Gli attrezzi generici

Dopo i suggerimenti per sfruttare al meglio uno spazio minimo nel trasformarlo in officina domestica è il momento di valutare con quali attrezzi arredarlo. Lo faremo con due distinti articoli, il primo, questo, dedicato all’attrezzatura generica, ossia tutti gli utensili non specifici per la bici ma senza i quali su una bici è impossibile lavorare; il secondo vedrà invece gli attrezzi specifici da bici.

Si tratterà in ambedue i casi di una lista ridondante o incompleta, a seconda di come la vediamo. La scelta degli attrezzi non è mai fine a sé stessa, non è una collezione da esporre alle pareti: l’esigenza è coprire le proprie necessità, che saranno via via maggiori quanto più vaste saranno le operazioni che intendiamo svolgere. Qualche suggerimento su che utilizzo potrebbero trovare nel testo ci sarà, ma trattandosi appunto di attrezzi generici la loro funzione non è circoscritta alle bici.

Non dimentico che una buona pompa da officina, due leve cacciacopertoni, il minitool a 8 elementi, una pinza e un flacone d’olio è tutto ciò che basta a chi si limita a gonfiare le gomme e cambiare la camera d’aria, lubrificare la catena e registrare freni, cambio e deragliatore e il resto del tempo, giustamente, pedala. Ordinaria manutenzione, sufficiente per tenere in forma una bici per anni, lasciando mozzi, movimento centrale e serie sterzo al meccanico che, trovandosi la bici tra le mani, controllerà anche la centratura delle ruote. La stragrande maggioranza dei ciclisti sono persone normali, non passano ore a regolare un cuscinetto per un grattare che è solo nella mente del fanatico (io) di turno.

A quella minorataria porzione di ciclisti che amano sporcarsi le mani di grasso e da piccoli si divertivano a smontare i giocattoli piuttosto che giocarci (ché lo smontarli era il gioco) sono dedicati questo e il prossimo articolo, cui seguirà una breve appendice per mostrare come collocare gli attrezzi sui pannelli secondo un certo ordine e sfruttando al meglio la superfice.

Iniziamo, con una precisazione: l’articolo seguirà lo schema di un elenco numerato ma i numeri non rispettano alcuna gerarchia. Ogni attrezzo è ugualmente importante e ugualmente inutile. Tutto dipende da uno cosa deve fare, solo parametro per stabilire la priorità nell’allestimento dell’officina. Anzi, confesso di aver volutamente “disordinato” l’esposizione, proprio per evitare qualunque fraintendimento sulle priorità: io elenco, ognuno sceglierà cosa gli serve, scarterà ciò che riterrà inutile ma alla fine della lettura avrà gli strumenti per stilare la lista personale.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

1. Pinze

Ho titolato al plurale, una sola non basta. Oltre quella classica…

3904 Attrezzi generici manutenzione bici 01

… servono due pinze a becco, la prima dritta e la seconda curva.

3905 Attrezzi generici manutenzione bici 02 3906 Attrezzi generici manutenzione bici 03

Ci sono zone della bici o lavori da fare dove lo spazio per una pinza classica non c’è oppure la porzione da afferrare è troppo ridotta e potremmo far danni. Per esempio se dobbiamo lavorare su un cavetto deragliatore già tagliato (corto), bloccare il dado di un parafango posteriore, quello dietro il movimento, e tante altre operazioni.

Un set di pinzette, si rivelano fondamentali in molte occasioni; lì dove lo spazio è ancora più ridotto e una pinza a becco standard fatica a lavorare, tirar fuori i cuscinetti sciolti da un mozzo o da una serie sterzo – e per questo è meglio se sono magnetizzate – tenere fermo un controdado per montare alcuni accessori in zone dove per usare una chiave classica dovremmo smontare mezza bici, tanti gli utilizzi. Costano poco, finché non le abbiamo non ci rendiamo conto della loro utilità.

3920 Attrezzi generici manutenzione bici 17 3921 Attrezzi generici manutenzione bici 18

La pinza a cremagliera, ampiamente regolabile, aiuta in tutte le occasioni in cui non abbiamo il doppione della chiave inglese in quella misura oppure la superfice è rovinata/tonda/zigrinata per cui con la chiave poligonale nulla risolviamo.

3908 Attrezzi generici manutenzione bici 05 3909 Attrezzi generici manutenzione bici 06

Deve il nome appunto al sistema a cremagliera che consente di aumentare la distanza utile delle ganasce.

3910 Attrezzi generici manutenzione bici 07 3911 Attrezzi generici manutenzione bici 08 3912 Attrezzi generici manutenzione bici 09 3913 Attrezzi generici manutenzione bici 10

Una pinza autobloccante si rivela comoda per tutti coloro che lavorano su vecchie bici malandate, dove l’ossido la fa da padrone. La ampiezza delle ganasce è regolabile grazie al pomello posteriore, una volta stretta intorno l’obiettivo provvede il meccanismo di blocco a tenerla serrata, consentendoci di lavorare con agio e non con in più lo sforzo per tenere saldo.

