Montiamo la Shimano Hollowtech 2

In questo articolo vedremo la sequenza di montaggio di movimento e guarnitura Shimano con tecnologia Hollowtech 2.

Come sappiamo questa tecnologia, usata da Shimano per una infinità di guarniture sia stradali che da Mtb o da trekking, si basa su un lungo perno integrato alla guarnitura, che viene poi chiuso a sinistra grazie alla pedivella mandata in battuta da una grossa vite in plastica e fissata sull’asse da due brugole.

A fare da modella per questo articolo ho chiamato una guarnitura doppia da Mtb, la Shimano Slx.

3444 Montare Shimano Hollowtech 2 013445 Montare Shimano Hollowtech 2 02

L’asse ruota su cuscinetti contenuti nelle calotte del movimento centrale.

3446 Montare Shimano Hollowtech 2 03

Abbiamo già visto su questo blog sia la teoria che la procedura per smontare questo sistema. Qui di seguito ci occuperemo della sequenza di montaggio del movimento prima e della guarnitura poi, con immagini migliori di quelle già pubblicate.

Partiamo dal movimento, uno Shimano BB70 adatto sia a scatole movimento lunghe 68mm (misura tipica delle stradali) che scatole da 73mm (misura tipica delle Mtb) grazie ad appositi distanziali forniti insieme al movimento.

In pratica ricorrendo a questo movimento possiamo decidere di utilizzare una guarnitura doppia da Mtb anche su una bici da turismo, e questo rappresenta un indubbio vantaggio.

Quelli per stradali “puri” non hanno distanziali perché standardizzati sulla lunghezza di 68mm.

3447 Montare Shimano Hollowtech 2 04

Come possiamo vedere da questa immagine prelevata dai documenti tecnici Shimano, dove e come collocare i distanziali dipende non solo dalla lunghezza della scatola movimento ma anche dal tipo di deragliatore installato.

3448 Montare Shimano Hollowtech 2 05

Le calotte presentano la caratteristica corona di incavi, tipica di Shimano, che richiede un attrezzo specifico per il montaggio.

3449 Montare Shimano Hollowtech 2 063450 Montare Shimano Hollowtech 2 07

Può essere la chiave aperta classica o quella a tazza.

Come chiave aperta abbiamo quella originale Shimano, codice TL-FC32.

E anche come chiave a tazza possiamo ricorrere a quella originale Shimano, codice TL-FC33.

La mia preferenza va a quella a tazza, la chiave aperta è più comoda se è necessario adoperare un riduttore per calotte di diametro inferiore.

Di seguito la chiave aperta, quella a tazza e quella aperta ma con l’uso del riduttore.

3451 Montare Shimano Hollowtech 2 08 3452 Montare Shimano Hollowtech 2 09 3453 Montare Shimano Hollowtech 2 10 3454 Montare Shimano Hollowtech 2 11

Due parole per spiegare le immagini in basso. Quello che vediamo applicato alla chiave aperta è un riduttore. Al momento in cui scrivo ne esistono due e servono per poter montare i movimenti centrali delle serie Ultegra e Dura Ace.

Nel caso della serie Ultegra il movimento è il modello SM-BBR60, fornito con il suo adattatore TL-FC25, che in mancanza è possibile acquistare a parte.

Nel caso della serie Dura Ace il movimento è il modello SM-BB9000, fornito con il suo adattatore TL-FC24, che in mancanza è possibile acquistare a parte.

3455 Montare Shimano Hollowtech 2 12 3456 Montare Shimano Hollowtech 2 13

Shimano non dimentica mai di specificare che tipo di attrezzo è richiesto, quindi se avete dubbi meglio prima consultare i techdocs ufficiali, e scoprire così se basta la chiave standard o ci vuole anche il riduttore. Sono trascorsi diversi mesi dall’introduzione di questo nuovo standard e molti produttori stanno proponendo chiavi a tazza specifiche. A un costo decisamente più elevato dei pochi spiccioli del riduttore; l’acquisto quindi ha senso se si ha necessità di molti montaggi, altrimenti va benissimo l’attrezzo fotografato sopra. Anche perché a complicare le cose la misura minore non è unica ma, abbiamo visto, doppia, una per il movimento Ultegra (compatibile anche con il 105) e l’altra per il Dura Ace. Non so per le guarniture più recenti da Mtb, mondo che sapete bazzico poco e del quale non seguo i costanti aggiornamenti.

