Cablare la trasmissione Shimano Di2

Tempo di lettura: 4 minuti

Il cablaggio di una trasmissione Shimano Di2 non è complicato.

I collegamenti sono intuitivi, la tecnica semplice. In linea di massima lo schema di collegamento è analogo tra Ultegra e Dura Ace; dove per schema di collegamento intendo solo la sequenza di collegamento, perché la connessione può variare a seconda della serie/modello usato.

Anche se facile, qualche accortezza ci vuole; a iniziare dall’uso dell’apposito attrezzo per inserire gli spinotti per finire con qualche attenzione per esser certi che i cavetti siano della giusta misura.

E noi di questo leggeremo.

Perché ho deciso di creare una sequenza di articoli che ci guideranno passo passo durante l’installazione completa. Ma non secondo un percorso “istituzionale”, per quello ci sono i manuali.

No, la sequenza rispetterà l’ordine reale di montaggio, perché agendo su una trasmissione Di2 ci sono passaggi da fare prima o dopo rispetto all’installazione di una trasmissione meccanica.

E soprattutto cercherò con questo e i successivi articoli di mettere chiunque nelle condizioni di far da sé e farlo bene.

Così ho deciso di partire con lo schema di cablaggio, una verifica che è bene fare prima visto che 999 volte su 1000 chi installa una trasmissione Di2 lo fa su telaio a cavi interni. A seguire avremo il montaggio di movimento, guarnitura e pignoni.

Ci fermeremo per un articolo dedicato alla sola catena, perché mi offre lo spunto di mostrare come calcolarne la giusta lunghezza; e siccome dovremo farlo montandola su corona e pignone maggiori io consiglio di eseguire il calcolo prima del montaggio di cambio e deragliatore.

Cambio e deragliatore che avranno le loro schede separate, così da riprendere i lavori.

Con la trasmissione praticamente in sede procederemo alla calibratura, che avrà un suo articolo.

A chiudere la sequenza l’installazione dei freni idraulici e, se mi arriva per tempo il necessario, eseguiremo anche il confronto nel montaggio delle pinze con rotori da 140 e 160 mm.  

L’unica operazione che non sarà mostrata con immagini mie ma recuperate dal manuale ufficiale Shimano è l’inserimento della batteria nel reggisella. C’è uno schema base da seguire, poi la collocazione finale dipende dal reggisella e dal tipo di adattatore previsto. Ne esistono vari, dai classici semigusci in gomma a quelli interi a tubo, anche in alluminio con alette di blocco. Troppe possibilità, o le fai tutte oppure mostri quel che più o meno è in comune, lasciando poi il prosieguo allo specifico adattatore che ha sue istruzioni.

Una guida esaustiva… 😀

Iniziamo. 

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

Commenta anche tu!