3914 Attrezzi generici manutenzione bici 11 3915 Attrezzi generici manutenzione bici 123916 Attrezzi generici manutenzione bici 13 3917 Attrezzi generici manutenzione bici 14

Anche una pinza dritta, molto comune in idraulica, può essere d’aiuto lì dove con quelle tradizionali è difficile intervenire.

3918 Attrezzi generici manutenzione bici 15 3919 Attrezzi generici manutenzione bici 16

La tronchesina non è propriamente una pinza, ma la lascio in questa sezione; non adatta al taglio delle guaine (le schiaccia) è perfetta per il taglio dei cavetti, lì dove la tagliaguaina specifica mostra la corda.

3922 Attrezzi generici manutenzione bici 19 3923 Attrezzi generici manutenzione bici 20

Difficile che una pinza spella fili potrà servire sulla bici; a meno di non voler montare qualche accessorio elettrico e pretendere il lavoro di fino. Inutile per la compagna a pedali, comoda averla perché alla fine, con una officina attrezzata, ci verrà voglia di lanciarci in altri lavori oltre la sola cura della bici.

3924 Attrezzi generici manutenzione bici 21

Grazie alla vite zigrinata è possibile regolare la distanza delle cesoie in chiusura: taglierà solo la guaina in gomma e mai il rame all’interno.

3925 Attrezzi generici manutenzione bici 22 3926 Attrezzi generici manutenzione bici 23

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

2. Martelli.

Plurale anche qui. Due, meglio tre. Un paio in ferro, diverso peso; uno piccolo da 100-150/160 grammi per battere con delicatezza e uno da 300/500 grammi per intervenire con forza dove necessario. E dove può essere necessario? Per esempio per martellare sulla chiave che ingaggia l’estrattore di una ruota libera particolarmente restia ad essere separata dal mozzo. Fidatevi, un paio di sapienti colpi (sull’attrezzo, non sull’estrattore correttamente fissato, e non sulla ruota libera) e ne avrete ragione.

3927 Attrezzi generici manutenzione bici 24 3928 Attrezzi generici manutenzione bici 25

Indispensabile il martello in gomma, un buon compromesso tra necessità di lavoro e non fare danni è quello da mezzo chilo (peso riferito alla testa, come sempre quando si parla di martelli) che si rivelerà fondamentale in una miriade di occasioni. Battere un vecchio attacco manubrio ossidato, picchettare su un attrezzo senza rovinarlo, qualche colpo sul QR di un reggisella saldato dall’ossido: insomma, qualunque operazione dove un martello in ferro rovinerebbe la superfice con cui viene a contatto.

3929 Attrezzi generici manutenzione bici 26 3930 Attrezzi generici manutenzione bici 27

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

3. Seghe

Un paio, a lame intercambiabili, sempre. La prima con lama da 145mm e la seconda con lama da 300mm. La sega più piccola, quindi più maneggevole, è comoda per lavorare con precisione sulle tracce, come per esempio abbiamo visto negli articoli sul taglio della forcella. La seconda per completare agevolmente il taglio e comunque in tutti i lavori dove abbiamo spazio, per esempio ridurre la larghezza di un manubrio da Mtb. Il corredo di lame è importante. Devono essere con dentatura per ferro e per fibra di carbonio (queste ultime costosette…), inutili quelle per legno ma tenerle può far comodo se oltre la cura della bici vogliamo costruirci un supporto o altri oggetti che ci aiutano in officina.

3931 Attrezzi generici manutenzione bici 28 3932 Attrezzi generici manutenzione bici 29

Ricordiamo di regolare sempre la tensione della lama per avere un taglio preciso; senza eccedere altrimenti si spezza.

3933 Attrezzi generici manutenzione bici 30

Le seghe a tazza in differenti diametri non hanno una applicazione specifica per i lavori sulla bici, ma possono rivelarsi utili se intendiamo ricavare due presse morbide da far lavorare su una barra filettata. Le abbiamo viste in azione per esempio nell’articolo sui mozzi a cuscinetti sigillati. Necessitano di un buon trapano per lavorare.

3936 Attrezzi generici manutenzione bici 33 3937 Attrezzi generici manutenzione bici 34 3938 Attrezzi generici manutenzione bici 35 3939 Attrezzi generici manutenzione bici 36

Il seghetto a lama semplice è abbastanza inutile, non si può mai agire con forza. L’unico suo vantaggio è la capacità di lavorare in spazi angusti.

