Installazione delle leve freno supplementari tipo ciclocross

A compendio della (lunga) serie di articoli sulla personalizzazione da manubrio flat a piega da corsa aggiungo questo sulla installazione delle leve freno supplementari.

1324 Trek multrack 96

Non è strettamente legato alla modifica del tipo di manubrio ma è lavoro che si fa spesso proprio in questa occasione. E’ aggiunta che può essere fatta sempre, purché il comando freno sia meccanico (quindi è esclusa per gli impianti idraulici) e qualunque sia la tipologia di impianto frenante, perché funzionano indifferentemente con caliper, cantilever, V-brake e freni a disco. L’unico caso in cui il lavoro viene male è con leve freno a cavi esterni, quelle vecchio tipo per capirci, perché il percorso del cavo subirebbe una “S” troppo stretta all’ingresso della leva supplementare rendendo i freni inutilizzabili.

A lungo sono stato indeciso se montarle o meno su Elessar dopo averne provato la comodità sulla Trek; ho preferito la “pulizia” sulla piega ma è probabile che se mi imbatterò in un modello che mi aggradi anche esteticamente potrei ripensarci.

Quali sono i vantaggi? Nell’uso prettamente sportivo stradale nessuno. In ambito urbano, sullo sconnesso, in moderato fuoristrada e in tutte quelle situazioni in cui la presa alta è preferibile, avere le leve freno sotto le dita immediatamente disponibili senza dover modificare l’impugnatura è una gran comodità.
Si trovano facilmente, costano poco e sono proposte con i collarini in differenti diametri per adattarsi sia a pieghe normali che Oversize. La sigla del prodotto è quasi sempre la stessa, cambia il codice e quindi, soprattutto ordinando online, è bene prestare massima attenzione. Solo su pieghe palmari o con la parte superiore a ovetto non è possibile montarle.
Il collarino è (quasi) sempre completamente apribile, rendendo l’installazione più semplice perché non è necessario rimuovere completamente il nastro manubrio e i comandi per poterle inserire.

1325 Installazione leve ciclocross 01

Il montaggio non richiede attrezzi particolari, solo una chiave a brugola per il collarino, una tronchese tagliaguaina e un cavetto freno nuovo; la guaina già installata è recuperabile, il cavetto freno quasi sempre no perché la sua lunghezza fino al freno è più lunga con il montaggio di queste leve. Se è stato tagliato molto corto dopo l’innesto sul corpo freno non c’è abbastanza cavo, oltre alle normali difficoltà a reinserire un cavetto la cui estremità nel frattempo si è sfilacciata. Se proprio vogliamo recuperare tutto il recuperabile, possiamo acquistare un cavetto solo e trasferire il vecchio cavetto del freno posteriore all’anteriore, eliminando la parte eventualmente sfilacciata in modo che penetri facilmente la guaina.

Non è proprio necessario ma consigliabile se si vuole un lavoro “pulito” e ben fatto rimuovere la nastratura fino ai comandi e il nastro che assicura la guaina al manubrio, in modo da averla libera dopo aver sfilato anche il cavetto freno.

La prima operazione è montare le leve sul manubrio, più o meno vicine all’attacco manubrio è scelta personale. L’inclinazione pure ma è sempre preferibile ruotarle in modo che braccio, polso e mano siano in linea retta quando si agisce sulla leva, senza che questa sia costretta a lavorare angolata.

1326 Installazione leve ciclocross 02

Una volta assicurate al manubrio nella giusta posizione è il momento di tagliare la guaina che dalla leva freno principale si innesta in quella supplementare. E’ l’unica operazione che richiede attenzione, perché una guaina troppo corta renderà tutto l’impianto inutilizzabile (resta frenato) mentre una troppo lunga farà compiere una curva prima dell’ingresso che rovinerà la resa.

Questo della foto in basso è l’ingresso della guaina, protetto da un gommino su questo modello.

1327 Installazione leve ciclocross 03

E qui con una guaina (che per le foto ho scelto in squillante rosso, in modo sia meglio visibile) inserita a mostrare il percorso.

1328 Installazione leve ciclocross 04 1329 Installazione leve ciclocross 05

La soluzione migliore è un tragitto rettilineo all’ingresso nel comando, come evidenziato dalle frecce nella foto in basso, dove le leve erano montate in una della tante configurazione della Trek.

1330 Trek multrack 116

L’altro settore di guaina andrà inserito tra il registro di tensione della leva supplementare e il corpo freno.

1331 Installazione leve ciclocross 06 1332 Installazione leve ciclocross 07

Due parole sul registro di tensione cavo. Funziona come un normale registro di tensionamento, inutile se è già presente sul freno come avviene sui caliper. Utile se invece abbiamo freni cantilever o V-brake che ne sono sprovvisti (a meno che non si è provveduto a installarlo sul fermaguaina per i cantilever) visto che le leve freno tipo corsa non li hanno mai.

