Sarà un autunno azzurro…

Tempo di lettura: 2 minuti

…  e mi sa pure l’inverno, almeno la sua prima parte.

Non per il clima, ché qui pioviggina, ma perché azzurro è il colore Shimano. Dovrei forse dire blu Shimano, però a me sembra azzurro…

Vabbè, senza star qui a disquisire di cromie, meglio spiegare perché.

Avete visto nelle ultime settimane pubblicati diversi articoli legati a prodotti della famosa azienda nipponica.

Ho iniziato una serie di “puntate” sul gruppo trasmissione Ultegra 8070 Di2, presentandolo prima e avviandolo sulla strada della sua installazione. Che comprenderà, ovviamente, la regolazione, un articolo dedicato al software e infine il test su strada.

Però non ci sarà solo lui.

Seguirà infatti test delle ruote Shimano RS 770, giusto complemento di tal gruppo.

Tutto materiale che ho qui dallo scorso marzo e lasciamo perdere come mai ho potuto iniziare a lavorarci solo da settembre inoltrato.

Nel frattempo da Shimano Italia, malgrado ancora non avessi uno straccio di articolo pubblicato, mi è giunto altro materiale. 

Tre differenti pedali, uno da Mtb, uno da strada e uno doppia funzione.

Una sella e una piega, marchiati Pro Bike Gear; come il set da bikepacking Discover.

Non basta, perché stamattina, tra una mia visita al pronto soccorso per alcuni problemi, un salto ugualmente in Tribunale perché pure devo lavorare e altre tante piccole e grandi difficoltà ho ricevuto conferma per altri due interessanti progetti.

Uno sul gruppo Tiagra 4700, configurato in versione freni idraulici e guarnitura 48/34; a cui si accompagnerà il set di ruote che io ho ritenuto più adatto nel creare una buona bici senza svenarsi: le RS 370.

E poi la novità del momento, il gruppo GRX.

In quale configurazione esattamente ancora è incerto. La disponibilità immediata per i sample test è per l’11v monocorona e il 10v.

Io preferirei una configurazione 2×11 meccanica, secondo me quella che potrebbe interessarvi di più. Però al momento cosa effettivamente Shimano potrà inviarmi non lo so. Non dipende da me e nemmeno dal manager della comunicazione. 

C’è grande interesse per il GRX; non solo non è facile per me accaparrarmene uno, non lo è nemmeno per chi lo dovrà chiedere per inviarmelo.

Di sicuro ci saranno anche le ruote dedicate GRX, perché questo schema gruppo più ruote rende il lavoro completo, quel plus che sempre inseguo nella stesura degli articoli.

Trovandomi, ho chiesto di ampliare la scelta per quanto riguarda l’Ultegra Di2 in lavorazione. Che adesso gira con una comoda e divertente guarnitura 46/36, dentatura a cui non sono abituato e sulla quale mi sto ricredendo, all’inizio la trovavo bislacca.

Ma arriveranno le corone classiche 50-34, perché questo più che la prova su strada in senso stretto mi permette di approfondire meglio la tecnologia di cambiata sincronizzata.

Soprattutto la Semi Synchronized Shift, dove a ogni deragliata corrisponde un dato spostamento in sincrono anche sui pignoni, attenuando il salto. E che con corone 46-36, appena dieci denti di differenza, mi sembra sprecata.

Sto lavorando molto a questi articoli, ho modificato la mia scrittura e l’impaginazione (ma le introduzioni noiose no, non posso rinunciarvi…) ho compiuto sforzi per migliorare la parte fotografica, mio punto debole anche perché a me piace scrivere e fotografare no, ho studiato uno schema che dovrebbe rendere tutto molto immediato e fruibile.

Lo faccio per passione, alla fine dei giochi le spese sostenute per la serie di articoli sull’Ultegra hanno sforato il budget stanziato, che proprio basso non era, quasi del doppio.

Lo faccio sperando di offrire ad appassionati e competenti ciclisti informazioni curate e precise.

Lo faccio anche con l’orgoglio di aver fatto crescere questo blog, passato dalla sua dimensione intima a una pubblicazione che coi soli contenuti si è guadagnata il rispetto vostro e di parecchi big del settore.

Quasi certamente non userò il telaio sfruttato per il montaggio del gruppo Ultegra anche per i prossimi lavori. Trattandosi di bici destinata non solo ai test ma anche a vari assemblaggi, diventa prioritaria la velocità di esecuzione; così come una certa disponibilità a prestarsi a montaggi differenti. Probabilmente alla fine lo rivenderò, anche per finanziare i nuovi progetti.

Vedremo.

Nel frattempo devo recuperare il ritardo accumulato, quindi novembre sarà dedicato quasi esclusivamente all’Officina. I test saranno pubblicati da dicembre.

Comunque non mancherà di che leggere.

Nel frattempo, buone pedalate. 

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

Commenta anche tu!