Iniziamo il montaggio.

La prima operazione è prendere un calibro e assicurarci della corretta lunghezza della nostra scatola movimento in modo da capire se e dove dobbiamo installare i distanziali e quali.

3457 Montare Shimano Hollowtech 2 14

Come si può vedere (cliccando l’immagine per averla a tutto schermo…) la nostra scatola misura 73mm; poiché il deragliatore usato su questa bici è del tipo a fascetta, la documentazione ufficiale ci informa che è necessario un solo distanziale da 2,5mm posto sul lato destro, tra calotta e telaio.

3458 Montare Shimano Hollowtech 2 15

Partiamo dalla calotta di destra e ingrassiamo la filettatura.

3459 Montare Shimano Hollowtech 2 16

Devo farvi il solito discorso che le filettature le ingrasso sempre, sono contrario al frena filetti e così via? No, stavolta ve lo risparmio. Voi se vedete una filettatura la ingrassate, punto. 🙂

Inseriamo il distanziale sulla calotta.

3460 Montare Shimano Hollowtech 2 17

Avvitiamo A MANO la calotta, prestando attenzione al verso; qui è passo inglese, quindi sappiamo si avvita in senso antiorario a destra e orario a sinistra. Perché ho urlato “a mano”? Perché è facile fallire l’inserimento, facendo entrare le calotte leggermente storte diciamo così. Usando l’attrezzo la leva sua impedisce la chiara percezione di una eventuale forzatura. Con le mani la sensazione è immediata, e se sentiamo che forza a entrare svitiamo e ritentiamo.

3461 Montare Shimano Hollowtech 2 18

Portiamo la calotta a battuta, sempre a mano. Nell’immagine di destra la freccia indica il distanziale che abbiamo usato.

3462 Montare Shimano Hollowtech 2 193463 Montare Shimano Hollowtech 2 20

Adesso ingrassiamo la calotta di destra e avvitiamola; a mano e in senso orario.

3464 Montare Shimano Hollowtech 2 21

Una volta che tutte e due le calotte sono a battuta possiamo dare la stretta finale con la chiave, aperta o a tazza a seconda delle preferenze e della disponibilità.

3465 Montare Shimano Hollowtech 2 223466 Montare Shimano Hollowtech 2 23

Movimento montato.

3467 Montare Shimano Hollowtech 2 24

Un trucchetto; la chiave a tazza è preferibile, si riesce a serrare meglio. Però se la lavorazione della chiave non è perfetta oppure è del tipo multiuso, per esempio quella che consente sia il montaggio dell’Ultra Torque che dell’Hollowtech, è facile lasci segni sulle calotte. Bruttissimi.

Possiamo se non evitare i segni almeno impedire siano a vista. Basta serrare la calotta e poi, prima di dare l’ultima stretta, che è quel mezzo giro finale che riga immancabilmente le calotte, posizionare la chiave a ore 13 e tenere in tensione la chiave da sinistra a destra, spingendo con la mano nel verso della freccia. In questo modo se segno si creerà, sparirà alla vista finendo sotto.

3468 Montare Shimano Hollowtech 2 25

Col movimento in sede è il momento di passare alla guarnitura; facciamo la sua conoscenza.

A fare da modella è una Shimano Slx, una doppia per Mtb. I lettori più affezionati avranno riconosciuto anche la bici su cui sto installando questa guarnitura, il colore del telaio è unico. Si, è la Surly karate Monkey Ops che è stata sottoposta all’ennesima modifica, visto che il suo proprietario da un lato non trova pace e dall’altro ha deciso di aggiungere una seconda bici, più stradale, che sarà montata con parte dei componenti che una volta erano sull’ultima configurazione della KM.

