Montiamo il tubolare

Un articolo breve per parlare di una procedura caduta in disuso: il montaggio di un tubolare su cerchio in alluminio.

Ormai i tubolari sono numericamente poco diffusi rispetto ai copertoncini e la loro applicazione maggiore l’abbiamo su costosi e leggerissimi cerchi in fibre composite; il tubeless li sta soppiantando se guardiamo ai cerchi in alluminio.

A fornirmi l’occasione per scattare le immagini è stata la necessità di sostituire i tubolari a una vecchietta da corsa in acciaio. Se posso scattare le foto cerco sempre di ricavarne un articolo.

Ma attenzione: quello che vedremo è fattibile con cerchi in alluminio e non in fibra di carbonio, soprattutto la pulizia dei residui di vecchio mastice.

Partiamo dal cerchio nudo; se abbiamo un centraruote è comodo usarlo per lavorare sul cerchio, altrimenti una volta rimosso il vecchio tubolare possiamo rimontarlo sulla bici e sfruttare lei come supporto.

6275 Montare tubolare 01

Il canale, con la tipica gola stondata per accogliere il tubolare, presenta cospicue tracce di vecchio mastice ormai secco.

6276 Montare tubolare 02

Trattandosi di cerchio in alluminio e non verniciato, per rimuoverlo possiamo ricorrere a una spazzola in ottone; lavorando sul gesto e non sulla pressione non graffieremo la superficie. Che sia sottile, altrimenti le setole non lavoreranno nel canale del cerchio ma all’esterno.

6277 Montare tubolare 03

Inoltre non è necessario portare tutto il cerchio a nudo rimuovendo ogni minimo residuo. Basta ottenere una superficie omogenea e priva di scalini evidenti. Per i residui più tenaci possiamo scaldare il vecchio mastice, si scolla dalla superficie come fosse vernice. Senza eccedere altrimenti otteniamo l’effetto opposto, una pasta simile al vecchio Pongo, ve lo ricordate?

6278 Montare tubolare 04

Una buona sgrassata con acetone (da non usare su cerchi in carbonio: l’ho già detto che stiamo vedendo la procedura per cerchi in alluminio?) e non quello per rimuovere lo smalto dalle unghie che usano le nostre compagne perché contiene olii. Attenzione se il cerchio è verniciato a non farlo colare, rimuoverebbe il colore. Lo stesso vale per gli adesivi. E’ molto volatile, quindi meglio inumidire un panno morbido poco alla volta. Usarne tanto tutto insieme è inutile, asciuga prima che siamo riusciti a passarlo.

6279 Montare tubolare 05

Adesso che il cerchio è pronto passiamo al nostro tubolare.

6280 Montare tubolare 06

Sono della vecchia scuola, mia figlia dice vecchio e basta, e uso dare una bella “tirata” al tubolare per distenderlo.

6281 Montare tubolare 07 6282 Montare tubolare 08

Poi lo gonfio leggermente, come facciamo quando dobbiamo montare una camera d’aria nuova.

6283 Montare tubolare 09

L’ho detto, vecchia scuola, quindi prima di incollare il tubolare lo faccio decantare sul cerchio a prendere forma per una notte.

Posizionarlo sul cerchio è semplice e la procedura fotografica che segue vale anche per quando avremo dato il mastice.

Posizioniamo il tubolare lato valvola…

6284 Montare tubolare 10

…capovolgiamo il cerchio in modo che la zona della valvola sia premuta al suolo…

6285 Montare tubolare 11

…poggiamo sul cerchio il tubolare nel punto opposto alla valvola…

6286 Montare tubolare 12

… e iniziamo a posizionare il tubolare muovendoci in contemporanea a destra e sinistra. Che significa? Significa che spesso si tende a fissare il tubolare in zona valvola e poi procedere lungo la circonferenza, con un movimento che è quello tipico di quando montiamo il copertoncino. Solo che poi arrivati all’ultimo tratto di tubolare da inserire hai voglia a tirare e quello non entra. Invece se fissiamo valvola e poi il punto opposto, il tubolare andrà in tensione e sarà molto più semplice posizionarlo. E finché non c’è mastice un errore se capita non crea danni; ma una volta applicato il collante bisogna essere precisi e veloci: un tubolare che necessita di essere oltremodo forzato per entrare si posizionerà male.

Con le frecce spero di aver reso chiara la direzione del movimento.

6287 Montare tubolare 13 6288 Montare tubolare 14

Adesso non resta che gonfiare a una pressione prossima a quella massima consentita e lasciare cerchio e tubolare una notte a fare reciproca conoscenza.

Il giorno dopo sgonfiamo e togliamo il tubolare: tocca al mastice.

6289 Montare tubolare 15

Che per applicazioni una tantum è meglio acquistare in formato tubetto. Il mastice in barattolo, seppure più vantaggioso economicamente perché ha un costo al chilo inferiore, dopo un certo periodo dalla sua apertura inizia a perdere efficacia. Ha senso per una officina, non per noi che cambiamo un tubolare l’anno. Con un tubetto è possibile farci tutte e due le ruote, ne serve poco.

