Misure e tabella conversione pneumatici, compatibilità coi cerchi e diametro per la regolazione del ciclocomputer

Introduzione

Queste tabelle sono da mesi le più consultate del blog, segno evidente che sono utili perché grande la confusione sotto il cielo delle misure dei copertoncini…

Per questo ho deciso di aggiornare: sono state inserite alla data in cui scrivo queste righe (novembre 2017) molte nuove misure perché sono comparse le 27,5″ e le 29″. Ho aggiunto le gomme per Fat Bike.

Di conseguenza ho aggiornato anche la tabella compatibilità tra gomma e cerchio, per venire incontro alle nuove esigenze.

Non basta; molte bici da strada ormai stanno usando lo standard 650B e per questo troverete molti dati su queste misure.

E per rendere davvero utili queste tante tabelle non ho eseguito una semplice conversione aritmetica ma mi sono basato sui dati dei produttori: perché loro, spesso, convertono un poco come gli pare…

 

Ho diviso in paragrafi, accessibili dall’indice in alto o in fondo alla pagina. E ho diviso le tabelle dei copertoncini per diametro, dedicando singoli paragrafi a gruppi di gomme. Così abbiamo da 7 a 14 pollici (7,8, 10, 12 e 14), da 16 a 20 pollici (16, 17, 18 e 20), da 22 a 25 pollici (22, 24 e 25), da 26 a 27,5 pollici (26, 27 e 27,5). le 28 e 29 pollici e infine le coperture per Fat Bike in differenti diametri e non solo larghezze.

Posso dire che al momento è la tabella più completa esistente in rete, frutto di dati raccolti in un periodo lunghissimo.

Aggiungo una ulteriore tabella che forse potrà essere utile a molti: la circonferenza del copertoncino. Non può essere presa come valida in senso assoluto, perché a parità di misura una gomma liscia avrà una circonferenza esterna inferiore a quella di una gomma da fuoristrada. Però non sarà il mm di differenza a sballare i risultati del ciclocomputer.

Insomma, vale sempre la regola che per impostare il ciclocomputer è meglio misurare la circonferenza effettiva, reale: però chi non vuole questa seccatura grazie alla tabella in fondo alla pagina riuscirà a impostare un valore sicuramente valido.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

La tabella sulla conversione degli pneumatici già presente sul blog, in una delle puntate della saga sull’assemblaggio di una ruota.

Articoli abbastanza tecnici, li trovate nella categoria “L’officina in casa”, che però per la loro complessità possono anche spaventare e si finisce col perdersi una utile informazione come questa, che serve non a chi una ruota deve assemblarla ma semplicemente a chi deve sostituire un copertoncino.

La necessità di avere una tabella di conversione nasce dal caos determinato dall’avere tre diversi sistemi di misurazione: Etrto, in pollici (conosciuto anche come inglese) e francese.

La misurazione Etrto, acronimo che indica European Tire and Rim Technical Organization avrebbe dovuto, nelle intenzioni, unificare in un unico parametro tutte le dimensioni dei pneumatici. Ma molti produttori perseverano a usare la misurazione in pollici o quella francese, col risultato, per noi ciclisti, di tanta confusione al momento dell’acquisto di una nuova copertura di marca diversa da quella precedentemente installata.

Il sistema Etrto è secondo me il migliore e prevede l’indicazione di due valori in millimetri: la larghezza della copertura e il diametro interno.

Per esempio, se leggiamo sul fianco del copertoncino 23-622, sappiamo che 23 è la sua larghezza e 622 il diametro interno, dato quest’ultimo che ci permette un perfetto accoppiamento con il cerchio.

Non ho usato a caso il valore 622 per l’esempio: è il valore delle ruote da 28 pollici o 700, a seconda se lo indichiamo con il sistema inglese o francese.

Nella immagine in basso le coperture attualmente montate sulla mia Rose Xeon Crs, che recano la doppia scala Etrto e francese.

 

0925 Copertoncino 622x23

Però un cerchio da 28 pollici può avere un diametro diverso da 622 (per esempio perché la pista frenante è molto alta) per cui un copertoncino con diametro interno da 622 calzerà con difficoltà. Una volta inserito, “tallonerà” con precisione, la spalla interna aderirà cioè con precisione al profilo interno del cerchio senza pericolo di stallonare (il pericoloso distacco della copertura dal cerchio) ma richiederà non pochi sforzi in fase di montaggio.