3469 Montare Shimano Hollowtech 2 263470 Montare Shimano Hollowtech 2 273471 Montare Shimano Hollowtech 2 283472 Montare Shimano Hollowtech 2 29

Come si vede il lungo asse è solidale alla guarnitura, mentre la pedivella sinistra è libera.

3473 Montare Shimano Hollowtech 2 30

Pedivella sinistra che presenta una fitta calettatura femmina, da associare a quella maschio presente sulla zona terminale dell’asse.

3474 Montare Shimano Hollowtech 2 31 3475 Montare Shimano Hollowtech 2 32

All’interno dell’asse, in corrispondenza con la zona di attacco della pedivella sinistra possiamo notare la presenza di una filettatura.

3476 Montare Shimano Hollowtech 2 33

A che serve? Serve ad accogliere il tipico bullone Shimano che manda la pedivella a battuta. Chi volesse dare una nota personale può sostituire il bullone in plastica originale con uno in alluminio nel colore intonato.

3477 Montare Shimano Hollowtech 2 34 3478 Montare Shimano Hollowtech 2 35

L’ingaggio ha forma stellare e richiede un attrezzo tipico; esiste quello originale Shimano come esistono una miriade di versioni di altri produttori, compreso uno comodo che da un lato ha l’ingaggio per questo bullone e su quello opposto quello per le calotte. Sia in plastica che in metallo. La mia preferenza va a quello in plastica, incapace a rovinare l’ingaggio come potrebbe fare quello in metallo se adoperato male. Ho scelto una versione con un ingaggio esagonale per una chiave, lo trovo più comodo.

3479 Montare Shimano Hollowtech 2 36 3480 Montare Shimano Hollowtech 2 37

Ovviamente la ritenuta della pedivella non è affidata solo a questo, seppur tenace, bullone di plastica: ci sono due brugole montate specularmente per offrire la corretta pressione. E’ visibile anche una linguetta di plastica, ha la funzione di “fermo” nel serraggio. Nelle intenzioni dovrebbe impedire di stringere troppo rovinando l’asse. Dico la verità: ho montato e smontato decine di Hollowtech dove i proprietari avevano smarrito questa linguetta e francamente ci sta o meno io differenze non ne ho trovate. Però se mamma Shimano la vuole, noi da bravi ubbidiamo.

3481 Montare Shimano Hollowtech 2 38 3482 Montare Shimano Hollowtech 2 39

Ora che sappiamo come è fatta la possiamo installare.

Una bella spalmata di grasso sull’asse; ho un poco abbondato sia per esigenze fotografiche che per la nota incuria del proprietario di questa bici, che prende acqua spesso e ho preferito evitare ogni possibilità di ossidazione. Il grasso infatti non serve a garantire una migliore rotazione ma ha appunto funzione protettiva nonché facilitare l’inserimento e lo smontaggio quando necessario.

3483 Montare Shimano Hollowtech 2 40 3484 Montare Shimano Hollowtech 2 41

Infiliamo la guarnitura, una bella manata e ce la ritroviamo in sede. Se proprio volete, qualche colpetto leggero col mazzuolo in gomma, ma di solito non è necessario.

3485 Montare Shimano Hollowtech 2 42 3486 Montare Shimano Hollowtech 2 43

Spostiamoci a sinistra e osserviamo l’asse che è fuoriuscito dalla sua sede nel movimento. Come possiamo vedere presente una fitta calettatura per l’accoppiamento della pedivella, con due parti speculari più larghe.

3487 Montare Shimano Hollowtech 2 44 3488 Montare Shimano Hollowtech 2 45

Le zone più larghe sono per l’accoppiamento con analoghe lavorazioni presenti all’interno della pedivella.

La doppia immagine in basso ha messo a fuoco prima la zona sull’asse e poi quella nella pedivella.

3489 Montare Shimano Hollowtech 2 46 3490 Montare Shimano Hollowtech 2 47

Inseriamo la pedivella, con tanti riferimenti è impossibile montarla storta.

3491 Montare Shimano Hollowtech 2 48

Prendiamo il bullone di plastica e avvitiamolo a mano.

