Bicycle Line Aero 2.0

Introduzione

Mi ero prefissato di proporvi almeno un completo estivo prima che entrassimo nella bella stagione, senza arrivare come feci lo scorso anno a essere online quando il solleone già ci arrostiva da settimane a ogni uscita.

Una volta tanto sono riuscito a mantenere i buoni propositi ma non solo per merito mio: fondamentale è stato il supporto di Bicycle Line che mi ha fornito una primizia quando ancora non era presente nemmeno sul loro sito.

Già, infatti è da febbraio che il completo Aero 2.0, insieme ai guanti Pavé e ai calzini Miglia è qui da me. Ovviamente ho dovuto attendere clima più favorevole per indossarlo e devo dire che sono stato sfortunato. Di solito già dai primi di marzo abbandono i completi invernali in favore del “corto” e invece quest’anno mi sono ritrovato addirittura la neve che così copiosa non si vedeva da oltre cinquant’anni. Anzi, è proprio la neve che qui scende due volte ogni secolo: e proprio il momento che mi serviva per i test ha scelto? E vabbè.

Ma tant’è, alla fine il caldo è arrivato e anche se non è la canicola agostana è stato sufficiente a farmi comprendere questo completo, novità per il 2018.

Bicycle Line è azienda presente da trent’anni, dal 1987 per la precisione, ed è italianissima a dispetto del nome. Offre un catalogo vasto, per uomo, donna e bambino e di ogni capo e accessorio serve alla vestizione del ciclista.

E’ la seconda volta che compare qui sul blog, lo scorso autunno vi proposi il test di un loro completo invernale. Fu in quell’occasione che concordai con l’ufficio comunicazione di risentirci all’inizio dell’anno nuovo per valutare un secondo test, ovviamente di abbigliamento estivo. Mi ha spiazzato la pronta risposta, francamente non mi aspettavo di riceverlo con così tanto anticipo e di questo ringrazio.

Voi che mi seguite da tanto avete visto questo blog crescere sotto i vostri occhi, conoscete l’impegno profuso; che è anche l’impegno per creare contenuti sempre nuovi e interessanti e senza il fondamentale supporto delle aziende non riuscirei a offrirvi tanti articoli. Tranne la pausa a ridosso del Natale, è da settembre che trovate almeno un test a settimana. Un ritmo così serrato sarebbe impossibile se non potessi contare sulla fiducia che da tempo si è instaurata tra me e molti uffici stampa e marketing.

E poi lo sapete, quando mi imbatto in aziende che offrono ottimi prodotti al giusto prezzo ho la tendenza a riproporla, perché nel mare magnum delle scelte mi sembra l’unico modo di offrirvi una bussola per la navigazione.

Già conoscevo la qualità Bicycle Line prima di lavorare al test autunnale, quindi allora mi fu naturale chiedere un completo per il freddo; l’ho poi toccata con mano, e poiché mi sono ripromesso che avrei presentato un solo completo estivo (quest’anno vorrei chiudere la stagione dei test entro metà giugno, ho bisogno di staccare pure io, ma tanto già so non accadrà…), tornare a parlarvi di questa azienda mi è sembrata la scelta più saggia.

Prodotti di ottima fattura, ampia scelta, la volontà di rivolgersi ai migliori fornitori, la ricerca di soluzioni non convenzionali su alcuni capi per venire incontro alle esigenze dei ciclisti: il tutto a prezzi onesti e spesso vantaggiosi. Tanta sostanza piuttosto che inutile marketing; che, forse a volte lo si dimentica, paghiamo noi. Il costo di quelle belle foto scenografiche che riempiono i social finiscono sul nostro cartellino del prezzo: pensateci prima di lasciare qualche like a cuor leggero… 😀

Come sono arrivato a selezionare questo Aero 2.0? Giusta domanda, vi ho appena detto che non era presente nemmeno sul sito quando mi è arrivato. Semplice: la gentilissima responsabile comunicazione del marchio mi ha inviato il catalogo nuovo, invitandomi alla scelta.

Argh! Difficilissimo! Tante le novità per il 2018 che sono state ore a sfogliare. Ho escluso da subito la maglia Pordoi, bellissima e tecnica ma il pensiero di rovinarla mostrandola indosso a un salsicciotto come me mi ha fatto desistere.

Guarda e riguarda, in lista erano rimaste due modelli: questo Aero 2.0 e la maglia California Sp con pantaloncino da abbinare. Chi ha vinto facile intuirlo. In più ho chiesto che al completo fossero aggiunti guanti a calzini, indicando come priorità il comfort. E abusando della pazienza della cortese responsabile comunicazione, ho chiesto un abbinamento cromatico che mi rendesse possibile gestire le foto in esterno con anche il casco Met 3k, il cui test è da poco online.

E così mi è arrivato questo elegante nero, che né sul catalogo né nelle mie foto si riesce ad apprezzare per bene. E poi il nero sfina e sembro pure più magro 😀

Dite la verità, si intona tutto alla perfezione, bici compresa? Sembro un ciclista vero; anzi, non sembro nemmeno io…

Comunque per quanto possa essere vanesio non dimentico il dovere e tra la mie priorità dovevano esserci un fondello per lunghe distanze, tessuto con protezione UPF (ossia dai raggi ultravioletti), zip a tutta lunghezza, qualche dettaglio riflettente (mia fissa, lo sapete) vestibilità anatomica ma non costretta e un costo al pubblico ragionevole in rapporto alla qualità. Quest’ultima caratteristica comune a tutta la gamma, me se riesco a proporre qualcosa di ottimo che non vi obbliga a svenarvi, sono più contento.

I guanti li volevo comodi, capaci di assorbire le vibrazioni e i colpi; i calzini dovevano prevedere buona compressione senza eccessi. Perché? Perché il tutto potesse essere indossato anche in ambito gravel/off road leggero.

Insomma, volevo un completo confortevole, performante, adatto a più usi, per lunghe distanze e, cosa che non guasta mai, bello da vedere. Sono stato accontentato, quindi iniziamo a conoscere questo Bicycle Line Aero 2.0.

Voltiamo pagina.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali. I pulsanti in basso ti permettono di trovarmi sui tuoi social.

Commenta anche tu!