Raggiare una ruota, parte terza

L’argomento di questa terza e ultima parte è la raggiatura col metodo Dt Swiss.

La procedura è abbastanza simile a quella tradizionale, quindi per i passaggi in comune vi rimando ai video e ai testi precedentemente pubblicati.

La tecnica si differenzia nella posa dei primi due raggi del lato destro e dei primi due raggi del lato sinistro.

Mentre con sistema tradizionale partiamo con tutta la prima serie di raggi e poi montiamo la seconda serie, nel sistema Dt Swiss installiamo insieme un raggio con testa esterna alla flangia e un raggio con testa interna, impuntandoli agli occhielli in prossimità della valvola.

Dopo aver inserito questi due raggi, passeremo a montare i restanti della prima serie e, incrociando, i restanti della seconda serie.

Poiché con questo sistema si parte inserendo per primo un raggio con testa esterna (in quella tradizionale siamo partiti con raggi a testa interna), anche la nomenclatura sarà diversa rispetto a quella usata per la raggiatura tradizionale.

Quindi, quando leggerete “serie”, dovrete fare riferimento a quanto indicato qui sotto.

Tenendo presente che lavoreremo iniziando dal lato destro e che i raggi sono 32, avremo:

  1. La prima serie indica i primi otto raggi, inseriti a destra del mozzo con la testa rivolta nello stesso senso, all’esterno e che viaggiano nella stessa direzione.
  2. La seconda serie indica i secondi otto raggi, inseriti a destra nel mozzo con la testa rivolta nello stesso senso, all’interno e che viaggiano nella stessa direzione.

  3. La terza serie indica i terzi otto raggi, inseriti a sinistra nel mozzo con la testa rivolta nello stesso senso, all’esterno e che viaggiano nella stessa direzione.

  4. La quarta serie indica i quarti otto raggi, inseriti a sinistra nel mozzo con la testa rivolta nello stesso senso, all’interno e che viaggiano nella stessa direzione.

Il vantaggio pratico di questa tecnica è che, avendo in sede da subito sia un raggio a testa interna che uno a testa esterna, la posa dei successivi sia della prima che della seconda serie è più semplice, perché è facile identificare gli occhielli al cerchio che dovranno via via essere impegnati.

Purtroppo durante le modifiche ai video necessarie per la pubblicazione, alcuni si sono irrimediabilmente danneggiati. E si sono rovinati pure quelli che già avevo caricato.

Quindi farò ricorso solo a una serie di disegni tratti dal libro “The art of wheel building”, rimaneggiati da me.

La procedura indicata è riferita a una raggiatura in terza; alla fine di questo capitolo troverete una tabella con i rifermenti per i diversi incroci.

Iniziamo.

 ——————————————————————————————

Metodo Dt Swiss, fase uno.

Ponete il cerchio in piano, con il lato destro rivolto verso di voi.

Identificate il foro valvola, inserite nella flangia un raggio con testa rivolta verso l’esterno e impuntatelo nell’occhiello a sinistra del foro valvola.

Non ha importanza quale foro sulla flangia scegliete, è il primo a essere impegnato, va bene uno qualunque.

Cerchio e mozzo sempre con il lato destro rivolto verso di voi, contate otto fori sulla flangia avanzando in senso orario. Otto fori compreso quello dove è impegnato il primo raggio.

Nell’ottavo foro inserite il secondo raggio, ma con testa rivolta verso l’interno.

Ruotate il raggio verso il foro valvola. Immediatamente a destra del foro valvola incontrate un occhiello, ma è rivolto a sinistra, quindi saltatelo. Impuntate il cerchio in quello successivo, quindi il secondo foro a destra del foro valvola, in senso orario.

Fatto, i primi due raggi sono in posizione.

0479 Raggiatura Dt Swiss 01


Metodo Dt Swiss, fase due.

Sempre guardando il lato destro del cerchio, inserite i restanti otto raggi, alternando i fori sulla flangia, della prima serie; che devono seguire la stessa direzione del primo raggio installato, avanzando in senso orario e sempre con la tecnica dei tre fori libero e il quarto da impegnare. Uguale a quanto descritto nella procedura tradizionale.

Dovete incrociare solo il secondo raggio per adesso, passandolo sopra all’ultimo che incontra, come si vede nell’immagine.

0480 Raggiatura Dt Swiss 02


Metodo Dt Swiss, fase tre.

Adesso è la volta della seconda serie di raggi.

Anche qui nulla di diverso rispetto alla procedura tradizionale. I restanti raggi andranno inseriti nei rimanenti fori liberi della flangia destra, seguiranno la stessa direzione del secondo raggio inserito, quello a destra del foro valvola, e andranno incrociati secondo la tecnica già vista con l’altro sistema. Quindi, essendo a testa interna, passeranno sopra i primi due e sotto il terzo prima di incontrare il cerchio.

0481 Raggiatura Dt swiss 03


Metodo Dt Swiss, fase quattro.

Il primo raggio della terza serie deve essere montato con lo stesso metodo visto durante l’assemblaggio con sistema tradizionale.