3492 Montare Shimano Hollowtech 2 49 3493 Montare Shimano Hollowtech 2 50

Poi usiamo l’attrezzo specifico per il serraggio finale.

3494 Montare Shimano Hollowtech 2 51 3495 Montare Shimano Hollowtech 2 52

L’ultima stretta, quella definitiva, possiamo darla usando una chiave fissa (se abbiamo scelto un attrezzo con l’apposito ingaggio) ma non ruotando la chiave bensì la pedivella. In pratica con la chiave manteniamo fermo l’attrezzo e sfruttiamo la pedivella come leva per serrare. Perché? Perché l’attrezzo è di plastica e la chiave combinata no: in questo modo esercitiamo comunque una buona coppia di serraggio ma senza pericolo di rovinare l’attrezzo in plastica. Che costa una inezia, vero; ma che è anche difficile da reperire in negozio ed è imbarazzante spendere in spedizione dieci volte il suo costo per ordinarlo online…

3496 Montare Shimano Hollowtech 2 53

Adesso prendiamo la linguetta di plastica e “chiudiamola”, portandola a filo col profilo della pedivella.

3497 Montare Shimano Hollowtech 2 54 3498 Montare Shimano Hollowtech 2 55

Manca il serraggio finale, quello da eseguire sulle due brugole speculari poste sulla testa della pedivella.

3499 Montare Shimano Hollowtech 2 56 3500 Montare Shimano Hollowtech 2 57

Prendiamo due chiavi a brugola e avvitiamole in contemporanea, stringendo finché il serraggio non ci appare sufficientemente tenace. Mai avvitare completamente prima una e poi l’altra.

3501 Montare Shimano Hollowtech 2 58 3502 Montare Shimano Hollowtech 2 59

Posiamo le chiavi a brugola e impugniamo la chiave dinamometrica; non l’ho usata per le calotte, raramente lo faccio e non perché non necessario. E’ solo una questione di esperienza, alla fine si impara a “decifrare” quanta forza stiamo impiegando. Per le due brugole invece preferisco usarla sempre, impostata a 12 Nm come prescritto dal produttore.

3503 Montare Shimano Hollowtech 2 60

Stretta finale, a questo punto possiamo tranquillamente agire prima su una brugola e poi sull’altra perché prima ci saremo avvicinati moltissimo al giusto valore di coppia, e abbiamo finito. Movimento e guarnitura perfettamente installati e, grazie all’abbondante spalmata di grasso, anche facili da rimuovere in caso di bisogno.

3504 Montare Shimano Hollowtech 2 61

La rimozione tra l’altro è molto semplice, basta seguire all’inverso la procedura vista fin qui.

In pratica prima allentiamo le brugole, poi rimuoviamo la vite di plastica e infine sfiliamo la guarnitura. Se si dimostrasse restia a liberarsi dalla bici può essere efficacemente convinta con qualche colpetto col mazzuolo in gomma, dato sul perno a sinistra. Ultimo consiglio: se smontate prendete sempre la misura della lunghezza del perno che fuoriesce a sinistra. Serve per verificare nel successivo rimontaggio. Una differenza di pochi decimi di mm è normale, ricordate che quando la smontate la guarnitura è assestata, quindi nessun problema. Se la differenza inizia a superare il mm allora vuol dire che è necessario insistere nell’inserimento.

Buon lavoro.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un commento oppure clicca sul pulsante “Mi piace”. Puoi condividerlo con i tuoi amici sui tuoi social o inviarlo loro via email, basta un clic sui pulsanti in basso. E se vuoi essere sempre aggiornato su ogni nuova pubblicazione non dimenticare di iscriverti al blog.


Qui di seguito un riepilogo degli attrezzi e dei prodotti utilizzati; se deciderai di acquistarli tramite questi link non otterrai sconti né li pagherai di più: avrai però contribuito a sostenere il blog e di questo ti ringrazio. Ricorda però che l’acquisto dovrà avvenire tramite questi link entro le 24 ore dal momento che lo hai inserito nel carrello. Se chiudi la navigazione o acquisti dopo le 24 ore al blog non sarà riconosciuto alcunché.