3934 Attrezzi generici manutenzione bici 31 3935 Attrezzi generici manutenzione bici 32

Come si vede altro non è che una semplice impugnatura che avvolge una lama, del tutto identica a quelle che usiamo sulla sega ad arco più grande.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

4. Chiavi poligonali.

Qui il discorso inizia a diventare complesso perché le chiavi poligonali esistono in differenti fogge e vale il principio che non sono mai abbastanza. In che misura servono? Tutte, più estesa la gamma meglio è. Si parte dalla 5 e si arriva alla 32, avere quella da 1 pollice è comodo se si utilizzano estrattori Park Tool che hanno appunto l’ingaggio in pollici; anche se, qui lo dico e qui lo nego, con la chiave da 26 funziona uguale oppure con una semplice chiave a rullo.

Le misure più comuni per la bici devono essere doppie, ossia dobbiamo averne almeno due sui nostri pannelli. Quali misure? La 8, la 9 e la 10; saltiamo la 11 e raddoppiamo le 12, 13, 14 e 15. A volte anche la 16 si rivela utile avere in più. La necessità dei doppioni può essere risolta acquistando chiavi in diversa foggia, per esempio una 12 fissa e una a bussola, così limitiamo un poco la spesa ed è pure più comodo. Non è necessario averle doppie ma è indispensabile avere le misure 21, 22, 24  e 32 perché la maggior parte degli estrattori per il movimento centrale, la ghiera pignoni e la ruota libera hanno ingaggi in queste misure. Vediamo allora in dettaglio le varie tipologie di chiavi poligonali.

4a. Chiavi fisse.

Le chiavi fisse, dette anche a forchetta, sono quelle caratterizzate dall’avere forma aperta su ambedue le estremità, in misura diversa tra un lato e l’altro. Solitamente le vendono in serie complete. Sono comode, è sempre bene averne almeno una serie e hanno l’unico limite di essere piuttosto corte, offrendo quindi leva limitata.

3940 Attrezzi generici manutenzione bici 37 3941 Attrezzi generici manutenzione bici 38

4b. Chiavi combinate.

Anche queste è facile trovarle vendute in serie, alcune catene brico spesso le propongono in offerta ed è un acquisto che non deve mancare.

3942 Attrezzi generici manutenzione bici 39

Si differenziano dalla chiavi fisse perché una estremità è aperta e l’altra chiusa, offrendo quindi una presa migliore. La misura è unica, ossia ogni chiave ha sia il lato aperto che quello chiuso di uguale ingaggio.

3943 Attrezzi generici manutenzione bici 40 3944 Attrezzi generici manutenzione bici 41

Inoltre sono di solito più lunghe delle chiavi fisse, quindi maggior leva. Con un poco di pazienza è possibile trovarle in differenti lunghezze, più difficile reperire chiavi fisse abbastanza lunghe.

3945 Attrezzi generici manutenzione bici 42

4c. Chiavi a bussola.

Le mie preferite, sia perché offrono una ottima presa e sia perché puoi usarle con il manico a cricchetto reversibile (con una levetta varia il senso di rotazione orario/antiorario, quindi avviti e sviti senza dover ogni volta sfilare l’attrezzo) e dotarle di una miriade di accessori per allungare la leva, allungarle e basta per arrivare nei punti più improbabili e persino usare una prolunga flessibile se il tragitto fino al bullone non è lineare.

3949 Attrezzi generici manutenzione bici 46 3950 Attrezzi generici manutenzione bici 47

Hanno innesto quadrato per poter essere armate su differenti supporti, in misura diversa.

3951 Attrezzi generici manutenzione bici 48

Anche il manubrio a cui fissarle è in due misure standard (ne esistono altre, meno diffuse da noi) ossia 1/4″ e 3/8″. Molte chiavi dinamometriche adatte alle bici hanno innesto da 1/4″.

3952 Attrezzi generici manutenzione bici 49 3953 Attrezzi generici manutenzione bici 50 3954 Attrezzi generici manutenzione bici 51 3955 Attrezzi generici manutenzione bici 52

La levetta serve a comandare il verso di rotazione orario/antiorario, il pulsante gestisce l’attacco della bussola.

Solitamente le bussole da 5 a 14 usano attacco da 1/4″, le successive misure sfruttano il maggiore. Ma non è regola assoluta, lo vediamo con due bussole per dadi M10, e come si nota la dimensione di innesto è differente.

3956 Attrezzi generici manutenzione bici 53 3957 Attrezzi generici manutenzione bici 54

Chi si trovasse in difficoltà può ricorrere ad alcuni adattatori, capaci di rendere possibile anche l’aggancio di misure diverse da questi due standard.

3966 Attrezzi generici manutenzione bici 63

Oltre al manubrio classico a cricchetto le chiavi a bussola possono essere assicurate sia a manubri fissi, utilissimi per lavorare per esempio con gli estrattori ruota libera e dare il colpo di martello o innestare un tubo che aumenti la leva, o a manici stile giravite. E’ possibile innestare prolunghe o cremagliere per lavorare in condizioni difficili.