Il sistema in pollici prevede anch’esso due valori, per esempio 26 x1,40; dove il primo dato è quello del diametro esterno della copertura e il secondo la sua larghezza.

 

0926 Cpertoncino 26x1,40

E qui sorgono due problemi: il primo è la possibilità che il diametro interno del copertoncino non corrisponda a quello del cerchio, con i problemi di cui ho parlato sopra; il secondo è che la misurazione in pollici non è mai precisa come quella in millimetri.

Ad aumentare la confusione col sistema inglese si aggiungono altri due fattori: un ulteriore dato che viene stampigliato sul fianco del copertoncino e una certa approssimazione dei produttori nel fornire indicazioni.

Il primo si traduce nella presenza sul fianco della copertura di una scritta con tre valori indicati, per esempio 28x 1 5/8 x 1 3/8 dove il primo dato (28) è il diametro esterno, il secondo 1 5/8 è l’altezza dello pneumatico e il terzo, 1 3/8 la sua larghezza.

 

0927 Copertoncino Anjou 01

Decifrare il tutto non è semplice, sia perché noi alla misurazione in pollici non siamo abituati e sia perché gli inglesi hanno smisurato amore per le frazioni. Quindi muniti di carta e penna (meglio la calcolatrice…) dovremmo prima convertire il diametro esterno in millimetri, poi scoprire a quanto corrispondono le frazioni di pollice secondo il sistema metrico, e infine detrarre l’altezza approssimativa (perché, volenti o nolenti, tutte le misure in pollici delle coperture sono sempre approssimative) per conoscere il diametro interno e quindi la compatibilità col in nostro cerchio.

Per fortuna qualche produttore ha sostituito le frazioni con numeri decimali, che però sempre pollici sono e quindi ci tocca convertirli; ma almeno risparmiamo un calcolo.

Il secondo problema resta per me un mistero di difficile soluzione, perché coperture con diametro interno differente sono classificate tutte nella stessa misura in pollici.

Per esempio, pneumatici da 26 pollici possono avere diametro in millimetri di 559, 571 e 590; oppure nella categoria da 28 pollici convivono sia quelli con diametro, sempre in millimetri, 622 che quelli con diametro 635; a infittire si aggiunge la strana misura da 27 pollici (desueta, per fortuna) che corrisponde a un diametro di 630mm: per quanto mi sforzi, non vedo una proporzione con gli altri valori.

Lessi tempo addietro che questa confusione trovava giustificazione nel periodo in cui i freni agivano direttamente sulla copertura e non sulla pista dei cerchi, per cui il diametro esterno del cerchio stesso era determinato appunto dai freni: da quanti anni non sono più in circolazione bici con freni al copertoncino? Posso supporre con ragionevole certezza circa un secolo? Un aggiornamento prima che l’uomo raggiunga Marte è previsto?

Ultimo sistema di misurazione è quello francese; forse nato per eliminare la confusione di quello inglese, più probabilmente messo a punto perché i francesi soffrono a non avere qualcosa di loro…

Scherzi a parte, ma fino a un certo, sapete che con le bici francesi c’è da impazzire a stargli dietro, il sistema dei nostri cugini prende anch’esso in considerazione il diametro esterno e non quello interno, e quindi risulta, a mio avviso, perdente rispetto all’Etrto.

Abbiamo due valori, per esempio 700×35, dove il primo è il diametro esterno della copertura e il secondo la sua larghezza.

0928 Copertoncino Anjou 02

I produttori più accorti aggiungono una lettera, secondo un codice prestabilito per cui a quella determinata lettera corrisponde un tale diametro interno della copertura.

 

Soluzione interessante perché rimuove il limite del non conoscere a quale cerchio indirizzare quel copertoncino; inutilmente laboriosa, bastava scriverlo con un numero. Già, però poi avrebbe somigliato troppo all’Etrto, e addio snobismo francese. Vabbè.

 

Solo due ultime notazioni in chiusura.

Le coperture da MTB da 29 pollici hanno diametro interno 622, quindi uguali alle normali ruote stradali da 28 pollici o 700 a seconda di che sistema usiamo per la misurazione. Le chiamiamo 29 pollici perché i costruttori, per differenziarle, le misurano nel diametro totale, a ruota montata e a pressione.

Le copertura sempre da MTB non utilizzano la misurazione francese. Non ho consultato tutti i cataloghi del mondo, ma in tanti anni non ho mai trovato copertoncini da fuoristrada che recassero la misurazione francese sul fianco, nemmeno di produttori francesi: e questo da solo basterebbe a fugare ogni dubbio; però è quasi sempre presente, accanto la misurazione in pollici, anche quella Etrto.

