Aggiornamento sulle “novità”

Rapido aggiornamento.

La bici è arrivata ieri, in netto anticipo. Era meglio se si prendevano un poco di tempo in più: bici nero matto, ruote nere, trasmissione Sram Rival 22, tutto molto aggressivo. E poi la botta: piega, attacco e reggisella bianchi! Orrore!

Ok bici test, ok per fare presto a montarla metterci quello che c’è ma così non si può guardare. Recupero io un trittico nero, francamente fotografarla così è una schifezza. E tra l’altro hanno montato un 110 come attacco, lunghissimo per me. Vabbè, rendo onore almeno alla buona volontà di fare presto a spedire.

Ho avuto oggi conferma per il casco, partirà a breve dagli USA, l’attacco manubrio è stato appena spedito.

Per la fine del mese dovrebbe arrivare tutta la gamma completa Michelin Power, e mi sembra una buona cosa per un raffronto anche coi Pro4 già testati. Avevo chiesto a un paio di altri produttori invece delle gomme da gravel, profittando anche della bici in prova. Uno ha detto no ma è normale, dice no a tutti; l’altro ha detto si però avrei dovuto pagare al distributore italiano, anche se a prezzo di costo, i copertoni. Una sciocchezza colossale ovviamente, e quindi ho rifiutato. Attendo riposta da due produttori d’oltreoceano, ma è complicato sempre per la questione doganale, per evitarla la roba deve tornare indietro e ti costa più dei copertoni.

A questo aggiungo una altra piacevole sorpresa: Claudia ci racconterà in diretta il suo prossimo viaggio dalle pagine del blog. Mi fa molto piacere poter ospitare i suoi scritti, che arriveranno quando potrà e quando troverà una connessione internet. E’ anche il mio modo di contribuire; Claudia avrà degli sponsor che, giustamente, chiedono visibilità. Se posso offrirne io a lei e quindi consentirle di usare anche questa carta nella sua ricerca di finanziatori sono ben lieto di farlo, sperando possa servire.

In forse anche se sulla buona strada l’arrivo fra un paio di mesi di una bici da corsa coi freni a disco. Io non sono del tutto convinto che al momento attuale su una bici da corsa di alta gamma, dove il peso è un valore fondamentale e con queste gomme in commercio, i dischi siano effettivamente vincenti. E quindi ho fatto l’unica possibile: ne ho chiesta una in prova. Una cosa sono i giretti fatti su bici varie di amici e conoscenti, una altra provarne una a fondo. E poiché dal furto della prima Elessar ho avuto questa ansia perenne a pedalare su bici non mie e costose, ho sempre evitato di approfondire. Ma si guarda avanti.

E guardando avanti ho deciso di modernizzarmi, dando uno sguardo ai vari dispositivi “smart bike”. Io non so nemmeno usare il ciclocomputer con filo e cinque funzioni, figuriamoci questi cosi con app, gps, sensori e altre diavolerie. Ma non mi sono rivolto ai più noti, gli articoli già abbondano altrove, preferendo scoprire nuove realtà. Alcune ancora in fase di prototipo e anche qui, ahimè, sempre tutto da aziende a stelle e strisce. Oltre i soliti problemi logistici c’è anche quello linguistico: il mio inglese non è certo comprensibile e manca una versione inglese del blog, cosa che limita, giustamente, l’interesse delle aziende oltreoceano. Ma ci sto lavorando, pure su questo.

Insomma, questo blog cresce, in visite e contenuti malgrado sia io a occuparmene; anzi, a dispetto del fatto sia io a occuparmene. Non mi spiego la ragione, ma visto che funziona, tanto vale continuare. O no?

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali. I pulsanti in basso ti permettono di trovarmi sui tuoi social.

COMMENTS

  • Adriano

    Senza “se” e senza “ma”. 🙂

    • Elessarbicycle

      Dipenda da cosa i se e i ma; se per la roba da testare ci sono ancora molti “se” e diversi “ma” da risolvere. Non tutto è semplice, la burocrazia è un macello. Per esempio, il blog non è testata registrata e quindi non ha nemmeno partita IVA. E non tutti si fanno bastare il mio codice fiscale. Che c’entra? C’entra eccome, la roba quando esce da una azienda deve viaggiare con documentazione fiscale in regola, mica prendi, fai un pacchetto e via come fossi un privato. Registro il blog in tribunale? Altre spese e già sono troppe, sono in perenne passivo.