3958 Attrezzi generici manutenzione bici 55 3959 Attrezzi generici manutenzione bici 56 3960 Attrezzi generici manutenzione bici 57 3961 Attrezzi generici manutenzione bici 583962 Attrezzi generici manutenzione bici 59 3963 Attrezzi generici manutenzione bici 60 3964 Attrezzi generici manutenzione bici 61 3965 Attrezzi generici manutenzione bici 623970 Attrezzi generici manutenzione bici 67 3971 Attrezzi generici manutenzione bici 68

E poiché le bussole non sono solo poligonali ma esistono anche bussole a brugola, Torx e punte giravite varie, la loro poliedricità si rivela indispensabile.

3967 Attrezzi generici manutenzione bici 64 3968 Attrezzi generici manutenzione bici 65

L’unico vero limite delle chiavi a bussola, anzi dei loro manubri a cricchetto, è che non rimandano immediata la forza che stiamo applicando. E’ molto facile applicare una coppia di serraggio ben più elevata del necessario e questo non è mai un bene. Dadi e bulloni stretti alla morte sono il più grossolano errore dei meccanici improvvisati, capaci solo di far danni.

L’ho detto, sono le mie preferite e hanno il loro pannello dedicato per essere sempre in ordine e avere chiaro di cosa dispongo, ché a volte non lo ricordo nemmeno io…

3969 Attrezzi generici manutenzione bici 66

4d. Chiave a rullo.

E’ una poligonale particolare, caratterizzata dalla variazione continua della misura grazie a un rullo che rende una ganascia mobile.

3946 Attrezzi generici manutenzione bici 43

Esistono con differenti ampiezze minime e massime, si rivelano utili per lavorare su dadi e bulloni rovinati dall’ossido e sui quali quindi la poligonale non offre presa; oppure, acquistandone una con escursione ampia, possiamo usarla se ci imbattiamo in dadi col formato in pollici invece che metrico.

3947 Attrezzi generici manutenzione bici 44 3948 Attrezzi generici manutenzione bici 45

4e. Chiavi a cricchetto.

Una variazione sul tema della chiavi a bussola e delle combinate. Uniscono pregi e limiti di tutte e due. Le possiamo trovare o nella versione con una estremità a forchetta fissa o basculante e l’altra a cricchetto (del tutto simile a una chiave combinata, solo che il lato chiuso ha appunto la reversibilità) oppure con cricchetto chiuso da ambo i lati, in quest’ultimo caso ogni chiave avrà doppia misura.

3972 Attrezzi generici manutenzione bici 69

La loro utilità, se già si possiede un buon set di chiavi a bussola e relativi manubri, non è determinante. Il cricchetto velocizza i lavori, è la sua caratteristica. La forma le rende meno agevoli della chiavi a bussola (inavvicinabili per praticità d’uso), spesso restano inutilizzate. Insomma, se siamo ben forniti di altre chiavi possiamo soprassedere.

Le levette laterali comandano il verso di rotazione.

3973 Attrezzi generici manutenzione bici 70 3974 Attrezzi generici manutenzione bici 71

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

5. Chiavi a brugola.

Le viti con ingaggio a brugola sono onnipresenti sulle bici, in alcuni casi soppiantate dalle Torx; ma restano le regine della minuteria ciclistica. Ovvio che le relative chiavi sono indispensabili in officina. Le abbiamo in due differenti fogge, quelle con manico e quelle a L.

3975 Attrezzi generici manutenzione bici 72

E’ evidente che la versione con l’impugnatura è più comoda e consente di raggiungere punti più lontani oppure usare maggior leva, dal momento che l’ingaggio è su tutti e due i lati del manico.

3976 Attrezzi generici manutenzione bici 73 3977 Attrezzi generici manutenzione bici 74

Inoltre quelle di buona qualità, con manico o a L, hanno una testa detta Uniball: in pratica l’ingaggio ha forma leggermente sferica e questo consente di lavorare con angolo fino a 35°. Comodissima quando la “linea di fuoco” non è libera davanti a noi o anche per lavori più semplici, per esempio avvitare i portaborraccia visto che è operazione che eseguiamo stando a lato della bici.

3978 Attrezzi generici manutenzione bici 75

Come possiamo vedere, il lato sprovvisto di Uniball permette di lavorare solo in linea retta.

3980 Attrezzi generici manutenzione bici 77

Invece l’intelligente lavorazione della testa ci permette di essere efficaci (la coppia massima esercitabile resta però inferiore) anche lavorando in diagonale.

3981 Attrezzi generici manutenzione bici 78 3982 Attrezzi generici manutenzione bici 79

Per le chiavi a L esiste un comodo supporto per evitare di farsi male le mani.

3990 Attrezzi generici manutenzione bici 87 3991 Attrezzi generici manutenzione bici 88

Io suggerisco sempre di dotarsi di chiavi a brugola di ambedue le fogge, senza contare che possiamo anche disporre delle bussole a brugola e quindi di tutti gli accessori (gli stessi delle chiavi a bussola visti sopra) per armarle nei più svariati modi.