Raggio di riferimento sulla flangia destra con testa esterna, raggio da inserire sulla flangia sinistra con testa esterna pure lui, foro da impegnare leggermente spostato a destra rispetto all’asse per la lunghezza del mozzo che parte dal foro del raggio di riferimento e impuntatura all’occhiello immediatamente successivo, in senso orario, a quello impegnato dal raggio di riferimento.

Poiché le immagini prelevate usano sempre come riferimento il foro valvola, vi consiglio di fare lo stesso.

Data l’importanza di questa fase, ripropongo immagine e video.

 

0478 Inserimento primo raggio terza serie


Il video qui sotto è quello usato per illustrare il sistema di raggiatura che continuo a chiamare tradizionale per differenziarlo da quello che sto trattando adesso.

Quindi l’ultima parte non è inerente, quello su cui dovete concentrarvi è l’inserimento del primo raggio nella flangia, non al cerchio.

 

 


Metodo Dt Swiss, fase cinque.

Ora dovete impuntare al cerchio il primo raggio della terza serie, che ha testa esterna, perché con questa tecnica anche a sinistra inseriamo i primi due raggi con testa rivolta all’interno e all’esterno, come fatto all’inizio dal lato destro.

Guardando il cerchio dal lato sinistro, se avete scelto come riferimento il raggio vicino al foro valvola, lo dovete impuntare al secondo foro a destra del foro valvola. Se avete scelto come riferimento un altro raggio, lo dovete impuntare all’occhiello immediatamente successivo a quello impegnato dal raggio di riferimento.

L’importante, lo ripeto, è che abbiate usato come raggio di riferimento uno con testa esterna. Però se non avete usato come raggio di riferimento quello vicino la foro valvola, vi trovate sfasati con la sequenza di immagini pubblicata.

Per inserire il primo raggio della quarta serie dovete contare otto fori sulla flangia, compreso quello dove è impegnato il primo raggio della terza serie. La differenza rispetto al lato destro è che dovrete procedere in senso antiorario lungo la flangia.

Inserite il raggio e impuntatelo nell’occhiello libero a sinistra del foro valvola.

A sinistra, inteso guardando il cerchio dal lato sinistro.

0482 Raggiatura Dt Swiss 05


Metodo Dt Swiss, fase sei.

Adesso montate i restanti raggi della terza serie, ossia tutti quelli con la testa rivolta all’esterno. Che seguiranno la stessa direzione del primo raggio della sua serie, installato durante la fase quattro.

Solito salto dei fori sulla flangia, fino a completare e attenzione all’incrocio perché un raggio a testa interna già c’è, quindi lo incrocerete per forza.

0483 Raggiatura Dt Swiss 06


Metodo Dt Swiss, fase sette.

Settimo e ultimo passaggio, l’assemblaggio degli ultimi sette raggi. Sette perché uno lo avete già inserito, durante la fase cinque.

Seguiranno la direzione di quello montato nella fase appena citata e andranno a riempire gli ultimi occhielli liberi. Ricordate che qui dovete operare l’incrocio.

Sono raggi con testa interna, quindi ogni raggio incrocerà sotto i primi tre e sopra l’ultimo prima di unirsi al cerchio.

0484 Raggiatura Dt Swiss 07

Ruota completata.

 


Numero di fori sulla flangia da calcolare in base all’incrocio.

Lato destro, i fori si contano in senso orario partendo dal primo raggio.

a. Contando il raggio inserito i fori da contare sono 10 per la raggiatura in quarta.

b. Contando il raggio inserito i fori da contare sono 8 per la raggiatura in terza.

c. Contando il raggio inserito i fori da contare sono 6 per la raggiatura in seconda.

d. Contando il raggio inserito i fori da contare sono 4 per la raggiatura in prima.

Lato sinistro, i fori si contano in senso antiorario partendo dal primo raggio.

a. Contando il raggio inserito i fori da contare sono 10 per la raggiatura in quarta.

b. Contando il raggio inserito i fori da contare sono 8 per la raggiatura in terza.

c. Contando il raggio inserito i fori da contare sono 6 per la raggiatura in seconda.

d. Contando il raggio inserito i fori da contare sono 4 per la raggiatura in prima.


Come ho scritto nella prima parte di questo capitolo, i sostenitori del sistema tradizionale e quelli del metodi Dt Swiss usano, a sostegno delle proprie ragione, gli stessi argomenti.

Io non so quale dei due sistemi sia migliore.

Preferisco quello tradizionale, la ruota mi piace di più.

Nel prossimo capitolo affronteremo centratura radiale, laterale, campanatura e tensionatura.

Ci vorrà qualche giorno, perché nel frattempo mi sono regalato il tensiometro, che però non era immediatamente disponibile a magazzino. Quando arriverà lo userò per farvi vedere come funziona.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un commento oppure clicca sul pulsante “Mi piace”. Puoi condividerlo con i tuoi amici sui tuoi social o inviarlo loro via email, basta un clic sui pulsanti in basso. E se vuoi essere sempre aggiornato su ogni nuova pubblicazione non dimenticare di iscriverti al blog.

Commenta anche tu!