cavi di questo telaio? E se uno ha un GRX ma un telaio diverso, dove per esempio la finestra è troppo sottile per far passare il tubo idraulico con il suo cappuccio inserito, che si fa?

Terzo perché ogni connubio telaio/trasmissione ormai vuole una sequenza sua nell’avanzamento dei lavori. Quindi lo stesso gruppo GRX può volere alcune operazioni prima di altre e viceversa e lo stesso vale per il telaio.

Ok, io questo ho tra le mani e questo userò, ma sapete che punto sempre ad articoli completi, utili a tanti.

Al momento l’unica certezza è che le leve freno supplementari ad azionamento idraulico avranno un articolo a sé stante. Questo perché c’è qualche differenza nella procedura di installazione se montate da subito coi comandi o in una fase successiva. E visto che la procedura è identica nei due casi ma con un paio di passaggi in più nella seconda ipotesi, per completezza mostrerò quest’ultima.

Per il resto non so, non riesco a decidermi.

Non vorrei dilungarmi troppo coi tempi di pubblicazione, preferirei mettere online i test; a iniziare da quelli chiusi da settimane e per i quali non ho avuto nemmeno un giorno libero per le foto in esterno, quindi in stand by fino a che non riuscirò a muovermi col fotografo.

Ma non vorrei nemmeno cedere alla fretta e pubblicare brutti articoli.

E vabbè, una idea mi verrà. 

Forse.

Buone pedalate   

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

COMMENTS

  • luigi italiano

    io leggerei volentieri il comportamento del telaio su strada , su ghiaia ( sentieri di campagna ) e sentieri boschivi ( x mtb ) il comportamento e giudizio sul cannotto reggisella ammortizzato durante la percorrenza delle 3 tipologie di strade sopra elencate nonche’ di quanto incide sull’aggiunta di peso con bicicletta assemblata e la differenza di comportamento del telaio sia con ruote da 27,5 che 700c e/o 29r . Buon Anno . Ciao .Luigi

    • Elessarbicycle

      Ciao Luigi, quello che tu indichi sono i test; e quelli arriveranno, compreso la guida Mtb che svolgo su un circuito di gara nazionale. Non il test con due ruote diverse però.
      Ma qui io parlo della sequenza di montaggio, sezione Officina. Che in calendario di pubblicazione precede i test.
      Buon anno

      Fabio

  • Giovanni74

    Fabio,io proverei a descrivere il tutto partendo dalle operazioni che farebbe ognuno di noi,comuni martali, che volesse cimentarsi in questa avventura.Ad esempio io aperta la confezione del telaio, ne esaminerei lastruttura per vedere com eprocedere a montare ed andrei a fissarlo sul cavaletto, nel frattempo suddividerei le varie parti damontare ed andrei a partire da movimento centrale ect..Quindi fai finta di essere uno di noi con tutte le nostre limitazioni e descrivici questa nuova bella esperienza.

Commenta anche tu!