Prova gratuitamente per 30 giorni Amazon Prime

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali. I pulsanti in basso ti permettono di trovarmi sui tuoi social.

COMMENTS

  • Grazie Fabio, ho cambiato con successo il mio Hollowtech 2 sulla mia mtb teutonica…una curiosità guardando la foto della documentazione Shimano dell’articolo: perchè viene descritta come “larghezza della cassa della forcella inferiore” la larghezza della scatola del MC? Mai sentito prima questa definizione, ma l’ignoranza, per fortuna, non mi manca….
    🙂

    • Elessarbicycle

      Non sei tu l’ignorante ma chi traduce quelle istruzione; secondo me nemmeno col peggior traduttore automatico riuscirebbero a ottenere simili obbrobri…
      Però almeno i disegni tecnici li hanno sempre fatti bene (tanto non devono tradurli…) e tra quelli e i miei articoli se ne viene a capo 🙂

      Fabio

  • rispo domenico

    Ciao ti vorrei fare una domanda il bullone di plastica va serrato fino alla fine o fino a quando la pedivella SX non si indurisce, ti chiedo questo perche un adattatore della kcnc, quando lo ho messo e ho avvitato il bullone di plastica fino in fondo la pedivella SX andava dura. Questo problema non mi capitava con le calotte originali 7900 con pf30,il venditore ha detto che è normale la vite va serrata fino a quando la leva va libera e non fino in fondo,e cosi o c’è qualcosa che non va?

    • Elessarbicycle

      Ciao Domenico, quando si parla di serraggi è sempre difficile decifrare frasi come “fino in fondo” o “pedivella dura” e questo perché si tratta di sensazioni in un certo senso; mentre sui serraggi l’unico dato oggettivo è la coppia esercitata.
      Quindi per avere una idea chiara della situazione dovrei vedere e toccare con mano, qui posso solo formulare ipotesi.
      E’ quasi sicuramente un problema di dimensionamento dei componenti: finché hai usato i vecchi componenti tutte le misure erano perfette, adesso hai probabilmente un leggerissimo aumento nello spessore, per cui la pedivella finisce a battuta sulla calotta troppo presto.
      Se è questo il caso va bene quanto indicato dal venditore, ossia lasciare comunque la pedivella libera. Ma andrebbe però verificato il dimensionamento del nuovo adattatore, perché in ogni caso la soluzione indicata dal venditore è un palliativo. Il bullone in plastica andrebbe serrato alla giusta coppia indicata da Shimano e a questo valore la pedivella deve essere ben inserita sull’asse e al contempo girare fluida. Se ciò non è possibile c’è da lavorarci un poco.
      Ma, ripeto, formulo ipotesi, perché a distanza avere un quadro preciso è difficile.

      Fabio

  • Ciao Fabio…una tua riflessione sulla lunghezza pedivelle: per “taglie” grandi di ciclisti sono sempre consigliate da 175 mm…ma montando invece – ad esempio – una guarnitura con pedivelle da 170 mm (perchè ce l’ho, me le hanno regalate, in offerta solo questa opzione, et cetera) un ciclista non sportivo ha una perdita di rendimento avvertibile, vista la leva minore suppongo, oppure…?
    🙂

    • Elessarbicycle

      Ciao Adriano, la leva c’entra poco, non è per questo che si sceglie una certa lunghezza, altrimenti sarebbe come affermare che i ciclisti più lunghi hanno meno forza e necessitano, per questo, di più leva.
      La perdita, consistente o meno dipende da tanti fattori, è nella posizione. Il ginocchio non si trova più in quella corretta, per compensare si arretra di sella, per compensare si accorcia il manubrio e via compensando sfasi tutto.
      Mezzo centimetro non è poco se lo rapportiamo al fatto che i piedi sono vincolati con gli attacchi. Prova a pedalare con le tacchette spostate di 5mm, sai i dolori alle ginocchia?
      Però c’è sempre il però e tutto si ridimensiona per noi semplici pedalatori, che non siamo certo le macchine perfette che sono i professionisti.
      E aggiungo: in alcuni casi è persino consigliabile la pedivella più corta. Pensiamo alle bici di impostazione turistica, anche con la piega, dove facciamo ampio uso di rapporti agili. In questi casi una pedivella più corta significa “meno strada” compiuta dalla gamba e se aggiungiamo che per sfruttare l’agilità è preferibile una posizione un pelo arretrata (attiviamo il bicipite femorale) allora come vedi cambia tutto.
      Insomma, una regola generale, valida per qualunque ciclista, qualunque ciclismo e qualunque bici non esiste ed è sempre necessario valutare il singolo caso. Solo così si trova la soluzione ottimale.

