Installare i componenti dell’Ultegra R8070 Di2, parte prima

Tempo di lettura: 4 minuti

Continua il nostro viaggio passo passo lungo la strada del montaggio del gruppo Shimano Ultegra R8070 Di2, con l’installazione di movimento centrale, guarnitura e pignoni; cambio e deragliatore li vedremo in altro articolo.

E continua l’impostazione delle schede, che paiono facili da consultare.

Fino ad oggi abbiamo prima e seconda presentazioni statiche e lo schema di cablaggio. Ora andranno sul telaio alcuni componenti: movimento centrale BSA, guarnitura e pacco pignoni.

Una prima pennellata a un quadro ben più ampio.

Il mio fine ultimo, quando tutta la sequenza sarà chiusa, è permettere a chiunque in vita sua mai ha immaginato di montare da sé una bici sia in grado di farlo.

Perché forse non lo avrà immaginato, ma sognato sicuramente si.

Partire dal telaio nudo ha vantaggi e svantaggi, questi ultimi soprattutto se è la prima volta.

Non per una intrinseca difficoltà, alla fine se ci riesco io allora può farlo chiunque.

E’ la mancanza di esperienza a complicare le cose. Non solo quella nel maneggiare gli attrezzi, ché è poca roba e si impara presto.

L’esperienza di sapere cosa serve, perché uno compra una bici bella e pronta e ha già tutto lì, montato.

Quando parti dal telaio nudo no; fai la lista dei componenti, magari qualche accessorio e pensi basti.

Non basta, ci sono sempre altre mille piccole cose che servono e che uno dimentica, quasi sempre.

Hai preso la piastrina passacavi per la scatola movimento? I registri di tensione? I distanziali per il manubrio? 

Oppure le viti a lunghezza giusta per le pinze freno idrauliche, mica è detto che uno abbia la fortuna di trovare nella confezione proprio quelle giuste…

Ma anche l’esperienza per montare in modo corretto ogni singolo pezzo. 

Però qui è diverso. Ci sono le istruzioni ufficiali, di solito complete; c’è un blog che prova a spiegare, di solito completo pure lui 😀

E l’esperienza a volte gioca brutti scherzi. Dai per scontata una tale operazione, una determinata procedura perché lo hai fatto per anni e perché sei (sono, ok…) troppo presuntuoso per star lì pochi minuti a leggere istruzioni.

In questo devo riconoscere che il blog è terapeutico: cura i miei difetti perché arrivare con l’articolo più preciso e completo possibile significa ogni volta (ri)studiare l’argomento.

E studiare fa sempre bene, si sa.

Così mi sono studiato per bene le istruzioni e stavolta pure le norme sulla garanzia, per accertarmi che la procedura che vedremo oggi e quelle che leggeremo in futuro non la facciano decadere.

In questo articolo leggeremo, detto in apertura, come montare movimento centrale, guarnitura e pacco pignoni. Brevemente, sono argomenti dove sul blog c’è ampia letteratura. In chiusura di ogni paragrafo, qui e nei prossimi articoli, vi pubblico un link: è l’esploso del componente in questione, con tutti i codici se vi servisse un ricambio. 

La prossima puntata sarà dedicata alla catena; la sequenza proseguirà con cambio e deragliatore, poi la loro calibratura, una pausa per scoprire come tagliare i tubi idraulici e inserire la spina e infine l’installazione dell’impianto frenante. Prima del test su strada vederemo anche l’applicazione E-tube e conosceremo in dettaglio le tecnologia di cambiata sincronizzata. 

Ho scelto questa strada di tanti articoli brevi invece di un unico racconto per consentire a chiunque di reperire subito l’informazione necessaria. Ci sono operazioni di poca difficoltà, come queste che vedremo e che per tanti sono già conosciute. Altre invece sono meno usuali, e anche chi ha già una certa esperienza potrebbe trovare utile approfondire.

Seguirò, oggi e in futuro, molto delle istruzioni ufficiali Shimano, soprattutto per la garanzia. Ma non mancheranno suggerimenti che, non in contrasto con le indicazioni della casa, rendono più semplici l’esecuzione di un lavoro o una regolazione.

Bene, possiamo finalmente sporcarci le mani di grasso. 

Dalla prossima pagina, dove i link rimandano alle singole presentazioni o altri articoli del blog che trattano l’argomento più in dettaglio. 

Spero così di offrire una consultazione completa.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

Commenta anche tu!