3983 Attrezzi generici manutenzione bici 80

Anche se di preferenza uso la versione con impugnatura, avere almeno le misure più comuni anche nella versione a L è pratico e risiede nelle dimensioni. Spesso con quelle dotate di impugnatura, anche se del tipo Uniball, non abbiamo spazio sufficiente per lavorare, troppo lunghe. Prediamo la chiave da 2 (che serve, hai voglia se serve…) e confrontiamo la lunghezza tra la versione dotata di impugnatura e quella a L. Così piccola possiamo usarla ovunque.

3979 Attrezzi generici manutenzione bici 76

La misure necessarie su una bici sono tutte, dalla 2 alla 10, senza saltare la 2,5 che è spesso utilizzata per le viti di regolazione tensione o centratura dei freni. Le 4, 5 e 6 le più diffuse, la 8 (come la 6) spesso usata per i pedali di alta gamma privi di ingaggio classico o per il più prosaico bullone del cavalletto, la 10 è quella della vite di giunzione dei semibracci del sistema Ultra Torque. Insomma, le chiavi a brugola servono, servono in molte misure, servono in tutte e due le fogge, servono anche quelle a bussola per sfruttare gli accessori e servono soprattutto di buona qualità.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

6. Chiavi Torx.

L’ingaggio Torx non ha soppiantato quello a brugola ma compare sempre più di frequente sulle nostre bici. A parte i freni a disco, da sempre potrei direi standardizzati sull’uso delle Torx per il fissaggio al mozzo (ovvio nel sistema a vite e non centerlock) stiamo iniziando a ritrovarle anche lì dove le brugole avevano messo radici; per esempio le viti di fissaggio dei comandi corsa o le bussole a incasso dei freni caliper.

Quello che caratterizza l’ingaggio Torx è la forma stellare.

3985 Attrezzi generici manutenzione bici 82 3986 Attrezzi generici manutenzione bici 83

Come per le chiavi a brugola anche qui possiamo averle nella foggia con l’impugnatura o la classica a L.

3984 Attrezzi generici manutenzione bici 81 3987 Attrezzi generici manutenzione bici 84

A complicare un poco le cose c’è lo standard Torx col “pirulicchio” che vuole una chiava dotata di foro al centro.

3988 Attrezzi generici manutenzione bici 85

Mai trovata finora su una bici, ma nel dubbio ho preferito acquistare una serie forata, tanto va bene anche per le Torx normali. Anche le Torx esistono nel formato a bussola, quindi valgono le stesse considerazioni espresse sopra per le chiavi poligonali e quelle a brugola.

3989 Attrezzi generici manutenzione bici 86

Possiamo anche non prenderne tante ma la misura che mai deve mancare è la T25: su una bici con viti Torx è la T25 che troveremo.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

7. Giraviti.

L’uso delle viti classiche, a taglio o a croce, è ormai circoscritto a pochissimi componenti; ne fanno uso solo deragliatore e cambio per i registri di fine corsa e nemmeno tutti, Sram per esempio sui suoi ultimi deragliatori si è convertito a piccole viti a brugola. Servono, non tantissimi, basta il set standard in vendita nei brico con le misure più comuni.

3994 Attrezzi generici manutenzione bici 91 3995 Attrezzi generici manutenzione bici 92

Anche loro sono disponibili nel formato a bussola, sempre utile.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

8. Lime.

Tagliamo un tubo forcella o accorciamo un manubrio e per quanto precisi nel taglio qualche bava residuo di lavorazione sempre resta. Una lima per rifinire fa comodo.

3992 Attrezzi generici manutenzione bici 89 3993 Attrezzi generici manutenzione bici 90

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

9. Attrezzi per filettare.

L’ossido (o i lavori maldestri…) sappiamo rovina le filettature. Un semplice kit con maschi e filiere per ripassare filettature interne o qualche bullone è utile averlo se si lavora su bici più anziane. Va bene qui ricorrere a qualche cassettina di non eccelsa qualità in vendita nei brico, perché non è lavoro quotidiano e il rischio usura precoce è scongiurato. Siamo una officina domestica, non professionale e non lavoriamo su dieci bici e cinquanta filettature al giorno.

3997 Attrezzi generici manutenzione bici 94 3998 Attrezzi generici manutenzione bici 95 3999 Attrezzi generici manutenzione bici 96 4000 Attrezzi generici manutenzione bici 97

Esiste anche un kit specifico per bici, con le misure più comuni e quelle particolari dei pedali, ma lo vedremo nell’articolo sugli attrezzi specifici da bici.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

10. Forbici.

Sempre utili, ovvio, che sia per rifinire il nastro manubrio o semplicemente tagliare del nastro adesivo. Quelle piccole a lama curva sono comode per il taglio delle protezioni in plastica trasparente che abbiamo visto in un altro articolo, quelle create da noi per salvaguardare alcuni punti del telaio.

4001 Attrezzi generici manutenzione bici 98

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

11. Nastro adesivo.

Nastro carta per mascherare o proteggere, nastro da elettricista per i più svariati usi e un buon nastro telato per chiudere in modo gradevole un nastro manubrio; anche un biadesivo si rivela utile, meglio se del tipo spesso.

