Adattatore per pedali con aggancio Lixada

Tempo di lettura: 8 minuti

Introduzione

Pedalare agganciati è meglio, non mi stancherò di ripeterlo; pedalare sempre agganciati non è possibile e pure questo l’ho detto spesso.

In città, per brevi tragitti o altre occasioni che richiedono un abbigliamento informale, indossare scarpini con tacchette è improponibile.

Il mercato offre diverse soluzioni, con scarpe dall’aspetto “civile” che nascondono nella suola le sedi per le tacchette. Sempre sedi a due fori, quindi restano escluse le tacchette tre fori per pedali stradali sportivi.

Calzature così ne ho presentate, per esempio le Chrome Tusk o le Shimano MT 75.

Altra soluzione è ricorrere a pedali doppia funzione: un lato con il meccanismo di aggancio, l’altro flat. Anche di questi ho parlato, presentandovi la prova su strada dei Rose Duo Plus. E anche in questo caso lo standard è sempre per tacchette due fori.

Ma chi ha pedali da strada? Chi non vuole o non può usare né pedali doppia funzione né scarpe doppia funzione pure loro?

Una idea potrebbe essere ricorrere a piccole piattaforme a cui avvitare le tacchette: le applichiamo al pedale e lo trasformiamo in flat.

L’idea sulla carta è buona. Una soluzione semplice, a basso costo, potenzialmente in grado di far contenti molti.

Certo, è pur sempre una soluzione di compromesso, adatta a chi pedala il 95% del tempo agganciato e ogni tanto ha bisogno di poter usare quella bici con scarpe da passeggio, prive di tacchette.

Un uso residuale, chi necessita di pedalare spesso con gli attacchi farà bene a valutare altre opzioni, per esempio pedali a sgancio rapido come quelli proposti da MKS e di cui ho pubblicato sia la recensione che un articolo per la loro manutenzione.

Adattatori quindi da sfruttare in qualche occasione. Ma in quelle poche occasioni sono poi realmente efficaci? Perché una cosa è l’idea che sembra buona, altra l’utilizzo. Non voglio andare subito alle conclusioni, preferisco seguire lo schema solito della divisione in quattro paragrafi.

Però una cosa ve l’anticipo: mai come in questo caso tra teoria e pratica c’è una distanza incolmabile.

Voltiamo pagina e andiamo a conoscere questi adattatori.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore.
Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.
Se l’articolo che stai leggendo ti piace, condividilo sui tuoi social usando i pulsanti in basso. E’ facile e aiuti il blog a crescere.

COMMENTS

  • valentino

    ciao Fabio,

    io uso (anche nel mio caso saltuariamente) due adattatori autocostruiti con due pezzi di lamiera di alluminio spessa un paio di mm a cui ho imbullonato sul lato inferiore le tacchette SPD. Sul lato superiore ho incollato sopra alla lamiera due fogli di gomma spessa 6/7mm, con un’apertura al centro per ospitare i dadi di fissaggio delle tacchette, in maniera che il tutto sia a filo. Le dimensioni di queste “pedane” sono circa 80 mm di lunghezza e 55 mm di larghezza.
    Anche nel mio caso la pedana è normalmente ruotata verso il basso, ma non ho problemi nel farla ruotare in alto per poggiarci la suola della scarpa. Una volta poggiato il piede la gomma è liscia e posso spostare di pochi mm il piede per trovare l’appoggio migliore. Unico neo, quando piove la gomma della pedana tende a scivolare, dipende anche da che scarpe uso.
    La gomma è ricavata da fogli usati per risuolare scarpe (ne avevo un pezzo non ricordo nemmeno più come e perché, in ogni caso non faccio il ciabattino !).
    Soddisfattissimo della mia autocostruzione, li uso saltuariamente ma non ho riscontrato i problemi che hai segnalato sui tuoi. Ciao !

    • Elessarbicycle

      Ciao Valentino, grazie per questo tuo contributo; e poi io apprezzo sempre il far da sé 😀
      Con l’utilizzo della gomma hai risolto il problema della collocazione di appoggio, qui resa impossibile dai pin.
      Anche io avevo parzialmente risolto rimuovendoli e usando l’antiscivolo, ma in un test è notazione per conoscenza: non può sostituire il giudizio sull’oggetto in prova così come creato e fornito dall’azienda.
      Per questo alla fine li ho bocciati.

      Fabio

  • Baldasni

    Ma attaccare due. Una sopra e una sotto. Bilancerebbe il peso

    • Elessarbicycle

      Ciao, certo bilancerebbe ma a che pro? A questo punto usi direttamente i flat. E poi il discorso sarebbe applicabile solo per gli spd, gli stradali no

      Fabio

Commenta anche tu!