Richiamo Trek

La americana Trek ha da poco diffuso una lettera di richiamo in seguito a un problema rilevato sul QR (ossia lo sgancio rapido) anteriore.

Questo, aprendosi di oltre 180 gradi, potrebbe incastrarsi nel disco freno. Alla meglio si rompe, alla peggio si rompe il ciclista.

2846 Richiamo Trek

A questo link la nota ufficiale della casa.

Mie considerazioni a margine.

In home page è scomparsa la categoria News, che sarebbe stata la giusta sede per una notizia come questa. Curare però in modo adeguato le notizie, che si susseguono con cadenza oraria, avrebbe significato un impegno troppo gravoso. Semplicemente mi manca il tempo.

Tra tutte quelle precedentemente pubblicate ho salvato solo la notizia dell’arrivo del monocorona Sram per le sportive stradali, perché lì oltre la notizia c’è un mio commento. Non che fosse questo a meritare di essere salvato, ma il blog per sua stessa natura è fortemente personalistico. Limitarmi a riportare schede da ufficio stampa andava contro l’essenza stessa di questo luogo di ritrovo e, ammetto, anche contro il mio modo di scrivere.

Se e quando mi imbatterò in notizie meritevoli di essere approfondite, pubblicherò. La categoria? Probabilmente userò quella “Pensieri su due ruote”, ma è più una necessità interna di archiviazione che reale esigenza per chi legge.

Adesso altra considerazione.

Indipendentemente dal tipo di QR, ogni volta che posso io lo monto con la leva dal lato opposto al disco. Normale prudenza, mai accaduto nulla ma non si sa mai.

E’ necessario richiamare le bici? Non sarebbe più semplice, per tutti, montare il QR in senso inverso?

Al posteriore il cambio obbliga al verso, manca spazio per la leva: ma all’anteriore?

Questi sono alcuni dei misteri insondabili del mondo a pedali.

 

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore. Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.

COMMENTS

Commenta anche tu!