4002 Attrezzi generici manutenzione bici 99

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

12. Carta abrasiva.

Qualche taglio in diversa grana, inutili quelle grosse, almeno sulle bici; dove invece si rivelano utili quelle a grana 800 e 1200 ad acqua (ossia resistenti all’acqua perché le dovremo usare bagnate per non graffiare) per eliminare quella traccia d’ossido, dare la prima sgrossata se vogliamo lucidare a specchio l’alluminio o, nei casi più estremi, ripassare le piste frenanti. Anche qualche paglietta in acciaio, le stesse usate per le pentole però quelle scarse, in vendita nella bista di plastica trasparente a venti alla volta), aiutano a eleminare tracce di ossido. E se bagnate in olio minerale e passate con mano leggera recuperano brillantezza alle cromature.

4003 Attrezzi generici manutenzione bici 100 4004 Attrezzi generici manutenzione bici 101

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

13. Spazzole metalliche, abrasive e da lucidatura.

L’ossido, sempre lui, da rimuovere da qualche filettatura o punti dove con la carta abrasiva non riusciamo a lavorare ed ecco che una spazzola in ottone si rivela decisiva. Oltre quella raffigurata in foto sono comode anche quelle a forma di spazzolino per i denti, molto piccole e maneggevoli e vorrei tanto sapere le mie che fine hanno fatto perché quando le dovevo fotografare e ho aperto il cassettino dove le conservo l’ho trovato vuoto…

4020 Attrezzi generici manutenzione bici 117

Da usare col trapano, meglio se montato a banco con l’apposita morsa, le spazzole in acciaio, ottone, nylon, cotone, feltro ecc, ognuna adatta a uno scopo. Eliminare l’ossido, rifinire, lucidare, pulire e così via. Un giro tra gli scaffali di un brico e scopriremo un mondo di possibilità.

4023 Attrezzi generici manutenzione bici 120

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

14. Strumenti per la misurazione.

Il classico metro, nella versione da falegname, estensibile e anche quello da sarto, quando per qualche motivo abbiamo necessità di seguire le curve del telaio. Un righello in alluminio (non plastica, flette) da almeno 80cm molto utile per tante applicazioni, dalla misura dell’altezza sella alla sistemazione precisa dei comandi al manubrio; un calibro, evitando quelli digitali a meno che non siano di ottima fattura. I più fanatici (io) potrebbero anche scegliere di dotare l’officina di qualche spessimetro.

4005 Attrezzi generici manutenzione bici 102

Metri vari non hanno bisogno di spiegazione, solo qualche nota per calibro e spessimetri.

Il calibro, monarca assoluto di ogni officina; il mio è spesso sulla scrivania a tenermi compagnia, gli sono affezionato. Come detto sopra preferisco quello classico ai digitali.

4006 Attrezzi generici manutenzione bici 103

Un poco per la mia nota idiosincrasia ai monitor grandi e piccoli, un tanto perché o è di eccelsa qualità oppure meglio rinunciare. Quando lavoriamo su tubi reggisella che hanno variazioni in sequenza ogni 0,2mm un errore di misurazione si traduce in un acquisto sbagliato.

Il sistema è semplice: due forchette, la maggiore per misure esterne, la minore per le interne e il tutto riportato su diverse scale graduate. Nello scegliere un modello assicuratevi che l’asta per la misurazione della profondità sia ben rigida, altrimenti flettendo falserebbe la misura.

4007 Attrezzi generici manutenzione bici 104 4008 Attrezzi generici manutenzione bici 105

Gli spessimetri, lo dice la parola, servono a misurare con estrema precisione spessori minimi.

Abbiamo lo spessimetro classico…

4009 Attrezzi generici manutenzione bici 106

…dotato di un lato fisso e uno mobile: inseriamo l’elemento da misurare e sul quadrante leggeremo il valore.

4010 Attrezzi generici manutenzione bici 107 4011 Attrezzi generici manutenzione bici 108

Non basta il calibro? No, non basta se la superfice è irregolare, per esempio l’usura anomala di un disco freno. Con il calibro, a causa della lunghezza della forchetta conosceremo solo lo spessore massimo. Con questo strumento, davvero molto piccolo, potremo misurare tante zone diverse e avere un quadro preciso della situazione.

L’altro spessimetro è quello a lame. Si presenta sotto forma di coltellino multiuso, però le lame invece di avere le funzioni più strambe hanno spessori differenti, col valore serigrafato su ogni lama. Lavora inserendolo tra i due elementi distanti tra loro. Prova e riprova alla fine la misura è quella della lama che entra senza forzare e non ha gioco.

