Portapacchi sulla Passepartout

La mia Peugeot ex Anjou e ora Passepartout nacque come bici da turismo, accessoriata di serie con doppio portapacchi e impianto luci a dinamo. Io che tranquillo non so stare l’ho trasformata in una bici essenziale, buona un poco per tutto e adatta a percorrere sentieri battuti e fuoristrada non troppo impegnativo.

Però qualcosina per ingentilirla ci voleva, oltre che per darle un briciolo di funzionalità: un portapacchi anteriore.

Non uno qualunque, grosso e sgraziato. Qualcosa di piccolo, carino e luccicante. Quale? Facile, i miei gusti li conoscete e infatti ho preso un Velo Orange Pass Hunter.

6588 Peugeot Anjou Passepartout 41 6589 Peugeot Anjou Passepartout 42 6590 Peugeot Anjou Passepartout 43 6591 Peugeot Anjou Passepartout 44

E’ lo stesso portapacchi che montavo su Elessar, e sicuramente è stato il fattore sentimentale, il volere qualcosa su cui posare lo sguardo mentre pedalo che me la ricordasse a farmelo scegliere. Avevo alcune cose da ordinare alla piccola azienda americana, inserirlo nel carrello è stato istintivo.

Con la sua aria retrò, visto che è smaccatamente ispirato nella linea ai vecchi portapacchi di scuola francese, su questa Peugeot non sfigura e ben si associa alla forcella cromata.

6592 Peugeot Anjou Passepartout 45 6593 Peugeot Anjou Passepartout 46 6594 Peugeot Anjou Passepartout 47 6595 Peugeot Anjou Passepartout 48 6596 Peugeot Anjou Passepartout 49 6597 Peugeot Anjou Passepartout 50 6598 Peugeot Anjou Passepartout 51 6599 Peugeot Anjou Passepartout 52

Ma c’è stato anche un altro motivo. Come raccontai, il giorno che mi hanno rubato Elessar minacciava pioggia e, come mia abitudine, eliminai dalla bici ciò che non mi era indispensabile e che è una gran seccatura se si bagna molto. Oltre la sella e il reggisella, quella mattina lasciai a casa anche la piccola borsa da portapacchi Zimbale. Che ora torna su una mia bici 😀

6600 Peugeot Anjou Passepartout 53 6601 Peugeot Anjou Passepartout 54 6602 Peugeot Anjou Passepartout 55 6603 Peugeot Anjou Passepartout 56

Entra a filo nello spazio che resta tra le due leve freno di sicurezza; giusto il margine per non pregiudicarne la funzionalità.

Ora la finzione scenica è perfetta. Salgo in sella e guardando avanti mi sembra quasi di riavere la mia bici. Che sciocchezza vero? Lo so, e so che a breve avrò qui il nuovo telaio per la Elessar che verrà quindi poco da lamentarmi. Nel frattempo lo stesso mi concedo queste puerili divagazioni e mi godo l’alba scorrazzando sul lago. Piccola carrellata di immagini in chiusura.

6604 Peugeot Anjou Passepartout 57 6605 Peugeot Anjou Passepartout 58 6606 Peugeot Anjou Passepartout 59 6607 Peugeot Anjou Passepartout 60 6608 Peugeot Anjou Passepartout 61 6609 Peugeot Anjou Passepartout 62 6610 Peugeot Anjou Passepartout 63 6611 Peugeot Anjou Passepartout 64 6612 Peugeot Anjou Passepartout 65 6613 Peugeot Anjou Passepartout 66 6614 Peugeot Anjou Passepartout 67 6615 Peugeot Anjou Passepartout 68 6616 Peugeot Anjou Passepartout 69 6617 Peugeot Anjou Passepartout 70

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un commento oppure clicca sul pulsante “Mi piace”. Puoi condividerlo con i tuoi amici sui tuoi social o inviarlo loro via email, basta un clic sui pulsanti in basso. E se vuoi essere sempre aggiornato su ogni nuova pubblicazione non dimenticare di iscriverti al blog.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali. I pulsanti in basso ti permettono di trovarmi sui tuoi social.

Commenta anche tu!