1333 Installazione leve ciclocross 08

Un ulteriore registro è quello che regola la distanza dalla leva. Una brugola che andando a battuta contro la leva la avvicina o la allontana.

1334 Installazione leve ciclocross 09 1335 Installazione leve ciclocross 10

Non resta che inserire il cavetto freno nel comando principale, fargli seguire tutto il percorso (quindi primo tratto di guaina, all’interno della leva e ultimo tratto di guaina perché il cavetto è uno solo, sempre lo stesso che la leva secondaria chiama a sua volta) assicurarlo al corpo freno regolando la tensione, nastrare nuovamente la parte alta della piega e il lavoro è terminato. Credetemi, ci vuole più tempo a scrivere queste istruzioni (e forse anche a leggerle) che a montare il tutto, è davvero semplice e alla portata di tutti. Buon lavoro!

Una aggiunta a distanza da qualche mese dalla pubblicazione di quest’articolo, perché a un ciclista transitato per la microfficina alcuni meccanici aveva detto che queste leve non potevano essere installate da sole, ossia in funzione di leva unica, primaria diciamo così.

Una colossale sciocchezza, queste leve funzionano tranquillamente anche come normali leve freno, per esempio molti le montano sui manubri “a corna” tipici delle bici fisse.

In pratica basta inserire il cavetto lì dive indicato dalla freccia, dopo aver rimosso il gommino.

1327 Installazione leve ciclocross 03

L’unico inconveniente è solo estetico, perché la testa “a funghetto” tipica dei cavi freno corsa sporge dall’alloggiamento. Si può rimediare usando cavetti freno a testa sferica, misura piccola. Rari da trovare, si usavano una volta su vecchie bici da passeggio, ma sono ancora prodotti e distribuiti. Non tanti i negozi che ne fanno scorta, ma ripeto, si trovano ancora.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un commento oppure clicca sul pulsante “Mi piace”. Puoi condividerlo con i tuoi amici sui tuoi social o inviarlo loro via email, basta un clic sui pulsanti in basso. E se vuoi essere sempre aggiornato su ogni nuova pubblicazione non dimenticare di iscriverti al blog.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali. I pulsanti in basso ti permettono di trovarmi sui tuoi social.

COMMENTS

  • Fabiano

    Ciao Fabio,
    non ti sognare nemmeno di cancellare questi post!
    appena gli impegni me lo consentiranno torno al mio garage-laboratorio a sperimentare un pò di modifiche.
    Tu intanto continua a scrivere 🙂
    ciao
    Fabiano

    • Ma no Fabiano, che cancello…
      Con tutto lo sbattimento che ci vuole a scriverli e a fare le foto (per ogni foto pubblicata ne scatto almeno 5 0 6 e poi valuto: calcola te quante foto scatto in un articolo con 30 foto…) poi li cancello?
      So che lo hai detto scherzando ma colgo l’occasione per dire una altra cosa. Vero, alcuni articoli li ho rimossi ma erano di scarsa importanza o semplici avvisi che esaurita la loro funzione era inutile allungassero le pagine. Altri dovrei ancora rivederli, tutti quelli nella sezione “Pedalare bene” per i motivi di cui ho già parlato a proposito del problema della cessione dei diritti d’autore del libro. Ho preferito però in questo periodo dedicarmi a una serie di articoli tecnici su argomenti che credo siano di interesse generale, e altri ancora arriveranno; poi mi prenderò una pausa nelle pubblicazioni e mi deciderò alla revisione della sezione “Pedalare bene”. Prima però vedremo serie sterzo e freni 🙂

      Fabio

  • Però, Fabio, come puntano in basso… Questione di misure e regolazioni, per carità. Le leve freno da ciclocross e i cantilever oltre che utili e comodi sono particolari eccezionali. Mi piacciono un pacco. Una leva freno ciclocross la monterò su quella che a breve dovrebbe diventare la mia fissa (Atala Olympic ca. 1984). Peri cantilever, oltre che permettere sezioni di copertoncini generose, sono belle e ogni volta che vedo i dischi le rimpiango: erano la norma sulle mtb…!

    • Ciao Franz, più che guardare le leve devi immaginare il ciclista in sella, in presa alta.
      Vedrai una unica linea dritta che parte dalle spalle e terminerà con le dita sulle leve; del resto te ne puoi accorgere anche tu mentre pedali in presa alta, basta allungare le dita e vedere qual è la loro posizione naturale. Ecco, lì dovrai trovare le leve 🙂
      Prova a immaginare altrimenti le sollecitazioni che riceverebbero i polsi se fossero costretti ad assumere un angolo.
      Comunque alla fine è molto questione personale, però questa resta la collocazione ergonomicamente più corretta.
      La comodità di queste leve è che possono essere usate con ogni freno non solo con i canti, di cui sai sono anche io un estimatore. Certo, frenano meno dei dischi ma non dei V-brake, e richiedono solo un attento settaggio; oltre al fatto che o sono di buona qualità o meglio lasciar perdere. Ma ne parlerò, perché troppo spesso chi si lamenta dei canti lo fa solo perché, senza saperlo, li ha montati male.