      Fabio

      • Io ho provato a montare le pedivelle 175 mm ( a parte il fatto che difficilmente monto gli attacchi, di solito pedali piatti, quindi posso spostare il piede liberamente ) … sono alto 183 cm … ma ho fatto questo ragionamento … quando salgo su pendenza ripidissime, con il 28-34 ( il 36 non l’ho messo per la capacità del cambio posteriore di 45 denti totale ), avendo una pedivella più lunga, dovrei riuscire a salire subendo meno la fatica e la respirazione dovrebbe guadagnarne. Poi non so quanto, ma secondo il mio ragionamento, se dovesse funzionare, dovrei essere aiutato in salita con il 175. Nel caso delle bici da corsa, invece, dove le velocità sono superiori ed il chilometraggio elevato, ho optato per un 172,5. Il 170 mm mi sembra esagerato. Poi non saprei se le differenze siano minime o marcate.

        • Elessarbicycle

          Ciao Gabriele, la lunghezza pedivelle si sceglie in base alle proprie misure antropometriche, ma è possibile montare una misura in più o in meno a seconda dello stile di pedalata.
          Però non confondere la leva fissa, cioè la pedivella, con il braccio di leva che invece parte dal punto in cui la corona ingrana la catena. Facendo lavorare la corona piccola aumenti il braccio di leva, poi gestisci coi pignoni il rapporto che ti serve. Sto scrivendo questa risposta usando il telefono come hot spot perché ho ancora problemi con la rete, ma se cerchi sul blog c’è sicuramente un articolo in cui ne parlo. Usa la finestra Cerca che trovi nella colonna destra e digita “braccio di leva”.

          Fabio

  • Ciao Fabio ! Anche a me è capitata la stessa cosa dell’amico qui nei commenti. Montato tutto alla prefezione, scatola larga 68 mm, spessori da 2,5 due a destra, uno a sinistra, montato il tutto, chiudo la vite di plastica della pedivella sinistra, e mi rallenta la scorrevolezza della guarnitura. Quella che avevo smontato, 7 v ( ora ho montato Shimano Deore 9v ) girava benissimo. Questa è veramente lenta. Mezzo giro e si ferma. Disastro. A saperlo il perchè … !

    • Elessarbicycle

      Ciao Gabriele, non bisogna montare tutti gli spessori. Quando prendi un movimento per scatole 68/73 ne vanno solo due. Basta calcolare: 73 meno 68 uguale 5. Quindi con la coppia di spessori da 2,5, uno per lato, hai risolto.

      A parte questo, che incide perché crea pressione sui cuscinetti frenandoli e rovinandoli, tieni sempre presente che storicamente quei movimenti hanno bisogno di un buon rodaggio per rendere al meglio.

      Fabio

  • Mattia

    Ciao Fabio, sono immerso nell’impresa di recuperare la mia vecchia Mtb ’96. Ho letto l’articolo e la ‘questione’ degli spessori. Ho smontato il MC a perno quadro della Shimano (BB CT 91-70 – 36x24t) con passo ITA e ho misurato la scatola lunga 70.
    Mi sembra di aver capito di poter montare il MC Hollowtech II Ultegra SM-BBR60 ITA (giusto?) ma resta un mistero che spessori vadano inseriti! Inoltre ho visto che si può montare il deragliatore e-type (che nelle istruzioni è chiamato ‘a forcella’) è corretto?
    Grazie mille per gli articoli chiari e esaustivi!!

