Siamo tutti Pinocchio

La vita di un ciclista potrebbe fornire materiale per un romanzo a metà tra “Incompreso” e una spy story alla Le Carrè; a noi è Pinocchio a darci l’ispirazione.

Una vita passata con le nostre compagne (a due gambe) che o non ci comprendono o a cui nascondiamo la nostra vera identità; soprattutto identità e costi delle nostre altre compagne (a due ruote). Pensate se le lasciamo vedove e loro si vendono le bici a quanto noi abbiamo detto di averle pagate. State tremando, eh?

Ho un amico che si è presentato a casa con un kit telaio top di gamma. E senza batter ciglio ha raccontato alla moglie “No, sai com’è, in cambio di quelle pratiche che gli ho seguito mi ha lasciato questo telaio, niente di che, e poi non è che ci ho lavorato tanto”. Fin qui, ancora ci siamo. Ma a rendere il tutto semplicemente fantastico è stata la risposta della moglie “Però che tirchio, solo un telaio, manco due ruote sotto ci stanno…”

Ecco, noi siamo mariti/compagni/fidanzati fedeli, non ci droghiamo, non giochiamo d’azzardo, non ci accompagniamo a signorine di dubbia moralità: ma quando si tratta di bici altro che faccia da poker che sappiamo tirar fuori!

Mia moglie invece appartiene alla categoria “non ci capisco, guardo i colori”. Vedendo me fissare il vuoto, ossia il posto dove prima riposava Elessar e che adesso è appunto vuoto, mi fa “Vabbè, ma tieni quell’altra, bellissima, usi quella”. E io “Si d’accordo, ma quella è una sportiva estrema, a usarla per i miei giri randagi è scomoda”.

“Ma no, io dico l’altra, quella con le strisce arancioni”

“Ehhhhhhhhh???????? La Schwinn????? Ma scherziamo? Ti rendi conto che stai mettendo sullo stesso piano una Fiat Duna e una Bugatti?”. Piango.

Per non dire della volta che vide affiancate la mia X-lite e la Nirone di Antonello (altro Antonello, non quello della Surly) e se ne uscì con un “Uh, come è bella la tua bici Antonello, più di questa cosa tutta nera”. Glielo ho fatto ripetere, registrando: lo userò come motivo per chiedere il divorzio.

Bianchi Nirone che, tra l’altro, pure trovò casa con una pinocchiata; se non ricordo male era qualcosa del tipo “Fabio me l’ha regalata in cambio dell’aiuto che gli ho dato a fare le foto per il suo libro”. Antonè, erano tre foto, le altre le feci io, ma ti ha mai detto che le hai fatte male? Le mie, che lei crede tue.

Il mio preferito però resta l’altro Antonello, quello della Surly. Tutti gli acquisti direttamente con carta di credito della compagna, tanto che siccome spesso le ditte sbagliavano e lasciavano come nome Stefania ecc. i corrieri se lo sono imparato e citofonano me. “Avvocà, sta un pacco per Stefania ecc, roba di bici: solo vostra può essere”.

Ecco, Stefania sa perfettamente quanti soldi butta Antonello, quindi non c’è menzogna. La vera forma d’arte, inarrivabile, è usare la sua carta di credito. Un mito.

Tornando a mia moglie, nel suo maldestro tentativo di consolarmi mi fa “Dai, poteva andare peggio, potevano rubare la bici di Antonello mentre la provavi”.

“Peggio? Magari invece, così se la piangeva lui la bici e io tenevo la mia; ma vedi te chi mi sono sposato…”

A proposito Antonello, con un amico così non hai bisogno di nemici.

E voi? Avete il coraggio di pubblicare le vostre marachelle? Inutile che dite di non aver mai mentito: sarebbe solo una altra bugia.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

Ti è piaciuto questo articolo? Scrivi un commento oppure clicca sul pulsante “Mi piace”. Puoi condividerlo con i tuoi amici sui tuoi social o inviarlo loro via email, basta un clic sui pulsanti in basso. E se vuoi essere sempre aggiornato su ogni nuova pubblicazione non dimenticare di iscriverti al blog.