Per questa operazione trovo comodo usare il centraruote o, in mancanza, la ruota montata al telaio. Il mastice cola, se teniamo la ruota sul banco inevitabilmente si sporcherà tutto e ne perderemo un bel po’. Un punto di collante su ogni spazio tra i fori dei due raggi.

6290 Montare tubolare 16 6291 Montare tubolare 176292 Montare tubolare 18 6293 Montare tubolare 19

Quanto? A peso non saprei dirlo, ma ne serve poco. Diciamo che deve creare uno spessore non superiore al paio di millimetri, che diventano meno quando lo avremo disteso con un pennello morbido.

6294 Montare tubolare 20

Se evitiamo di far colare il mastice sui nippli ci assicureremo la gratitudine di chi dovrà centrare la ruota in futuro.

A questo punto non resta che riposizionare il tubolare sul cerchio, con gli stessi movimenti usati quando lo abbiamo montato senza colla e che abbiamo visto sopra. Un paio di guanti è meglio indossarli, è facile ci si possa sporcare le mani.

Sfruttando la fascia del tubolare gli diamo una prima centratura sul cerchio con tubolare parzialmente gonfio, tre atmosfere bastano. Poi lo portiamo a pressione e gli diamo l’ultima rifinitura.

6295 Montare tubolare 21 6296 Montare tubolare 22

Se abbiamo ecceduto col mastice e questo è colato sulla pista frenante lo possiamo rimuovere subito agendo con un panno. Se invece ha iniziato a solidificare meglio attendere sia completamente secco, viene via con una spatola morbida senza “spandersi” come quando è in quello stato di mezzo tra l’appena messo e l’inizio della solidificazione.

Il mastice rosso, quello che voleva ore per solidificare, non credo sia nemmeno più in commercio. Questi attuali somigliano a colle neopreniche nel comportamento. Asciugano prima, ma colano facile. Lasciarlo dieci minuti all’aria prima di montare il tubolare aiuta a evitare colature ma riduce il margine per gli aggiustamenti della posizione. Dopo un paio d’ore si può pedalare in tutta sicurezza. Poi dipende dalla marca del collante.

Alcuni usano dare qualche punto di mastice anche all’interno del tubolare. Come al solito non esiste mai una sola procedura quando si lavora su una bici. Questa la tecnica che mi ha trasmesso chi mi insegnò a raggiare le ruote, questa quindi la procedura che uso, almeno su cerchi in alluminio. Col carbonio c’è da fare i conti con la pulizia e sgrassatura, non accetta l’acetone per non parlare della spazzola di ottone.

Per questo io consiglio sempre l’uso del nastro biadesivo, ovviamente uno specifico per tubolari.

Se mi porteranno un cerchio in carbonio per tubolare ne ricaverò un articolo, fedele al principio di scrivere solo ciò che posso mostrare.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un commento oppure clicca sul pulsante “Mi piace”. Puoi condividerlo con i tuoi amici sui tuoi social o inviarlo loro via email, basta un clic sui pulsanti in basso. E se vuoi essere sempre aggiornato su ogni nuova pubblicazione non dimenticare di iscriverti al blog.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Qui di seguito un riepilogo degli attrezzi e dei prodotti utilizzati; se deciderai di acquistarli tramite questi link non otterrai sconti né li pagherai di più: avrai però contribuito a sostenere il blog e di questo ti ringrazio. Ricorda però che l’acquisto dovrà avvenire tramite questi link entro le 24 ore dal momento che lo hai inserito nel carrello. Se chiudi la navigazione o acquisti dopo le 24 ore al blog non sarà riconosciuto alcunché.

Prova gratuitamente per 30 giorni Amazon Prime

COMMENTS

  • Ricordo 40 anni fa il padre di un mio amico che chiamava il mastice per tubolari “la carogna”, credo per l’odore…. 🙂

  • sergio

    Grazie Fabio!
    Avresti anche qualche consiglio (diciamo una “procedura ridotta”) su come comportarsi quando il palmer lo devi cambiare mentre sei in giro, per riuscire a tornare a casa? Ho dei ricordi drammatici di mastice che aveva ricoperto il 50% del mio tessuto epidermico e il 20% della bici…

    • Elessarbicycle

      Ciao Sergio, io quando usavo i tubolari e bucavo non usavo mastice. Montavo e gonfiavo, preparandomi a un mesto lento ritorno verso casa. Andando piano non si sposta e non è pericoloso.
      Dare il mastice per strada sarebbe stato un macello e tra l’altro di nessuna utilità, era il tipo da far seccare ore intere prima che diventasse efficace.

      Molto bella la pedalata coi tubolari, ma francamente non la rimpiango, troppe seccature alla fine.

      Fabio

  • Carlo Gallia

    Grazie, Fabio, sei sempre tempestivo. Per la mia bici vintage mi è di nuovo venuta la voglia di tubolari e il tuo articolo è giunto a proposito. Evviva il blog.

Commenta anche tu!