 

0929 Copertoncino con doppia misura 0930 Copertoncino Anjou 03

 

E adesso le tabelle.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali. I pulsanti in basso ti permettono di trovarmi sui tuoi social.

COMMENTS

  • Eh vabbe’ Fabio, ma le foto delle valvole con tanto di orrendo (e inutile) cappuccetto di plastica e “rondella” no… Oltre la battuta: io non li uso mai. Il cappuccetto é per me inutile anche in inverno e in presenza di ghiaccio quando sono (alla bisogna, cioè quelle rare volte che ho bucato) sempre riuscito a svitare la Presta.
    La rondella – come la chiamo inappropriatamente – la ritengo proprio pericolosa (oltre che inutile) ed é la prima cosa che levo. Questo perché rischia di creare tensione nella parte interna della camera sul raccordo gomma/valvola. Basta che la pressione della camera si abbassi (capita col tempo o con gli sbalzi caldo/freddo) e la valvola é intensione con rischio rottura.
    Nelle lunghe discese, quando il cerchio rischia di scaldarsi molto é un elemento che può favorire la rottura (calore e tensione).
    Non so cosa ne pensi tu e mi interessa la tua opinione.
    Ciao

    • sob, a me piacciono…

      Scherzi a parte Franz, la rondella, lì dove è presente una valvola filettata ovviamente, è abitudine che mi hanno insegnato da piccolo. Stretta ma non serrata, deve consentire un minimo di gioco ed evitare che la camera, in quel punto sempre più spessa, con le alte pressioni crei il “bozzo”. Ormai è di una quelle abitudini talmente radicate che non mi sono nemmeno mai posto il problema se sia vero o meno.

      Il tappetto mi è simpatico, e non sopporto l’accumulo di sporco sulla testa della valvola, ma c’è anche un motivo ben più puerile e per questo irrinunciabile: lo sguardo di commiserazione che mi rivolgono vedendo, per esempio, la bici ferma a un bar durante un giro, uno sguardo che vuol dire “Questo è proprio scarso, non si depila le gambe e gira coi tappeti, adesso gli facciamo veder noi” e poi me li passo tutti in salita 🙂
      Puerile, l’ho detto, ma del resto non ho mai invece detto di essere maturo e saggio…

      Una ultima nota, seria, per rispondere al tuo dubbio. Mai avuto problemi di surriscaldamento fino ad arrivare alla scoppio della camera; e non sono uno che in discesa si risparmia, anzi. Quindi credo che, alla fine, la presenza della rondella non sia così pericolosa.

      Fabio

      • Sulle gambe ti do ragione… Depilate anni fa per provare: la sensazione, soprattutto all’ inizio é orrenda e infilarsi i jeans la prima volta così… Brividi indescrivibili. Nono…
        Però è vero: la crema solare si spalma meglio. Per le cadute, fortunatamente vado così piano che non sono un fattore valutabile…
        Per la vanità di vedere i muscoli delineati e magari evidenziati dall’ olio sportivo, beh, é un privilegio di vanità che può piacere o meno (sempre che si abbiano i muscoli…). Da (sedicente e aspirante) randonneur puro, rigorosamente gambe pelose! Per i tappi e la rondella, nessuno é perfetto!

  • Adriano

    Grazie , molto chiaro….ma ho un dubbio.
    Sul mio cerchio è scritto 622 x 13.6 ETRTO e sul copertone 20 – 622 (700 x 20 c): vorrei aumentare
    il comfort della bici e fino a quale larghezza mi posso “spingere”? o 20 è già il massimo?
    grazie…..

    • Elessarbicycle

      Ciao Adriano, più che al cerchio sei vincolato al telaio. Monti delle 700×20, misura ormai in disuso. Questo mi fa supporre sia un telaio vecchia scuola.
      Sul cerchio puoi tranquillamente installare 700×23; ma hai luce abbastanza?
      Hai cioè spazio sotto la testa della forcella e dietro il piantone?
      Ecco, più che la misura del cerchio è questa misura che devi valutare.