4012 Attrezzi generici manutenzione bici 109 4013 Attrezzi generici manutenzione bici 110

Una applicazione pratica sulla bici? La distanza tra pastiglia e disco freno quando regolo i freni a disco meccanici. Al limite della paranoia, lo ammetto.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

15. Spatole.

In metallo, plastica e gomma. Un adesivo da applicare, una punta d’ossido, sverniciamo il telaio a caldo, insomma tanti usi. Costano poco, averle può far comodo.

4014 Attrezzi generici manutenzione bici 111

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

16. Bacinella magnetica.

Ero indeciso se inserirla qui o metterla in scaletta per l’articolo sugli attrezzi specifici da bici. In effetti io lo considero un vero e proprio attrezzo indispensabile mentre lavoro sulla bicicletta. Perché? Mai smontato una serie sterzo a cuscinetti sciolti e questi si sono immediatamente dileguati in ogni dove senza mai più dare notizie? Infatti io piazzo sempre questa bacinella sotto e i cuscinetti lì finiscono, catturati dalla forza magnetica. Fregati.

Spesso anche sotto i mozzi, sempre per evitare la fuga indisciplinata dei cuscinetti; o semplicemente per riporre minuteria molto piccola che potrei perdere di vista.

4015 Attrezzi generici manutenzione bici 112

Consiglio: meglio acquistarla in un negozio brico; costa la metà e anche meno delle analoghe versione che vantano la serigrafia di qualche noto produttore di attrezzi per bici.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

17. Fil di ferro e acciaio armonico.

4016 Attrezzi generici manutenzione bici 113

Del buon fil di ferro serve sempre; mantenere un oggetto in posizione, appenderlo per verniciarlo, tenerlo saldo per eseguire misurazioni e qualunque altra cosa vi venga in mente. L’acciaio armonico invece ha un utilizzo meno intuitivo. Già, a che serve? Non a produrre musica ma a risolvere problemi di difficile soluzione: ci creiamo le molle. A volte nei meccanismi ci sono molle piccolissime che perdiamo mentre smontiamo o semplicemente quella molla ha terminato il suo ciclo vitale e non troviamo da nessuna parte il ricambio perché la bici è molto anziana. Acciaio armonico, un trapano avvitatore e un giravite intorno cui avvolgere e la molla la costruiamo noi. Prima o poi scriverò un articolo su come fare, ma un video sarebbe più appropriato. Sicuramente in rete troverete chi ci ha già pensato.

Anche le classiche fascette in plastica da elettricista fanno comodo in luogo del fil di ferro.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

18. Barre filettate.

Hanno tanti usi, le abbiamo viste spesso in funzione qui sul blog.

4017 Attrezzi generici manutenzione bici 114

Con dadi, rondelle e presse autocostruite l’abbiamo usata per posizione i cuscinetti in un mozzo, o con rondelle adeguate ha reso possibile smontare una calotta movimento che non voleva venir via. In differenti misura, M6, M8, M10, M12, e dopo averle tagliate alla bisogna si rivelano sempre un valido supporto.

4018 Attrezzi generici manutenzione bici 115 4019 Attrezzi generici manutenzione bici 116

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

19. Listelli in legno.

Uno piano, spessore almeno 2cm, molto utile da frapporre quando martelliamo per non rovinare le superfici. Lo abbiamo visto per esempio a proposito dell’attacco manubrio ossidato.

Uno tondo, da usare in alcuni lavoretti specifici. Uno per tutti la foratura dei parafanghi in acciaio o alluminio, che non sempre sono venduti con tutti i fori già eseguiti. Se lo usiamo come supporto, inserendolo a contatto con la parte interna del parafango, il foro risulterà pulito, la sottile lamina di acciaio o alluminio non si deformerà e non avremo bave di lavorazione dal lato di uscita della punta. E’ noto che amo curare i dettagli, anche quelli invisibili…

4021 Attrezzi generici manutenzione bici 118 4022 Attrezzi generici manutenzione bici 119

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

20. Utensili elettrici.

Poche parole, non sono utensili che richiedono presentazione, li conosciamo tutti. Un trapano a filo, da usare anche con le spazzole viste sopra; uno a batteria, che può fungere anche da avvitatore (io per esempio lo uso per rimuovere tutti i raggi con una punta per nippli che mi sono costruito) e il solito minitrapano con la sua gamma infinita di accessori con cui eseguire lavori di precisione. Per quest’ultimo consiglio l’acquisto della trasmissione flessibile, aumenta la maneggevolezza.

4024 Attrezzi generici manutenzione bici 121

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

21. Banco da lavoro.

Una superfice solida su cui lavorare è spesso indispensabile. Chi ha problemi di spazio può ricorrere ai piccoli banchi pieghevoli. Non sono robustissimi, anche se le versioni migliori (e più care) hanno buone caratteristiche. Nel mio caso ho sostituito il piano di lavoro con assi in legno più robuste e più estese, aumentando la superfice utile.

4026 Attrezzi generici manutenzione bici 123

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

22. Morse.

La morsa da sola serve a poco se non è assicurata a un piano robusto. Per piccoli lavori, dove più che la forza di serraggio torna utile un supporto che tenga in posizione (per esempio durante le operazioni di manutenzione dei pedali) torna utile una piccola morsa con attacco a vite, da fissare dove vogliamo.