      Fabio

  • michetn

    Ciao Fabio
    Scrivo per chiederti un consiglio riguardo l’installazione di queste leve: ho dei problemi di interferenza sui cavi uscenti dalle leve supplementari. In pratica la guaina che passa all’interno dell’altra nell’incrocio dei cavi muovendosi sfregamento parecchio sull’altra. Il problema invece non si pone frenando contemporaneamente con entrambe le leve.
    Forse ho lasciato le guaine troppo lunghe? O magari dovrei sfalsare le leve supplementari di qualche grado tra loro?

    Se preferisci posso inviarti una foto del problema, forse si capisce meglio.

    Grazie
    Michele

    • Ciao Michele, probabilmente hai lasciato le guaine lunghe.
      Però se mi mandi una foto è meglio, l’indirizzo lo trovi cliccando in alto a sinistra, appena sotto la foto della testata

      Fabio

  • fabrizio

    ciao Fabio,
    stavo progettando di sostituire il manubrio della mtb con una piega da corsa, l’idea era di spendere il meno possibile (quindi piega usata già adocchiata) e levette cambio senza indicizzazione da montare su attacco manubrio regolabile che intanto vedo di trovare la posizione migliore.
    Ho già trovato i freni a tiraggio lineare della Tektro RL520 (ho i freni a disco meccanici),
    Volendo mettere delle leve freno aggiuntive però mi sembra che non esistano a tiraggio lineare (almeno della tektro), sai per caso se esistono anche di altre marche? nel caso mettessi quelle per caliper avrei grossi problemi? (quindi magari non le metto..)
    grazie e compimenti per il sito e per il libro
    fabrizio

    • Elessarbicycle

      Ciao Fabrizio, leve supplementari a tiraggio lineare (in pratica il tiraggio dei V-brake e dischi meccanici da fuoristrada) non ne troverai perché non esistono. E non esistono perché non ve ne è necessità dato che il principio di funzionamento delle leve supplementari è che agiscono sulla guaina e non sul cavo e quindi non è influenzato dal tipo di impianto frenante.
      Solo se uno sceglie di usarle come leve primarie, per esempio sulle fixed, allora ci vogliono freni stradali, coi V-brake funzionano una mezza schifezza. Almeno quelle che ho provato io, Tektro e altre marche che non ricordo, ma non famose.
      Quindi montale pure, funzioneranno. Come tutte le leve supplementari e a causa del loro sistema di azionamento ricorda che avrai corsa breve e questo potrebbe essere fastidioso se a te piace la frenata molto modulabile.

      Come levette cambio da montare al piantone puoi cercare le Sunrace, che hanno in doppia versione: sia con fascetta da obliquo che da piantone. Rari i negozi che li hanno, devi cercare online. E cerca bene perché alcuni che ho visto io li vendono a uno sproposito, più o meno il triplo del loro prezzo di listino al pubblico…

      Buon lavoro

      Fabio

  • fabrizio

    grazie per l’info del freno supplementare, che mi sa che finchè non ce l’ho sottomano non capisco bene come funziona 😉
    per le levette del cambio avevo trovato queste:
    http://www.amazon.it/gp/product/B00MJSJ5K2/ref=ox_sc_act_title_2?ie=UTF8&psc=1&smid=A50DZI580G3JX
    perchè erano nere (come tutta la bici), pensavo di metterle con un collare tipo quello del deragliatore, che ne dici son troppo scarse?
    se no le sunrace l’ho trovare anche a poco qui:
    http://www.ridewill.it/p/it/sunrace-le19-leva-al-telaio-doppia-con-fascetta/53571/?gclid=CMTV9PDutMYCFWbItAodO2gJUg
    sempre grazie

    • Elessarbicycle

      Hai presente il principio di funzionamento di un registro a guaina? Più allarghi più il cavo trasmissione si tende? Ok, con le leve freno supplementari è uguale, il cavo ci passa attraverso ma è vincolato alla leva primaria. Quindi non tira cavo ma allunga la guaina. Si, ammetto che è poco intuitivo, ma credimi, con le leve in mano vedrai che è facilissimo.
      Meglio le Sunrace come leve cambio; tra l’altro mi rifornisco da loro (ci ho preso tutta la roba per la mia SS) e mi sono trovato bene.

      Fabio

  • fabrizio

    ok intanto grazie dei consigli
    buon lavoro 😉

Commenta anche tu!