      Fabio

  • Adriano

    Grazie…sto rimettendo in movimento una (io trovo bellisssima con tre s) Guerciotti di un mio amico, ferma da anni (sarà dell’87-88) che, per loro fortuna (amico & bici) sono già in ottimo stato….e non vorrei che le mie profane incapacità possano creare danni e…quindi chiedo! Ad ottobre parteciperà alla sua prima Eroica e deve essere bella come Cenerentola al ballo….
    Di spazio, ho controllato, ce n’é tanto che potrei gommarla da fat bike….
    🙂

  • Adriano

    Volentieri…é una bici che gli invidio bonariamente molto,..te le mando in privato dove posso allegare foto. Qui non credo sia possibile…..

    • Elessarbicycle

      Francamente non lo so se sia possibile allegare immagini; questa piattaforma per me è nuova, il blog così come lo vedi è online da solo due settimane. Sul vecchio blog ci riuscivo, qui non ci ho nemmeno ancora provato e nemmeno ricordo come feci.
      Comunque via mail va benissimo, grazie

      Fabio

  • fabio

    Scusate….io ho una scott aspect 940 ed ho installato un sigma BC12.12 STS ma non trovo la misura nella tabella (29×2.20 55-622 700x55c) qual’è la misura che devo tenere??quella a rotolamento oppure quelle a tabella che però non ci sono????help

    • Elessarbicycle

      Ciao, sul ciclocomputer devi impostare l’effettiva circonferenza di rotolamento, che dovrai misurare tu col classico sistema “da valvola a valvola”; questa è una tabella di conversione dei diversi sistemi con cui sono classificate le ruote, non ci sono le circonferenze di rotolamento che, tra l’altro, variano da gomma a gomma anche a parità di misura, soprattutto con le gomme da fuoristrada

      Fabio

  • Giancarlo

    ciao, vista la vostra conoscenza vorrei porvi una domanda alla quale alcuni negozianti si sono espressi in modo vago:
    ho una bicicletta di legno da bambino che monta pneumatici da fuori strada con indicazione 12″x1.75″. Non c’è scritto nulla altro, nessun codice ETRTO. Quale misura esatta di copertone devo acquistare (pensando al codice ETRTO) per evitare inconvenienti?

    grazie mille in anticipo

  • Giancarlo

    Fabio lei è gentilissimo. Ma giusto per curiosità (che a questo punto mi è venuta), stiamo parlando quindi di una misura 47-203 se dovessimo ragionare non in pollici bensì in ETRTO?
    Grazie ancora per la risposta
    Giancarlo

    • Elessarbicycle

      Si, come indicato in tabella
      Fabio

      • Giancarlo

        ma 47-203 corrisponde a 121/2 x 1.75 121/2 x 1.90
        non a 12×1.75 (come suggerito all’inizio)

        a questo punto sono confuso 🙁

        Giancarlo

        • Elessarbicycle

          Ciao Giancarlo, ho verificato la tabella e mi trovo. Devi considerare che questa, come specificai la prima volta che la misi online in altro articolo più vecchio, è quella del più grosso produttore di gomme per bici ma nel trasferirla l’impaginazione è sfasata.
          In ogni caso a parte che dubito troverai la gomma che ti serve in etrto perché per le misure da bambini si usa la misura in pollici, ti confermo che una 12×1,75 è una 47-203

          Fabio

  • Tizio.8020

    Grazie per l’utilissima tabella.
    Da profano delle bici (le usai fino ai 14 anni, poi presi il motorino, e salvo costrizioni, mai più utilizzate), non mi ci raccapezzavo.
    Assurdo avere nel 2017 ancopra 5 misuyre diverse di cerchi con misura nominale di 26″.
    Quando hai lo pneumatico vecchio, tutto ok.
    Ma quando non ce l’hai, e provi a montarne uno…succedono disastri.
    Sono un motociclista, e sono abituato a montare pneumatici e mousse con le leve.
    Quindi, se lo pneumatico non calzava, era solo questione di spngere di più.
    Il cerchio era da 26″, lo pneumatico era da 26″, doveva calzare per forza!
    E usando le leve, è salito.
    Però, forse per incompatibilità fra i due, il cerchio se ne è avuto a male, assumendo la tipica forma “ad elica”.
    Ecco, da lì ho avuto il leggerissimo sospetto che nel mondo bici, non basta che il cerchio sia da 26″.
    Ed ho scoperto appunto che ne esistono ben 5 misure diverse.

    http://www.bikeitalia.it/wp-content/uploads/2014/10/Cerchi-bici-5.png

    Quindi se ho capito bene, effettivamente le 5 ruote sono tutte della stessa misura, ma misurate all’esterno dello pneumatico.
    Quindi abbiamo 26 x 1 1/4, 26 x 1 3/8, 26 x 1 1/2, 26 x 1 3/4, 26 x 2 (MTB).