      Fabio

  • Adriano

    Mi riferivo al “tanto vale continuare. O no?”….anche se la tua era – per fortuna! – una domanda retorica… 🙂

    • Elessarbicycle

      Retorica si, ma fino a un certo punto. Sono sinceramente orgoglioso di questa piccola isola, ma ormai con eccessiva frequenza si scatenano episodi che la voglia di andare avanti te la fanno passare. L’ultimo proprio ieri e se è vero è davvero gravissimo. Spero non sia così, spero di ricevere una spiegazione plausibile. Che sono certo non avrò. Aspettiamo.

      Fabio

  • Giovanni

    Fabio, il tuo lavoro è degno di lode. Hai creato tutto ciò e lo hai fatto con vera passione e se noi siamo qui e perchè rivediamo in te l’amore che ci anima. Siamo però in Italia, dove se qualcosa funziona allora bisogno fare in modo di rovinarla, perchè il masochismo lo abbiamo insito dentro come l’invidia dovuta alla miseria della nostra condizione di cui però non vogliamo renderci conto.
    Quindi tieni duro quelli che ti amano sono molti di più.

  • Lorenzo

    Bene Fabio,
    io torno in argomento.
    Non vedo l’ora di leggere dello smart bike, (navigatore gps vero?) che mi sta intrippando questa cosa.
    La possibilità di trovare nuovi percorsi seguendo una traccia di qualche ciclista ed ampliare il i percorsi conosciuti mi piace.
    Mi spiace invece che non ci sarà la prova dei (degli sarà anche corretto ma non mi è mai piaciuto…) pneumatici Gravel
    (sin da piccolo mi è sempre piaciuto giocare col fango) e vediamo questa bici della terra di Albione.

    • Elessarbicycle

      Ciao Lorenzo, per i dispositivi smart bike ci sarà da attendere, dubito ne avrò prima di Natale. Ammesso che capisca come funzionano e non vi rinunci subito 😀
      Della inglesina leggerai, ma anche qui ci vuole tempo. Per i prossimi dieci giorni non avrò nemmeno una volta il tempo di uscirci. E per te potrebbe non essere una completa novità, un pezzo già lo conosci…

      Fabio

  • Giovanni

    Quanti ricordi sulla mia vecchia piccola bici con la sella a banana fra le grandi pozzanghera piena di fango mentre si percorrevano strade di campagna senza meta nella più totale libertà, credo che mai come allora avessimo dentro il vero senso della “gravel”. libertà che si respirava anche nella vita di tutto i giorni, anche perchè allora “contro il logorio della vita moderna” bastava un Cynar 🙂

    • Elessarbicycle

      Graziella Carnielli Leopard mx2, cambio con comando sull’orizzontale, doppio ammortizzatore posteriore, forcella a molle, freni a tamburo: un cancello pesantissimo e impossibile da pedalarci, di mio fratello. Però io gliela fregavo ogni volta, anche perché la mia Graziella era sempre spaccata per i miei salti 😀
      Ah, bei tempi…

      Fabio

  • Francesco

    La guida per i telai in acciaio è un argomento che penso tanti attendano 🙂

    • Elessarbicycle

      E mi sa che c’è ancora da attendete purtroppo…
      Ho la bici da provare ormai da quattro giorni e ancora non sono riuscito a fare un giro di pedale; e mi aspettano due settimane piuttosto intense, dubito riuscirò a trovare il tempo e la calma per scrivere.

      Fabio

      • Francesco

        Pazienterò:-).
        Cliccando sull’anteprima della pagina principale (intendo la serie di articoli che scorrono a ciclo continuo) non riesco mai ad aprirli , è normale o è un problema che deriva dal famoso blocco del sito di qualche mese fa?

        • Elessarbicycle

          Ciao Francesco, lo slider con il lancio di quattro articoli è qualcosa che seleziono io, nel senso che io scelgo cosa mostrare. E’ una semplice vetrina delle novità oppure vi lascio qualche articolo che ritengo di interesse. Per poterli aprirle direttamente dallo slider serve un doppio click sul titolo, non sulla immagine e basta. Esiste una modifica nel codice per rendere cliccabile tutta la foto, ma ho preferito non inserirla nella nuova versione del blog. Meno giochi coi codici meglio è…

          Fabio

Commenta anche tu!