    • Elessarbicycle

      Ciao Mattia, tutto dipende da che guarnitura intendi usare. Il movimento da te indicato è compatibile con 105/Ultegra e in questo caso non necessita di alcun spessore. Il discorso cambia se usi guarnitura diversa e lì c’è da valutare perché quelle da mtb Hollowtech sono per scatole da 73; quelle da trekking lavorano con 68/73. Senza sapere la guarnitura non ho idea di se e come montarla abbinandola al giusto movimento.

      Fabio

      • Mattia

        Ciao Fabio, grazie per la rapida risposta! L’intenzione iniziale era mantenere il MC a perno quadro cercando una guarnitura compatibile 3×10 o 2×10 non troppo dispendiosa (80/100€):da mtb si limitano però a 3×9 (o non ne ho trovate io) e quindi avevo pensato di montare l’Hollowtech II e accoppiare una guarnitura da mtb (come la doppia Shimano deore FC-M617 ). Come dici tu (ma mi accorgo solo ora) le dimensioni della scatola in effetti non coincidono! Allo stesso tempo necessito di un MC con passo ITA. Come posso fare?
        Grazie mille per il sostegno!

        • Elessarbicycle

          Ciao Mattia, poiché suppongo la tua attuale trasmissione non sia 10v, l’upgrade significa cambiare tutta la trasmissione. A questo punto il problema non si pone, compri un gruppo completo col suo movimento ITA e lo monti.

          Se invece vuoi lasciare inalterato il numero di velocità, che ignoro quale sia come ignoro che bici è ma immagino massimo una 8v, allora vista l’età della bici sono certo che la scelta è ampia. Se mi fornisci qualche informazione forse posso aiutarti nella scelta, ma MTb del 96 è troppo poco.

          Fabio

          • Mattia

            Ciao Fabio. La bici é una MTB Olympia 26″ del ’96 montava una trasmissione 3×8 Shimano freni cantilever. Purtroppo non so che altre notizie darti sul telaio( non ho misurato il fattore Q). Ho recuperato 2 cerchi dalla mia 29″ (a cui ho montato copertoni 700*35) QR con freni a disco, così come la cassetta da 10v il cambio posteriore Slx da 10v, quello anteriore da Slx da 3*10, i manettini del cambio Slx 3*10 e il sistema di frenata idraulico deore. Infine Ho comprato un adattatore posteriore per poter utilizzare i freni idraulici. Ho sostituito la forcella originale con una rigida da 1″ e 1/8.
            Il problema da cui non esco é quale guarnitura e MC per far funzionare tutto quello che già ho.
            Ti ringrazio per la pazienza e i consigli!!

          • Elessarbicycle

            Ah ok, ora mi è tutto più chiaro. Hai già praticamente tutta la trasmissione 10v.
            Io fossi in te lascerei perdere l’Hollowtech e andrei di perno quadro. Le guarniture sono con asse per scatole da 73, dovresti spessorare creando tu i distanziali perché non ce ne sono che io ricordi. Al posto tuo mi semplificherei la vita con una economica, ben fatta e durevole tripla da MTb a perno quadro come la Shimano FC-T521 che richiede movimento Octalink es51.
            Oppure installerei senza troppi problemi una normalissima tripla da mtb per 9v. Funzionano uguale e con la catena invece di farci 7000km ne fai 6000. Se però metto sul piatto della bilancia quanto sbattimento in meno e quanti soldi risparmio, direi che i 1000km sono trascurabili.
            Inoltre alcuni produttori, per esempio Stronghlight e Sugino, hanno a catalogo triple JIS con corone compatibili 9/10v.
            Insomma, io andrei di perno

            Fabio

          • Mattia

            Fabio, sei un genio. Io non avevo pensato al movimento octalink. Se ho capito bene potrei montare il movimento BB-ES300 (perché mi serve comunque una scatola da 70, giusto?) e come guarnitura una FC-M523 (nonostante sia indicata una scatola da 68/73 perché col perno quadro non importa) oppure andare dritto sparato su una guarnitura FC-M2000 9v. Nel primo caso i pregi sono maggior resistenza all’usura e poter cambiare le singole corone. Nel secondo minor spesa. Ho capito tutto?
            Prima di muovermi aspetto la tua approvazione sulle mie (grazie a te) nuove conoscenze acquisite.
            Grazie Grazie e Grazie