4025 Attrezzi generici manutenzione bici 122

Per lavori più impegnativi che richiedono una morsa ben strutturata e non sappiamo dove piazzarla perché non abbiamo un banco di lavoro fisso, potremmo adattarci con il nostro banchetto pieghevole. Tre fori a misura, bulloni e dadi (non presenti in foto) e abbiamo la nostra morsa da banco.

4027 Attrezzi generici manutenzione bici 124 4028 Attrezzi generici manutenzione bici 125

Anche la morsa a collare per fissare al banco il trapano è molto comoda, soprattutto per i lavori di lucidatura. Non ho immagini, la mia è fuori in prestito. In rete è facile trovarne.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

23. Compressore.

Se si dispone di uno spazio sufficiente credetemi: è comodissimo. Asciugatura (per esempio la catena dopo averla pulita col petrolio), verniciatura, gonfiaggio rapido delle gomme e tanto altro, gli accessori per il compressore sono una quantità. Un 24/25 litri è il minimo per avere autonomia nei nostri piccoli lavori. Per verniciare meglio almeno il 50 litri, che però occupa tanto spazio. Ognuno valuti spazi e necessità.

4029 Attrezzi generici manutenzione bici 126 4030 Attrezzi generici manutenzione bici 127

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

24. Carta.

Il classico rotolone da officina, mille usi; collocarlo sempre a portata di mano e in modo che sia facile strappare il pezzo di carta invece di svolgerlo in giro…

4031 Attrezzi generici manutenzione bici 128

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

25. Guanti.

In tessuto e gomma per buona presa, in pelle per lavori pesanti o in lattice per non sporcarsi le mani. Fanno comodo.

4032 Attrezzi generici manutenzione bici 129

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

26. Tubi per prolungare la leva.

Tante volte ho suggerito su queste pagine di aumentare la leva per risolvere le situazioni più difficili. Un paio di tubi di ferro da 1 metro, diametro adeguato agli attrezzi che dovranno servire, e nessun pedale o ruota libera o movimento centrale ci resisterà.

4034 Attrezzi generici manutenzione bici 131 4035 Attrezzi generici manutenzione bici 132

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

27. Solventi, detergenti, olio, sbloccante ecc.

Esclusi per adesso i prodotti specifici per la bici, che vedremo in seguito, una buona scorta di detergenti, solventi, spray sbloccanti e altro fa comodo. Anche qui tutto scelto in base alle proprie esigenze.

4033 Attrezzi generici manutenzione bici 130

Per esempio il petrolio bianco è inutile per chi usa l’attrezzo lavacatena, dove è meglio utilizzare il detergente specifico. Però avere un buon sgrassatore, uno spray sbloccante, un oliatore caricato con olio per cambi auto, acetone (non quello utilizzato in cosmetica, quello da acquistare dal ferramenta) che è un ottimo antisiliconico e quindi perfetto per la pulizia preverniciatura, olio al silicone in spray perché non rovina le parti in gomma, la pasta lavamani per una veloce pulizia durante i lavori, grasso spray per raggiungere i posti più difficili, alcool puro che è ottimo come lubrificante per inserire/rimuovere velocemente le manopole o i copricomandi corsa, un vasetto con acqua saponata e pennello per i copertoncini più ostici, creme lucidanti, pasta abrasiva leggera, insomma tutti quei prodotti che semplificano la vita se dobbiamo pulire, lucidare, sgrassare, smontare. Non pubblico immagini dei singoli prodotti, sarebbe una gratuita pubblicità non necessaria. Anche qui basta un giro tra gli scaffali di un buon centro brico, leggere le etichette e valutare se per i lavori che intendiamo svolgere quel prodotto può servirci o meno.

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

Bene, termina qui questa lunga carrellata; utile o inutile l’ho detto in apertura sarà ognuno di voi a valutare. Tranne alcuni attrezzi indispensabili per determinati lavori (pinze, chiavi poligonali e a brugola) e una scorta di spray vari di tutto il resto un ciclista normale non sa che farsene. Anzi, il ciclista sano di mente che si diverte a pedalare e non a fare il topo da officina non sa che farsene proprio di tutto. Però è iniziato l’autunno, le giornate si accorciano, magari a qualcuno vien voglia di provare un certo lavoro e non sa che attrezzi gli servono. Non li comprerà tutti, ovvio; potrà sfogliare la lista e capire cosa gli serve.

La prossima volta gli attrezzi specifici per la bici.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un commento oppure clicca sul pulsante “Mi piace”. Puoi condividerlo con i tuoi amici sui tuoi social o inviarlo loro via email, basta un clic sui pulsanti in basso. E se vuoi essere sempre aggiornato su ogni nuova pubblicazione non dimenticare di iscriverti al blog.

COMMENTS

Commenta anche tu!