Sono Fabio Sergio, giornalista, avvocato e autore. Vivo e lavoro a Napoli e ho dato vita a questo blog per condividere la passione per la bici e la sua meccanica, senza dogmi e pregiudizi: solo la ricerca delle felicità sui pedali.

COMMENTS

  • Ciccio

    ho preso una litespeed t5g per “meno di mille euri. Più o meno quanto ho pagato la shwinn per te, amore”

  • fino ad ora niente bugie, ma sabato scorso sono stato tentato dal comprare una Whistle da corsa con bel montaggio campagnolo, in alluminio, in vendita usata a 450, bella bici, usata pochissimo. Volevo portarla a casa e contemporaneamente far sparire il cancello Bianchi in acciaio anni ’90 che ho dicendole di aver fatto scambio…. Ma non me la son sentita (almeno fino a oggi, ma la bici Whistle è ancora lì…) sono ancora pischello in queste cose qui nonostante sia alla soglia dei 40 anni….Ma attendo di leggere gli altri commenti per trovare spunti e coraggio 🙂

  • Io bugie niente, ma ultimamente uso la formula “a rate”:
    Io: “Amore guarda che carina questa bici!
    Lei: “Ma sai che io non ci capisco niente e giudico solo i colori; quanto costa”.
    Io: “Il telaio lo danno per appena €700, poi mancano le altre cose ma il grosso del costo è quello…

    Daniele

  • Enzo

    Io spero solo che se dovessi morire mia moglie non venda le mie bici a quanto le ho detto di averle pagate.

    • Elessarbicycle

      E bravo a Enzo, finalmente! Diglielo a ‘sti altri boy scout, tzè 🙂 🙂 🙂

      Attenzione però, la cosa può essere reciproca:
      “Cara, dove sono 3000 euro che erano nel cassetto?”
      “Investiti”
      “Una o due parole?”

      Fabio

  • Ciao Fabio, forse non sai che un amico a luglio mi ha prestato una Wilier perché non sapeva dove metterla: lui ne ha troppe, fa acquisti compulsivi e poi si è trasferito. Ancora non riesce a riprendersela. Forse me la regala …

    • Elessarbicycle

      Alèèèèèèèèèèèèèèèè, ottimo!

      Fabio

        • Elessarbicycle

          Vero vero, gli amici sono importanti.
          “Caro, la mia amica ha bisogno di aiuto, la madre non sta bene, vado una settimana da lei a darla una mano”
          “Oh fai bene, l’amicizia è importante; però a che ti serve il bikini a gennaio?”
          “No sai, lei ha questa mania compulsiva di fare i lavori a casa e ha costruito una piscina riscaldata…”
          “Ah, ok, non ti affaticare”.

          Fabio

  • max

    A dicembre 2014 ho acquistato un telaio in acciaio fatto su misura dicendo che avevo speso tutti i soldi della tredicesima per fare i regali a lei ai fratelli, sorelle, nipoti, bambini, ai nonni e a tutti i parenti sino al 3° grado.

    ciao Max

    • Elessarbicycle

      Nooooo!!!!!
      Questa è da standing ovation!!!!
      Non se la prendano gli altri, ma per adesso il primo posto è di max, per forza

      Fabio

  • Il bello di esser tornati single…

  • Elessarbicycle

    Tranquillo, poi a fine mese Stefania vede l’estratto conto della sua carta di credito e hai voglia se le torna la memoria…

    Fabio

  • Dico sempre e solo la veritá, che poi, in fondo, non é altro che un`altra bugia. Troppo zen?

  • Matteo

    Le mie bici sono “riverniciate” al ritmo di una all’anno……… Bella questa bici, ma è nuova? Nooooo, ho riverniciato solo il telaio………………

Commenta anche tu!