          • Elessarbicycle

            Ciao Mattia, la tua strategia è giusta. Non so per i codici, dovrei verificarli a catalogo ma comunque l’importante è che la guarnitura sia per linea catena da 50 (come il tuo deragliatore) e il movimento abbia passo ITA e sia della lunghezza prevista dal costruttore per quella guarnitura. Tutti dati che Shimano fornisce.
            L’unico dubbio è la reperibilità, molte cose stanno uscendo dai cataloghi. Il che può essere un vantaggio perché è facile le rimanenze siano scontate. Se non trovi più in commercio (non so, non seguo l’andamento di borsa diciamo così) dirotta su una 9v a perno quadro e vai bene. Ce ne sono tante a corone removibili, anzi le 9v buone hanno tutte le corone removibili, quindi nessun problema nemmeno su questo aspetto.
            Buon lavoro, se hai altri dubbi, sono qui.

            Fabio

          • Mattia

            Ciao Fabio, ho trovato sia la guarnizione octalink ITA 70/118 sia la guarnitura 10v da 118 tutto con linea catena da 50. Purtroppo il mio MC é da 70*91 e non ho trovato niente in questa misura quindi procedo nella prima direzione (e grazie mille ancora).
            Un dubbio nuovo che mi é venuto é questo: É meglio montare un deragliatore e-type (come quello che ho) oppure un classico con il collarino alto/basso?
            Visto che l’etype si inserisce tra telaio e MC non vorrei desse problemi.
            Grazie ancora !!

          • Elessarbicycle

            Scusa Mattia, non ho capito: cos’è questo 91? A te serve il movimento a passo ITA con lunghezza indicata dal produttore della guarnitura per quella guarnitura. Significa che se mamma Shimano dice che ti serve un 118, devi prendere il 118.
            91 non so a cosa si riferisce, non certo alla lunghezza dell’asse, anche perché così corti non esistono. Il minimo è 102, si usano su alcune singole particolarmente compatte.

            Deragliatore; a me l’e-type non è mai piaciuta come soluzione tecnica, una seccatura perché ogni volta che lo vuoi smontare devi togliere il movimento e poi non puoi lavorare su regolazioni particolari perché la posizione è fissa. Meglio a fascetta, non so che diametro ha il piantone della tua bici ma penso sia una misura canonica.

            Fabio

          • Mattia

            Ciao Fabio, scusami per la poca attenzione: ho corretto il commento più volte e l’ho inviato sbagliato. 91 si riferisce al modello del MC che montava in originale: BB-CT 91. Adesso non importa più ma la lunghezza dell’asse del vecchio MC che ho misurato col calibro è 111.7 (possibile?). La guarnitura richiede una lunghezza di 118 e il MC Octalink che ho preso è da 118 passo ITA e 70 come lunghezza di scatola: quindi ci siamo. Per quanto riguarda il deragliatore, non avevo pensato a quanto dici sulla rimozione e le regolazioni: ancora una volta ti ringrazio !! Domani mattina misurerò e ti farò sapere. Grazie ancora
            Mattia

          • Elessarbicycle

            Ah ok, ora è più chiaro, perché questo 91 non me lo spiegavo.
            Si, nulla di strano nel 111,7.
            Ma ora hai risolto, movimento nuovo abbinato a guarnitura nuova. Verifica bene diametro piantone per prendere il deragliatore giusto. E che sia per linea catena 50.
            Buon lavoro

            Fabio

  • Giuseppe

    Fabio, vorrei chiederti un consiglio! Anche io ho smontato il vecchio perno quadro della mia vecchia bianchi con filetto italiano! Si tratta di predator 2 bianchi. Vorrei inserire un movimento adatto e mi sembra che il tiagra con filetto italiano sia giusto per scatole da 70 e filetto da 36mm!
    Dovrei montare una guarnitura assemblata con una corona soltanto dove il perno ha un diametro da 24 mm! Pensi che avrò problemi? Grazie

Commenta anche tu!