    Che dire, adesso lo so.

    Mmmh, potreste spiegare voi per cortesia alla mia signora, che il cerchio “era già così” ????

    Tizio.8020

  • Nico

    Buongiorno,
    vorrei chiederle un consiglio vista la sua competenza: magari riesce ad aiutarmi.
    Ho acquistato una bicicletta da cicloturismo Carnielli Tourer che ha dei cerchi Beretta con le misure: 28×1,75 Alloy ETRTO 622×19 DIN;
    e monta dei copertoni Kenda Reflect 40-622 (700x38C – 28x 1 5/8 x 1 1/2).
    A me sembrano troppo grossi!
    Tant’evvero che nella parte della ruota dove c’è la valvola la gomma ha “spanciato” un po’, e quando pedalo le ruote singhiozzano invece di scorrere via lisce in maniera uniforme (non penso che sia un problema dei cerchi che possono essere storti: sono nuovi!)
    Vorrei chiederle qual’è la misura corretta dei copertoni che andrebbero montati su questi cerchi.
    Grazie in anticipo della disponibilità!
    Nico

    • Elessarbicycle

      Ciao Nico, il canale del tuo cerchio è compatibile con la misura del copertoncino scelto. Il bozzo in zona valvola può essere causato da una camera troppo grande, anche se è comunque nel range giusto. Il mio consiglio è ricorrere a camere a valvola Presta e non Italiana e scegliere una camera per massimo copertoncino da 35. Va bene uguale, non stalloni ed elimini il bozzo. Però una camera d0aria di qualità, la zona valvola è sempre rinforzata e quindi più spessa. Peggiore la camera, maggiore questo spessore.

      Fabio

  • Nico

    Grazie mille per il consiglio! Gentilissimo!
    Nico

  • GCARLO

    COME POSSO SOSTITURE UN COPERTONE BICI BIMBO 12 X 1 3/8

  • GCARLO

    DIMENTICAVO COME POSSO SOSTITUIRE CON UN’ALTRA MISURA DI COPERTONE IL 12 X 1 3/8 CHE NO RIESCO PIù A TROVARE ?

  • Gabriel

    Ciao , bici bianchi vecchia da donna 26 non ci capisco na mazza , dovrei sostituire i copertoni che sono neri , li vorrei mettere con fascia bianca li sto cercando tramite internet , ma sicuramente sbaglio volevo un consiglio consiglio e le misure !!!! Grazie

    • Elessarbicycle

      Ciao Gabriel, sul fianco delle gomme che hai attualmente montate trovi indicata la misura. Se ormai sono troppo vecchie/screpolate per cui la scritta non è leggibile, in linea di massima quelle bici montano delle gomme da 26 con larghezza tra 1,25 e 1,50 pollici. Ma non è regola universale e senza vedere né la bici né le gomme che hai attualmente sotto, di più è impossibile dire.

      Fabio

  • Buonasera, devo sostituire i copertoni di una vecchia bici bianchi da donna. Sul copertone c’è scritto 26×1 3/8 ma anche 650X35A e 35-590. Posso sostituirli con un copertone sempre 26×1 3/8 ma 37-590? o devo necessariamente acquistarne del tipo 35-590? che differenza c’è tra i due tipi? Grazie mille in anticipo!!

    • Elessarbicycle

      Ciao Andrea, a meno che non sia già a filo con le 35, ma dubito vista la tipologia, non dovresti avere difficoltà con le 37. Però senza sapere che bici è (una Bianchi da donna è troppo generico, fanno bici da una vita e i modelli sono centinaia e centinaia) la certezza non posso mai darla.

      Fabio

  • Adriano

    Buonasera, ho da poco preso una mtb Bottecchia Stelvio, monta gomme da 29×2,10, vorrei montare delle gomme slick… che misura mi consigli? Eventualmente che prodotto? Grazie Adriano

    • Elessarbicycle

      Ciao Adriano, ti sconsiglio uno slick puro. Dovresti ricorrere a gomme prettamente turistiche ma poi ti ritroveresti peso in più e una bici da fuoristrada inadatta al fuoristrada.
      Meglio ricorrere a una copertura ibrida, per esempio le Continental SpeedRide in misura 700×42 e di cui leggerai un test qui sul blog; appena riesco a trovare il tempo di scriverlo…

      Fabio

Commenta anche tu!